Salutamassòreta

Salutamassòreta

Copyright

L'intero contenuto del sito, comprendente scritti, disegni, vignette, illustrazioni, fotografie non può essere né copiato né replicato su altri siti web, riviste, giornali, CD-ROM o altri tipi di supporto senza il consenso dell'Autore. L'autorizzazione deve essere richiesta per iscritto, via-posta elettronica, direttamente a francescodotti@alice.it e si ritiene accettata solo dopo esplicito assenso scritto dell'Autore.
Il silenzio, pertanto, non significa "assenso" e non dà diritto ad alcuna autorizzazione.
Grazie

The entire contents of the site, including writings, drawings, cartoons, illustrations, photographs can not be copied or replicated on other websites, magazines, newspapers, CD-ROM or other medium without the permission of the Author. The permit must be obtained in writing, via e-mail directly to francescodotti@alice.it and it is considered accepted only after explicit written consent of the Author.
The silence, therefore, does not mean "consent" and does not entitle it to any authorization.

Thanks

Thanks

Avvertenza

Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog potrebbero essere tratti da internet e, pertanto, considerati di pubblico dominio. Qualora, però, la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'Autore, vogliate comunicarlo via email.
Saranno immediatamente rimossi.
L'Autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link, né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.
Creative Commons License
Tutte le opere e le immagini di questo blog sono pubblicate sotto una Licenza Creative Commons.

Indulto

Ieri sera, quando sono andato a letto, ho riflettuto a lungo sulla situazione della sorella di Celentano che, tra l’altro, ha anche il lavandino intasato. Effettivamente, come il Molleggiato afferma, non è per niente buona. La situazione.Me lo aveva già detto tempo fa un mio prozio di Sessa Aurunca di Sotto, prima che lo arrestassero per non avere esposto il disco orario. Lo aveva incastrato un ausiliario del traffico, abusivo e travestito da lavavetri. Condannato, prima a tre anni e poi a sei perché recidivo (aveva parcheggiato il motorino sulle strisce pedonali), il prozio di Sessa Aurunca di Sotto si aspettava di scontare la condanna in un residence di San Benedetto del Tronto. Ma il giudice, inflessibile, gli disse che nei residence di San Benedetto del Tronto ci può andare solo chi, ubriaco o con un tasso alcolico da cantina sociale, investe e ammazza almeno quattro persone. Così fu spedito ad Alcatraz. Per i primi mesi, anche se con notevole sacrificio, siamo andati a fargli visita. E per noi, che partivamo da Napoli, non era, come si dice, proprio “dietro l’uscio”: il viaggio lungo, gli aerei non sempre in orario perché gli equipaggi qualche volta venivano rapinati per strada e poi, quando finalmente giungevamo a San Francisco, spesso perdevamo il battello per “The Rock” perché ci fermavamo a parlare con Clint Eastwood che scappava inseguito dalle guardie. Una volta, per colpa nostra, lo hanno anche acchiappato e dal quel momento, per non fare brutte figure con gli americani perché può essere pericoloso, abbiamo deciso di aspettare che il prozio fosse scarcerato e non andammo più a fargli visita.
Scontata la pena e rientrato al paese natìo, giorni fa ci ha telefonato e ci ha raccontato che alcuni famosi pubblicitari lo hanno contattato per sponsorizzare un decongestionante per la prostata e una nuova linea di adesivi per dentiere. Ma non appena venuti a conoscenza che non aveva ammazzato nessuno, sono subito andati a cercare qualcun altro in un residence a San Benedetto del Tronto.
Francesco Dotti

1 commento:

mara malda ha detto...

Ben arrivato Francesco, sei già tra i miei Amici in www.marellagiovannelli.com
Buon scatenamento della tua irriverente e geniale fantasia.
Marella