Salutamassòreta

Salutamassòreta

Copyright

L'intero contenuto del sito, comprendente scritti, disegni, vignette, illustrazioni, fotografie non può essere né copiato né replicato su altri siti web, riviste, giornali, CD-ROM o altri tipi di supporto senza il consenso dell'Autore. L'autorizzazione deve essere richiesta per iscritto, via-posta elettronica, direttamente a francescodotti@alice.it e si ritiene accettata solo dopo esplicito assenso scritto dell'Autore.
Il silenzio, pertanto, non significa "assenso" e non dà diritto ad alcuna autorizzazione.
Grazie

The entire contents of the site, including writings, drawings, cartoons, illustrations, photographs can not be copied or replicated on other websites, magazines, newspapers, CD-ROM or other medium without the permission of the Author. The permit must be obtained in writing, via e-mail directly to francescodotti@alice.it and it is considered accepted only after explicit written consent of the Author.
The silence, therefore, does not mean "consent" and does not entitle it to any authorization.

Thanks

Thanks

Avvertenza

Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog potrebbero essere tratti da internet e, pertanto, considerati di pubblico dominio. Qualora, però, la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'Autore, vogliate comunicarlo via email.
Saranno immediatamente rimossi.
L'Autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link, né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.
Creative Commons License
Tutte le opere e le immagini di questo blog sono pubblicate sotto una Licenza Creative Commons.

Quartu nube tossica






Così, oggi si chiudono due scuole e si cerca di gestire l'emergenza. Staremo a vedere quanto dureranno gli incontri istituzionali e cosa decideranno di fare, perché il fumo continua ad appestare l'aria della città. Nel frattempo dobbiamo respirare, e non possiamo certo rimanere in apnea aspettando che passi l'emergenza...
Qui sotto, a proposito di altre "emergenze" da gestire, alcune immagini del Poetto di Quartu tra il Lungomare del Golfo e la pista ciclabile interna, scattate nello scorso mese di agosto. Così è stato ridotto da quegli Italiani che hanno a cuore il proprio Paese e i luoghi che abitano e frequentano...









A seguire, sotto, due immagini dell'incendio che nel maggio scorso ha distrutto un locale sul lungomare Poetto di Quartu
fonte:



 Poetto - Bussola: Monumento ai Caduti, passati e... futuri...

Viale Colombo - attraversamento pedonale (lato Liceo Classico, ang. Via Caboni) 
 
Tra l'altro, in uno dei tanti articoli ci si chiede come possa, una zona vincolata e protetta, "ospitare" una discarica. Proverò a dare una risposta. E' semplice: se un lungomare (il Poetto) versa da mesi in simili condizioni - ed è sotto gli occhi di tutti -, figuriamoci la zona interessata dai fumi, che è rimasta per anni nascosta alla vista e in gran parte praticabile solo da quegli stronzi che ci hanno buttato di tutto...
O sbaglio?


fonti:
http://www.ilgiornale.it/news/cronache/quartu-santelena-aria-irrespirabile-sindaco-chiude-due-1444076.html
http://www.lanuovasardegna.it/cagliari/cronaca/2017/09/20/news/allarme-diossina-a-quartu-il-sindaco-chiude-due-scuole-1.15879553
http://www.sardegnaoggi.it/Cronaca/2017-09-19/37743/I_fumi_di_Molentargius_invadono_Quartu_chiuse_due_scuole_E_il_caso_arriva_in_Procura.html
http://www.unionesarda.it/multimedia/articolo.aspx?id=645773
http://www.sardegnaoggi.it/Cronaca/2017-09-19/37730/La_denuncia_dei_volontari_antincendio_Nel_parco_di_Molentargius_interrati_pneumatici_metalli_e_plastica_-_FOTO.html
http://www.unionesarda.it/articolo/cronaca/2017/09/19/quartu_notte_da_incubo_la_puzza_di_bruciato_provoca_nausea_e_toss-68-646025.html
http://www.unionesarda.it/articolo/cronaca/2017/09/19/quartu_notte_da_incubo_la_puzza_di_bruciato_provoca_nausea_e_toss-68-646025.html
 

Molentargius Quartu aria irrespirabile


Per correttezza d'informazione, alle 01:16 aggiungo un servizio di Videolina andato in onda ieri alle 20:15, in cui si parla delle misure straordinarie che il Prefetto di Cagliari, Tiziana Costantino, adotterà per l'emergenza causata dai fumi tossici provenienti dal Molentargius.
fonte:
http://www.videolina.it/articolo/tg/2000/01/01/emergenza_molentargius_la_prefettura_adotta_misure_straordinarie-78-646218.html 

In attesa che le richieste "urgenti" per un "tavolo tecnico" vengano espletate dagli organismi preposti, burocrazia permettendo, la popolazione di Quartu Sant'Elena aspetta... "saldata" in casa. 
Intanto, i fumi mefitici a base di monossido di carbonio, più i vari ed eventuali ossidi di azoto e soprattutto diossina provenienti dal Molentargius e dal suo "misterioso" contenuto sotterraneo continuano ad essere esalati. Sperando che nessuno si ammali, e confidando, per ora, solo nei venti (intesi come movimento di una massa d'aria). Ovvero, se arriva lo scirocco 👉 siamo salvi, se invece soffia il maestrale 👈 - o il ponente, o comunque venti provenienti dai quadranti nord occidentali -siamo fottuti!

in questo caso sta soffiando il maestrale...



 
A proposito degli inquinanti, e in particolar modo quelli "organici persistenti" tra i quali la diossina, vale la pena di ricordare che se n'era occupata anche la Convenzione di Stoccolma nel corso di un convegno tenutosi nel maggio del 2001 ed entrato in vigore il 17 maggio 2004, con l'obiettivo di eliminare e diminuire l'uso di alcune sostanze nocive per la salute umana. Perché le diossine, oltre ad essere tossiche, sono altamente cancerogene, e siccome tendono ad accumularsi nei tessuti viventi - soprattutto nei grassi - anche un'esposizione minima può recare seri danni. 
Tra l'altro, il tempo di dimezzamento della sua tossicità (emivita) nell'uomo varia più o meno da 6 a 11 anni. Perciò, fatevi due conti e nel frattempo raccomandatevi al... vento!😨

fonti:
https://www.vistanet.it/cagliari/blog/2017/09/19/fumo-aria-irrespirabile-quartu-sindaco-delunas-si-rivolge-alla-prefettura/  

Quartu aria irrespirabile


Tra gli anni '70 e '80 alcuni tratti della fascia sabbiosa del Molentargius che da Cagliari conducono a Quartu S. Elena, a causa degli insediamenti urbani hanno subìto una profonda trasformazione.
Tra le principali emergenze ambientali di tale fascia vale la pena di ricordare le numerose discariche abusive sorte un po' dovunque, dove nel tempo è stato scaricato di tutto. La successiva pressione antropica e la necessità di utilizzare tali terreni a scopo abitativo, può darsi che abbiano reso necessario, al posto di una complicata e costosa bonifica del territorio, "coprire tutto con qualche camion di terra e seppellire" definitivamente i rifiuti abbandonati. Sui quali, nel corso degli anni, è cresciuta una folta vegetazione palustre.
Nello scorso mese di luglio, alla periferia di Quartu - tra le vie Marconi e Turati -, c'è stato un vasto incendio che ha lambito anche una scuola e ha riempito di fumo mezza città. Subito intervenuti, Protezione Civile e Vigili del Fuoco, sono riusciti a domarlo con ripetuti interventi degli elicotteri.

fonti:
http://www.unionesarda.it/articolo/cronaca/2017/07/14/quartu_incendio_minaccia_un_distributore_di_benzina-68-623217.html 
http://www.castedduonline.it/quartu-brucia-grosso-incendio-tra-via-marconi-e-via-turati-video/ 



 Scuola Via Turati

A causa della prolungata siccità che ormai dura da alcuni mesi, è probabile che il terreno non abbia assorbito l'acqua gettata dagli elicotteri dell'antincendio, che se è servita a spegnere le fiamme in superficie non è stata tuttavia sufficiente a impregnare il terreno sottostante. Infatti, se il calore sviluppato dalla combustione in superficie è elevato, può avvenire che quello propagatosi nel sottosuolo, non potendo fuoriuscire, si alimenti e continui a bruciare senza fiamma attraverso "corridoi" d'ossigeno che provengono dall'esterno. 






 
Ne è risultato che nei giorni seguenti (fino ad oggi, 18 settembre compreso) si è sviluppata una combustione lenta delle sostanze vegetali presenti nel sottosuolo (torba, muschio e humus indecomposto), e probabilmente anche dei rifiuti, che ha reso irrespirabile l'aria di buona parte del centro abitato. 
fonti:
http://www.unionesarda.it/multimedia/articolo.aspx?id=645716
http://www.unionesarda.it/articolo/cronaca/2017/09/18/quartu_focolai_in_discarica_fumo_nero_e_puzza-68-645705.html
 


Più volte chiamati e prontamente intervenuti anche di notte, sia i Vigili del Fuoco che la Guardia Forestale, quando si sono resi conto della situazione hanno detto che solo l'intervento massiccio di un Canadair che sganci sul posto diverse "bombe" d'acqua potrebbe risolvere il problema in profondità.
Ma la richiesta per un simile provvedimento necessita di procedure complicate, oltre che costose, coordinate tra Regione, Protezione Civile, Corpo Forestale, Vigili del Fuoco attraverso il Centro Operativo Aereo Unificato (Coau).
fonti:
http://www.protezionecivile.gov.it/jcms/it/view_dossier.wp?contentId=DOS25433

Da tenere presente che gli incendi "sotterranei" sono i peggiori, e se non s'interviene subito in modo adeguato possono durare addirittura degli anni. Gli esempi, ahimè, non mancano...

fonti:

http://www.repubblica.it/2007/08/sezioni/ambiente/incendi-sottosuolo/incendi-sottosuolo/incendi-sottosuolo.html 
http://museorosate.altervista.org/incendi/incendi.html
https://it.wikipedia.org/wiki/Centralia_(Pennsylvania)



Fatta l'Italia, bisogna fare gli Italiani



In effetti, la frase che D'Azeglio pronunciò oltre 150 anni fa al primo Parlamento italiano poneva in rilievo i principali difetti del nostro popolo: l'indisciplina, l'immoralità, la disonestà e lo scarso senso civico. Riassumendo in una parola: l'educazione. Ai quali personalmente aggiungerei l'ipocrisia, e una buona fetta di menefreghismo. Mi ero dimenticato voltagabbana, e così l'ho aggiunto stamani appena alzato. Soprattutto tra le varie classi politiche, che in molti casi sono formate proprio da alcuni di questi italiani che tutti quanti abbiamo votato e che presto ci troveremo a dover rivotare.

Interessante da leggere:
https://www.miglioverde.eu/replica-a-bracalini-la-questione-meridionale-e-colpa-dei-savoia/
 

Sarà capace, tale popolo, maestro insuperabile nell'arte di arrangiarsi, di avere un rigurgito di sana consapevolezza della propria vita, approdando prima di tutto a se stesso che al mondo esterno? In buona sostanza, invece di guardare in casa d'altri guardiamo prima in casa nostra. Magari cercando di mettere in pratica l'evangelico "non fare agli altri quello che non vorresti fosse fatto a te". Sono convinto che vivremmo meglio tutti quanti.

fonti:
https://ununiverso.it/2016/08/08/la-gabanelli-sputtana-questo-stato-ladro/

https://www.youtube.com/watch?time_continue=30&v=UNQK4hHGpRU
http://www.ilgiornale.it/news/rivolta-contro-tasse-che-insanguin-milano-1148428.html
https://www.rischiocalcolato.it/blogosfera/linciato-giuseppe-prina-la-prima-rivolta-anti-tasse-a-milano-109158.html
https://www.miglioverde.eu/il-furto-delle-pensioni-conferma-che-litalia-e-uno-stato-ladro/
http://www.liberoquotidiano.it/news/politica/12410029/vittorio-feltri-stato-strozzino-ladro-matteo-renzi-promessa-mancata.html
http://www.ilpopulista.it/news/7-Giugno-2017/15171/fisco-oppressivo-salvini-grazie-a-renzi-e-al-pd-lo-stato-ladro-e-ancor-piu-ladro.html

Dalla vostra parte - Attenzione, pensioni a rischio: ''l'inps ci chiede i...



Inps chiede soldi ai pensionati



E' notizia di questi giorni: pare che l'Inps stia inviando a migliaia di pensionati delle lettere con le quali richiede la restituzione di somme, versate "per errore", che variano da 700 a circa 56 mila euro. Una bella botta, specialmente per quelle categorie di pensionati i cui assegni tutt'altro sono fuorché generosi.
Come comportarsi in questi casi non è certo una cosa semplice. Anche perché sappiamo come vanno le cose da noi quando ci si scontra con la burocrazia. Che ormai è dappertutto...
fonti:
http://www.tgcom24.mediaset.it/cronaca/dalla-vostra-parte-l-inps-chiede-ai-pensionati-di-restituire-ingenti-quantita-di-denaro_3092926-201702a.shtml

http://urbanpost.it/pensioni-news-linps-chiede-indietro-soldi-migliaia-anziani-scusate-ci-sbagliati/
http://www.blitzquotidiano.it/economia/inps-chiede-soldi-ai-pensionati-la-denuncia-a-dalla-vostra-parte-2747798/
http://www.today.it/rassegna/lettere-inps-soldi-in-piu-pensioni-dalla-vostra-parte.html
http://www.ilfattoquotidiano.it/2017/01/03/pensioni-sindacato-da-febbraio-chi-riceve-lassegno-dovra-restituire-la-rivalutazione-dello-01-ricevuta-nel-2015/3293885/
https://www.investireoggi.it/fisco/lettere-inps-ai-pensionati-si-devono-restituire-le-somme-richieste/
http://it.blastingnews.com/lavoro/2017/06/indebiti-pensionistici-linps-chiede-soldi-indietro-al-pensionato-come-fare-001769201.html
http://it.blastingnews.com/lavoro/2017/01/novita-cassazione-l-inps-non-puo-chiedere-soldi-indietro-che-ha-dato-in-piu-ai-pensionati-001398771.html
http://www.studiocataldi.it/articoli/26454-pensioni-pagate-in-piu-niente-restituzione-all-inps-se-percepite-in-buona-fede.asp
https://www.lecodelsud.it/linps-ai-pensionati-errore-calcolo-nelle-pensioni-ridateci-soldi-la-cassazione-nessuna-restituzione
http://www.ilgiornale.it/news/politica/crociata-pensionato-contro-linps-rivoglio-i-soldi-sottratti-1438020.html

Tuttavia, da quello che ho letto e forse anche capito 😕, un conto è se a sbagliare è stato l'Ente previdenziale e un altro è se abbiamo agito noi in malafede comunicando dati errati. Nel primo caso, se ha sbagliato l'Inps, pare che non si debba restituire nulla. Mentre nel secondo caso, cioè se è stato il pensionato ad agire con dolo per beccarsi qualche euro in più, allora bisogna pagare.
A stabilirlo è stata una sentenza della Cassazione, la n. 482 dell'11 gennaio 2017.
fonte:
http://www.sentenze-cassazione.com/pensioni-linps-non-puo-recuperare-le-somme-in-piu-gia-versate/

Tanti auguri! 
 

Domicilio digitale



Sembra quasi pronta l'Anagrafe unica, che attraverso un domicilio digitale consentirà alla Pubblica Amministrazione di dialogare con tutti i cittadini che intenderanno servirsene. Almeno così ho capito...
fonti:
http://www.tgcom24.mediaset.it/economia/p-a-via-libera-al-domicilio-digitale-per-tutti-i-cittadini_3093330-201702a.shtml
http://www.repubblica.it/economia/2017/09/08/news/via_libera_al_domicilio_digitale_per_tutti_i_cittadini-174925015/
http://www.corriere.it/economia/17_settembre_09/ecco-domicilio-digitale-multe-atti-pubblici-arriveranno-via-mail-risparmi-250-milioni-eeb0a6e4-94bb-11e7-add3-f41914f12640.shtml
 


E per tutti i tentativi di "phishing" che quotidianamente ci ritroviamo tra le e-mail? Come facciamo a distinguere quelle buone da quelle fasulle? Io, per esempio - ma sono sicuro che succede anche a voi -, ogni giorno mi ritrovo una caterva di e-mail provenienti da sedicenti "equitalie", da gestori telefonici che mi offrono rimborsi sospetti, oppure di premi che avrei vinto e di spedizioni per ritirare cose mai ordinate. Per non parlare delle banche, delle poste, delle carte di credito, dei conti correnti e degli account che mi avrebbero bloccato... 
Per finire con le telefonate da call center in culo al mondo, a casa e sul cellulare e a ogni ora del giorno, della serie "la buggeratura corre sul filo". Perché se invece di dire "Pronto" disgraziatamente dici "Sì?...", oppure se a un certo punto dell'"intervista" ti chiedono se sei il Sig. Tal dei Tali (dicendo il tuo vero nome e cognome) e rispondi "Sì", sei fottuto! Ti ritrovi con un contratto, accettato con quel "Sì" e naturalmente mai voluto, che ti vincola alla fornitura di un nuovo servizio. Sul prezioso YouTube trovate un sacco di esempi...
fonte:
https://www.youtube.com/results?search_query=truffe+telefoniche

Come fai a fidarti di fornire i tuoi dati anagrafici, il codice fiscale e magari anche qualche informazione bancaria senza rischiare che finiscano nelle mani sbagliate? Insomma, siamo certi che in un Paese che la delinquenza d'importazione ha eletto come "paradiso del rischio penale" e in cui difendersi dai numerosi tentativi d'imbroglio appare sempre più difficile, il "dialogo" con la Pubblica Amministrazione, certificato o meno, sarà privo di rischi? Per quale motivo devo essere costretto a usare "attrezzi" informatici che non conosco, per giunta on-line e talvolta pericolosi, invece dei soliti moduli cartacei che utilizzo da anni, come i conti correnti o gli F24, per arrivare al semplice bancomat, che non mi hanno mai dato problemi perché li pago alla Posta o dal tabaccaio?
Io ci credo poco. Anche perché sono un anziano che diventerà presto vecchio. Con buona pace delle Authority e di tutti i "garanti" che vigilano...
Qui sotto trovate dei link (autentici! 😁), che vi consiglio di consultare perché vi daranno delle utilissime informazioni...
fonti:

https://www.keyforweb.it/rimborso-tim-occhio-allemail-truffa/
http://www.adnkronos.com/soldi/economia/2017/03/28/ecco-dove-partono-false-mail-equitalia_kq94BBqaYKN7SzshNA3p7M.html
https://business.laleggepertutti.it/20057_equitalia-ancora-una-truffa-ecco-come-difendersi
https://www.inbank.it/static/content/it/web/sicurezza/frodi-classiche.html
https://www.laleggepertutti.it/117060_estratto-conto-corrente-chi-puo-spiare-la-lista-dei-tuoi-movimenti
http://www.nanopress.it/cronaca/2016/02/01/come-fanno-a-rubare-i-soldi-dalla-postepay-e-come-possiamo-evitarlo/110159/
https://www.pressreader.com/italy/libero/20170130/281595240255502
http://best5.it/post/le-5-truffe-online-piu-pericolose-del-2016/
http://www.corriere.it/tecnologia/provati-per-voi/cards/truffe-online-8-indizi-riconoscere-quelle-online-via-email-chat-sms/truffe-arrivano-via-posta-chat-o-sms_principale.shtml
http://www.altalex.com/documents/news/2017/04/28/truffe-on-line-giudice-competente-per-territorio
http://tecnologia.libero.it/attenti-alle-truffe-online-10-consigli-per-non-perdere-soldi-12688
http://www.ravennatoday.it/cronaca/dilagano-le-truffe-online-50-denunce-in-sei-mesi-a-faenza-ecco-come-agiscono-i-siti-cinesi.html
http://www.105.net/news/tutto-news/234011/truffa-su-whatsapp-attenzione-al-falso-aggiornamento.html
http://tecnologia.libero.it/aggiornamento-whatsapp-la-polizia-lancia-lallarme-12922
https://www.investireoggi.it/tech/whatsapp-2017-nuovi-colori-interfaccia-arrivo-no-attenzione-alla-nuova-truffa-virus/

E non finisce qui...

Malaria Italia



Che le zanzare non siano una rarità è risaputo. Io sarò stato punto migliaia di volte. Inoltre, con la globalizzazione ci sono sempre più merci in arrivo e in partenza da ogni parte del mondo... e lo stesso avviene per le persone, che si spostano ormai dappertutto e con ogni mezzo. E poi le città, sempre più sporche e degradate. 
Scarsità di controlli e disinfestazioni periodiche non sempre efficienti? E' probabile. Verrebbe da chiedersi, per esempio, se tutti i barconi che sono approdati sulle nostre coste in questi anni, una volta scesi a terra i passeggeri, sono stati opportunamente disinfettati e bonificati. Io non lo so... ma è pur sempre un'ipotesi da prendere in seria considerazione...
fonti:
http://www.repubblica.it/salute/2016/01/24/news/virus_zika_primi_casi_in_gb_3_viaggiatori_infettati_non_si_trasmette_direttamente_da_persona_a_persona-131934234/ 
http://scienze.fanpage.it/la-zanzara-tigre-e-le-malattie-trasmesse/ 
http://www.eurogreen.net/disinfestazioni/disinfestazione-zanzare/habitat-e-diffusione-delle-zanzare-elementi-per-la-prevenzione/ 
http://www.greenstyle.it/zanzare-tigre-italia-infestata-consigli-difendersi-199990.html 
http://www.meteoweb.eu/2014/07/mitica-lotta-alle-zanzare-tutti-i-luoghi-comuni-i-miti-sfatare/302988/ 
https://www.ilfattoquotidiano.it/2017/09/07/malaria-in-italia-tre-considerazioni-scientifiche-sulla-bambina-morta-a-brescia/3842255/ 
http://www.liberoquotidiano.it/news/italia/13230709/malaria-in-italia-documento-del-ministero-della-salute-.html 
http://www.quotidiano.net/cronaca/malaria-in-italia-1.3381287 
http://www.tgcom24.mediaset.it/cronaca/malaria-in-italia-l-entomologo-caso-rarissimo-ma-le-poche-zanzare-anofele-autoctone-sono-difficili-da-debellare-_3092941-201702a.shtml 

Stupri



Attenzione a violentare la gente, perché oggi si ottengono identikit sempre più precisi...

Scampagnata



Stamani, ancora estate piena con un sole che spaccava le vetrate, ho deciso di fare una scampagnata. Così, ho preso la bici e ho cominciato a pedalare. Sembravo Prodi sul Passo della Cisa senza borraccia!
E... pedala... pedala... pedala, alla fine sono arrivato qui. Meno male che quando esco in bici per andare dove devo andare mi porto sempre dietro un po' di occorrente di quello che mi serve nel caso ne avessi bisogno: una cassa d'acqua, i guantoni da boxe per gli incontri truccati inattesi, due bottiglie di filuferru, il forno a legna, due saraghi, la canna da pesca, la maschera col boccaglio, il cavalletto da campagna, la sedia comoda e la scatola dei colori. 
Mi sono fermato in una radura davanti a un campo pervaso di papaveracee e altri rosolacci e, rapito da cotanto spettacolo che due stazzi e un cipresso oppresso generosamente mi offrivano, ho dato inizio alla rappresentazione pittorica (scusate il termine) che vi mostro. 
E' una tecnica mesta (sic!), nonostante i colori usati per ravvivarla. Non c'era manco un papavero, tanto la campagna era arida e infeconda... e neppure gli stazzi. E il cipresso aveva preso fuoco la settimana scorsa...
   

Torre spagnola



Il dubbio che mi assilla è quasi atroce... la torre, sarà spagnola o sarà cena? Mah... così, su due piedi, in verità non saprei cosa dirvi... Però, siccome domani dovrei sentire su wozzap il mio amico Filippo II di Spagna (nick name "Felipe el Prudente"), glielo chiederò. In questi giorni non sono riuscito a trovarlo perché impegnatissimo nell'assedio di Perpignano; e poi è talmente incasinato coi debiti che gli ha lasciato il babbo che stava addirittura pensando di dichiarare fallimento... 
In ogni caso, mi sono fatto un prospettino della torre così gliela spedisco e sento che mi risponde... 
Buona domenica!

Fichi d'India




A un dipresso ove nel Parco sòle occhieggiar un timido cipresso, l'altro giorno rinvenni codesta mandria di fichi d'India. Me n'avvedetti, poiché ancor turbato dall'estiva calura poc'anzi descritta, vi finii dentro con tutta la bici pompa compresa.
"Ahi me lasso!", gridai. "Or è stagion de doler tanto, e guerigion non truovo in altro loco!" 
 

Cagliari panorami




E' inutile... Cagliari è sempre affascinante! L'altro giorno, durante un'escursione in bici nell'assolato meriggio estivo (35° all'ombra, s. c.), così mi è apparsa e l'ho fotografata. Poi, ho reclinato il capo sul manubrio nei pressi del campanello e sono svenuto. 

Barca a vela



Oggi sono andato al mare per dipingere un amico che mi ha telefonato gratis su wozzap per dirmi che sarebbe passato da quelle parti con la sua barca a vela, e così sono partito. Giunto sul posto, pennelli in resta, carta pesta e colori nella cartuccera, mi sono appollaiato sul bagnasciuga e ho atteso pazientemente che l'amico passasse. Meno male che dopo quattro ore che ero lì in trepida attesa, l'amico è apparso quasi subito! Ho fatto appena in tempo a ritrarlo mentre stendeva la randa, che è venuto giù un acquazzone così forte da sbavarmi tutto il lavoro!
Ma ve lo faccio vedere lo stesso, velo, acciocché possiate, bontà vostra, accettarlo così com'è... 
Grazie per l'indulgenza, e distinti saluti a voi e alle vostre Spett. Famiglie.


Corea del Nord



Ci risiamo! Un altro missile, lanciato da quel brav'uomo di Kim Jung e dai suoi amici teste di razzo in uniforme... Che tuttavia lo sostengono, e ad ogni lancio saltellano ridendo come tanti bambini scemi. Il missile, anche stavolta ha sorvolato il territorio giapponese ed è caduto in mare spezzandosi in alcuni tronconi. Nel mare di tutti noi, e quindi anche mio! E se pensiamo che nel mare ci vivono i pesci, che tutti noi mangiamo me compreso, la cosa mi preoccupa e mi fa veramente imbestialire! Anche se ormai, piuttosto che un mare, è diventato una cloaca...
E poi non dimentichiamoci del clima, ormai impazzito, di un pianeta in viaggio verso l'agonia. Se vuoi provare i missili, fallo a casa tua. Te li tiri sulla testa, così cambi anche pettinatura e forse rinsavisci. Ma non pensi che tieni famiglia, e che dovresti farlo almeno per i tuoi cari?
fonte:
http://www.repubblica.it/esteri/2017/08/29/news/nordcorea_kim_jong-un_terzo_figlio-174109134/

I giapponesi, dal canto loro, sembrano quasi essersi assuefatti ai sorvoli, e molti di loro, anche se preoccupati, pare che prendano la cosa con la filosofia che li contraddistingue. Però intanto, cortesemente, s'inchinano e si mettono al riparo. Non si sa mai... Anche perché qualcuno di quei missili - diciotto lanciati finora - gli potrebbe pure cadere addosso per sbaglio.
fonti:
http://www.rainews.it/dl/rainews/media/Il-missile-lanciato-dalla-Corea-del-Nord-per-2700-chilometri-in-volo-sopra-il-Giappone-85e58bc8-1614-4d1c-906b-5f527f9c6b9e.html#foto-1
http://www.huffingtonpost.it/2017/08/29/per-cortesia-riparatevi-in-un-edificio-solido-o-in-un-seminterrato-leducazione-in-giappone-resiste-anche-negli-sms-dallarme_a_23189186/

Gli americani, invece, s'incazzano. Non perché si ritengano direttamente a rischio, ma perché "il coreano" continua a farsi i razzi suoi e praticamente se ne impipa di Trump e delle sue minacce. Senza contare che, stando così le cose, altri Paesi vicini alla Corea potrebbero dare il via a una corsa senza freni verso il nucleare, a scopi difensivi e come deterrente. Con rischi imprevedibili per tutti. 

Tuttavia è opportuno ricordare che a tali rischi, soprattutto per il clima, si somma pure lo scellerato ritorno al carbone da parte della politica energetica americana. Intanto è prossima la riunione del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, pronto a mettere sul tavolo "tutte le opzioni possibili" contro la Corea del Nord.
fonti:
http://www.ilvelino.it/it/article/2017/08/29/corea-del-nord-trump-ora-tutte-le-opzioni-sul-tavolo/9f9b177b-c333-493d-be02-6d9656ecd868/ 

http://www.quotidiano.net/esteri/corea-nord-lancio-missile-1.3361281
http://www.ilsussidiario.net/News/Cronaca/2017/8/29/Terza-Guerra-Mondiale-Corea-del-Nord-missile-attraversa-il-confine-del-Giappone/780074/
http://www.repubblica.it/esteri/2017/08/29/news/nord_corea_missile_reazioni_internazionali-174110684/
http://www.askanews.it/video/2017/08/29/la-corea-del-nord-lancia-missile-sul-giappone-la-paura-a-tokyo-20170829_video_11121566/
https://it.sputniknews.com/mondo/201708294953412-Kim-Jong-un-Nord-Corea-Pyongyang-USA-Sud-Corea-difesa-Guam/
http://www.ansa.it/sito/notizie/mondo/asia/2017/08/29/corea-nord-lancia-un-altro-missile_08bc774e-27e7-49bd-bbd6-11b38cee8b34.html


Così mi chiedo, e lo chiedo anche a voi: è mai possibile che a nessuno passi per l'anticamera del cervello - quel poco che stanno dimostrando di avere - che la Terra non è eterna - soprattutto per tutte le violenze alle quali l'abbiamo sottoposta nei secoli -, e che un giorno forse non lontano potrebbe ribellarsi in maniera imprevedibilmente violenta? 
Eppure, l'allarme è già suonato da un pezzo... 😡😡💀

 

Missile Corea del Nord




Roma migranti e guerriglia



Perché un immobile, ex sede di Federconsorzi, in seguito acquistato da un fondo che si occupa di investimenti immobiliari e vincolato dalla Soprintendenza perché di pregio, nel 2013 è stato occupato abusivamente da alcune centinaia di migranti? E perché, nonostante le numerose denunce e un decreto di sgombero del tribunale del 2015 - anche perché la struttura non è stata dichiarata idonea dai Vigili del Fuoco -, nel frattempo nessuno ha provveduto a sistemare, "accogliendoli" - visto che nell'accoglienza non ci batte nessuno -, gli abitanti di quel palazzo? Che, è giusto ricordare, sono provenienti per la maggior parte da Eritrea, Somalia, Etiopia, in regola con la legge sui rifugiati e richiedenti asilo politico, e che ancora non si sa dove saranno ricollocati. 
Perché l'accoglienza, nella quale siamo maestri, non viene invece adeguatamente gestita prima che diventi emergenza? Perché, invece di organizzare "tavoli" dai quali, visti i risultati, ci si alza con la pancia piena ma col cervello vuoto, una buona volta non si fa il contrario?
La politica deve dare delle risposte. Prima che siano i cittadini esasperati a darle alla politica...

fonti:
http://www.lastampa.it/2017/08/25/cultura/opinioni/editoriali/le-domande-senza-risposte-izsJLLdUsbTaGgFtKj9JjO/pagina.html
http://www.ilgiornale.it/video/cronache/migranti-sgomberati-piazza-indipendenza-roma-usati-idranti-1433555.html
http://ilmattino.it/primopiano/cronaca/roma_guerriglia_capitale_rifugiati-3201566.html
http://www.ilgiornale.it/news/cronache/palazzo-ostaggio-dei-profughi-nel-centro-roma-1300068.html
http://www.ilpost.it/2017/08/23/rifugiati-piazza-indipendenza-roma/
http://roma.corriere.it/notizie/cronaca/17_agosto_19/roma-sgombero-palazzo-occupato-federconsorzi-curatone-1d3e4ee2-84ab-11e7-a2db-15c045197363.shtml?refresh_ce-cp
http://roma.corriere.it/notizie/cronaca/16_dicembre_04/roma-palazzo-gioiello-anni-50-occupato-abusivamente-migranti-adb098b8-ba53-11e6-99a2-8ca865283c9e.shtml
http://roma.corriere.it/foto-gallery/cronaca/16_dicembre_04/ecco-palazzo-via-curtatone-prima-dell-occupazione-abusiva-6c1a796a-ba52-11e6-99a2-8ca865283c9e.shtml?fromArticle=true
http://www.ideafimit.it/it/la-societa/chi-siamo/index.html
http://www.ideafimit.it/it/i-nostri-immobili/index.html



Quadri a macchina


Oggi, cari amici vicini e l'ontani querce comprese, siccome è domenica e fa sempre caldo (ve ne siete accorti?), non sapendo come inventarmi la giornata ho pensato di fare qualcosa di nuovo. E così, pensa che ti ripensa, mi è venuta un'idea. Vedendo che c'è in giro un sacco di gente, me compreso, che s'ingegna a dipingere quadri a mano - ma anche a piedi, a occhio e a bocca -, verso le 17:30 mi sono guardato allo specchio e mi sono detto: "Oeilà, tu! Invece di stare a perdere tempo aspettando che passi il caldo, perché non t'inventi qualcosa?"


Così, dirlo e farlo è stato tutt'uno. Ho preso la vecchia Olivetti con la quale anni orsono scrivevo articoli e aggettivi per un sacco di quotidiani, ci ho infilato dentro un bel foglio bianco di carta buona, ho rovesciato sul rullo mezzo barattolo d'acqua del rubinetto e qualche boccetta di colore ad acqua preso a caso dal magazzino, e poi ho cominciato a battere sui tasti la prima cosa che m'è venuta in mente. Anzi, ho messo direttamente la seconda perché nel frattempo, durante la preparazione dei colori, la prima me l'ero dimenticata. Succede...
Il risultato, lo vedete anche voi, è stato strabiliante. Ho dipinto un quadro a... macchina!

 
L'unica cosa che però stona con tutto il resto, è la firma. Troppo... keyboard, come si direbbe oggi. 
A presto!

Fari



Quando mi sono accorto che il faro che avevo dipinto per sbaglio al posto del varo era pure brutto, ne ho dipinto un altro. Che ci volete fare, questi fari sono fatti così: li vedi tranquillamente appollaiati sulla scogliera, immobili e disponibili ad essere ritratti o fotografati, e credi che trasferirne l'immagine su un fogliaccio come quelli che di solito uso sia un'operazione facile. E invece non è così. 
A volte dipende dal punto di osservazione dove ti trovi, a volte dalla carta che adoperi, a volte da una barca, o da un gabbiano, disegnati nel punto sbagliato...
Insomma, per farla breve, qui ho provato a cambiare quasi tutto. Compresa la carta.
E non so a voi, ma a me questo piace di più! Poi me lo farete sapere...
Buona domenica! 

Il faro




Stamani un'amica che non vedevo da anni, imparentata con quella famosa zia di Rontagnoppolo di Sopra (RdS) in quanto cugina di terzo grado del cognato del fratello di un carissimo amico che ha sposato in seconde nozze la nipote del marito di questa zia e poi è fuggito in Brasile con l'idraulico che era andato a riparargli una perdita nel bagno vicino alla cucina, ma poi s'è accorto che il guasto era in veranda e così sono scappati insieme... questa amica, vi dicevo, stamani mi ha telefonato per invitarmi alla cerimonia del varo di una nave da carico perché l'armatore le aveva chiesto di fare da madrina. Così mi sono preparato di tutto punto, e siccome il varo lo facevano sul mare, al porto, ho pensato di portarmi dietro anche l'attrezzatura da pittore estemporaneo per dipingere qualcosa a cerimonia finita. Arrivato al porto, però, non c'era ancora nessuno e così mi sono seduto sopra una bitta ad aspettare che arrivasse qualcuno. Ma, aspetta... aspetta... aspetta... quando verso sera ho visto che nessuno arrivava, ho pensato "Pazienza... anche se è tardi e le tenebre avanzano inesorabili, vorrà dire che dipingerò il porto, con i pescherecci e la città in lontananza"... 
Mentre disponevo sul cavalletto marino la carta e preparavo i colori, mi sono accorto che i pescherecci nel frattempo erano partiti e la città non si vedeva più perché si era fatto buio. Così ho dipinto a caso qualcosa, tanto per non restare con i pennelli in mano senza far nulla. Verso mezzanotte, siccome si era alzato anche il vento e mi stavo spettinando tutto, ho riposto l'attrezzatura nella borsa da impressionista acquistata a Parigi e mi sono avviato mestamente verso casa. Non potete immaginare la mia meraviglia allorquando ho tirato fuori il dipinto dalla borsa e mi sono accorto che invece del varo avevo dipinto un faro!
E pure brutto!

 

Quadri dipinti


Stamani mi sono svegliato prestissimo. Alle 5 o poco più. Per colpa dei soliti... problemi "idraulici", ai quali probabilmente si è aggiunto il fatto che ieri, Ferragosto, sono rimasto in casa tutto il giorno "buttato" sul divano a leggere le lettere tra Seneca e Lucilio. Interessanti, belle e attuali fin che vuoi, ma alla fine mi sono addormentato. Mi ha svegliato la mia Signora, prima di cena, preoccupata che il "ciccione ridens" nordcoreano dalla buffa capigliatura avesse dichiarato guerra al mondo, e che l'altro, l'Americano, non avesse sufficientemente criticato le virginiane intolleranze razziali di Charlottesville.
Così è probabile che l'aver dormito troppo ieri e le ferali notizie quotidianamente propinate dalla stampa tutta, abbiano turbato i miei sonni, peraltro di solito tranquilli, facendomi destare prima del previsto. E per di più pensando alla mia sempre più probabile e imminente, data l'età, dipartita. 
Questo fatto, però, badate bene, non mi spaventa in quanto tutto quanto finisce, me compreso. Però mi preoccupa. Che fine farà il mio blog? Chi avviserà chi mi segue che non troverà più le mie vignette... i miei schifosi acquerelli, e tutte le cazzate che di solito scrivo compresa questa? E se mi dovessi risvegliare in una casa più piccola... tutta la roba che ho dove la metterei? E le batterie dalle macchine fotografiche? Chi le toglierà, prima che perdano l'acido? E tutti i quadri che negli anni ho dipinto, che fine faranno? Troveranno chi li apprezza, o invece finiranno col secco - almeno quelli ormai asciutti - dentro il camion della spazzatura? Addirittura ancor prima che qualcuno abbia potuto vederli...
Perciò stamani mi è venuta un'idea: fotografare una parte dei miei lavori e metterli sul blog. Così almeno voi li potrete vedere, e naturalmente criticare dicendomi, tanto non mi offendo "caro Cecco (Dotti, per gli intenditori), questo fa schifo... quest'altro è carino, però al buio è più bello... ma perché invece dei pennelli e dei colori non ti sei comprato una canna pesca...", e via di questo passo. Allora, siete pronti? Bene, iniziamo con la prima carrellata: alcune "Nature morte" a olio, dipinte negli anni '90, un paio delle quali su carta, nelle quali credo siano riconoscibili uva, brocca con melanzane varie e un pomodoro, mele con melanzana e limone...






In quegli anni andavo in vacanza a Santa Teresa di Gallura e lì avevo conosciuto un signore di Roma, anche lui in vacanza con la moglie e il figlio. Diventammo subito amici, e quando scoprimmo che ci univa la stessa passione per la pittura non passava giorno che non andassimo in giro a dipingere armati di tele e cavalletti "da campagna". Vittorio, si chiamava così (e spero che si chiami ancora perché è da molto che non ci sentiamo), era molto bravo e il suo modo di rappresentare la Natura, con rapidi e sicuri colpi di pennello, senza indugiare nei particolari ma sintetizzando al massimo, mi piacque da subito. Da lui imparai tecniche nuove, e di questo ne fui felice perché era generoso e non mi lesinava mai utili consigli dei quali cercai di far tesoro.
Questa che ho trovato nella scatola stamani, e che vi mostro qua sotto, è una "marina" a olio su cartone che lui ha dipinto e che, insieme a tanti altri suoi lavori, nel tempo mi ha regalato. 
I colori, dati "a corpo" con la libertà e la disinvoltura del professionista, come vedete sono brillantissimi, a differenza dei miei in verità più opachi e "gessosi"... 


Nei prossimi giorni, siccome ho un altro paio di scatoloni da disfare, vi mostrerò altri quadri di Vittorio. Del quale credo di poter fare anche il cognome, perché non c'è niente di male: Marrè Brunenghi. Così si chiama.
I quadri che seguono, quasi tutti dipinti insieme a lui in giro per la Gallura, rappresentano stazzi e campagne nei dintorni di Santa Teresa: la chiesa di Buoncammino... Val di Mela... Litticchedda... e poi gli stazzi Nieddu e Caresi, sempre in Val di Mela... E poi qualche marina...










Da Vittorio, per esempio, ho imparato a sintetizzare alberi e macchia mediterranea racchiudendoli in spazi rotondi, ai quali ho cercato di dare (se ci sono riuscito) profondità e spessore giocando sulle tonalità di colore secondo l'asse luminosità-opacità-saturazione... Un po' come nella fotografia, perché alla fine le differenze sono minime...




Termino questa lunga carrellata, con la quale spero di non avervi annoiato, con tre lavori sempre di quegli anni: una campagna di cm. 8 per cm. 50; una veduta del paese di Perfugas (SS), e l'ultimo che ritrae i pini di un tratto di spiaggia del Poetto, a Cagliari.
Se domani sono ancora vivo e nei prossimi giorni la salute mi regge, presto ve ne mostrerò degli altri. Un caro saluto a tutti, e se ne volete comprare qualcuno per farmi arrotondare la pensione basta chiedere...
Buon fine settimana!