Salutamassòreta

Salutamassòreta

Copyright

L'intero contenuto del sito, comprendente scritti, disegni, vignette, illustrazioni, fotografie non può essere né copiato né replicato su altri siti web, riviste, giornali, CD-ROM o altri tipi di supporto senza il consenso dell'Autore. L'autorizzazione deve essere richiesta per iscritto, via-posta elettronica, direttamente a francescodotti@alice.it e si ritiene accettata solo dopo esplicito assenso scritto dell'Autore.
Il silenzio, pertanto, non significa "assenso" e non dà diritto ad alcuna autorizzazione.
Grazie

The entire contents of the site, including writings, drawings, cartoons, illustrations, photographs can not be copied or replicated on other websites, magazines, newspapers, CD-ROM or other medium without the permission of the Author. The permit must be obtained in writing, via e-mail directly to francescodotti@alice.it and it is considered accepted only after explicit written consent of the Author.
The silence, therefore, does not mean "consent" and does not entitle it to any authorization.

Thanks

Thanks

Avvertenza

Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog potrebbero essere tratti da internet e, pertanto, considerati di pubblico dominio. Qualora, però, la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'Autore, vogliate comunicarlo via email.
Saranno immediatamente rimossi.
L'Autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link, né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.
Creative Commons License
Tutte le opere e le immagini di questo blog sono pubblicate sotto una Licenza Creative Commons.

La battaglia di Ceppaloni - di Francescandro Dottanzoni

Da "Il Conte di Carmagnola" di Alessandro Manzoni, il coro "La battaglia di Maclodio", combattuta alle porte di Brescia nel 1427, tra le truppe dei Filippo Maria Visconti (Duca di Milano) e quelle della Repubblica di Venezia, comandate dal capitano di ventura Francesco Bussone (detto "Il Carmagnola"), che vinse la battaglia e impose le proprie condizioni al Duca di Milano.

Scoppia a destra, siccome una bomba
e a sinistra si leva un lapillo,
con Di Pietro protesta rimbomba
mentre spunta per l'aere un vessillo.

Il drappello che tosto schierato
porta seco la gente perbene,
di giustizia e rigore assetato
per l'avallo allo sconto di pene.

Chi son essi? Per caso gli aggrada
Il decreto del Guardasigilli
che rimanda i bricconi per strada?

Se siam fatti a sembianza d'Un Solo,
se siam figli, e non solo pupilli,
perché devi salvare un mariuolo
in onore di alcuni cavilli?





Nessun commento: