Salutamassòreta

Salutamassòreta

Copyright

L'intero contenuto del sito, comprendente scritti, disegni, vignette, illustrazioni, fotografie non può essere né copiato né replicato su altri siti web, riviste, giornali, CD-ROM o altri tipi di supporto senza il consenso dell'Autore. L'autorizzazione deve essere richiesta per iscritto, via-posta elettronica, direttamente a francescodotti@alice.it e si ritiene accettata solo dopo esplicito assenso scritto dell'Autore.
Il silenzio, pertanto, non significa "assenso" e non dà diritto ad alcuna autorizzazione.
Grazie

The entire contents of the site, including writings, drawings, cartoons, illustrations, photographs can not be copied or replicated on other websites, magazines, newspapers, CD-ROM or other medium without the permission of the Author. The permit must be obtained in writing, via e-mail directly to francescodotti@alice.it and it is considered accepted only after explicit written consent of the Author.
The silence, therefore, does not mean "consent" and does not entitle it to any authorization.

Thanks

Thanks

Avvertenza

Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog potrebbero essere tratti da internet e, pertanto, considerati di pubblico dominio. Qualora, però, la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'Autore, vogliate comunicarlo via email.
Saranno immediatamente rimossi.
L'Autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link, né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.
Creative Commons License
Tutte le opere e le immagini di questo blog sono pubblicate sotto una Licenza Creative Commons.

Olimpiadi di pace


Si parla tanto di boicottaggio delle Olimpiadi di Pechino e personalmente, anche se la mia opinione può contare quanto il due di briscola, ritengo che sia utile esercitare, sì, delle pressioni nei confronti del governo cinese, senza però sconfinare nella violenza. Episodi di intolleranza eccessivamente "infuocati", servirebbero solo ad inasprire ancora di più gli animi e alla fine risulterebbero inutili. Un po' come le varie dimostrazioni di forza dell'amico George "Cespuglio" Bush in Iraq: dopo sei anni di guerra e di morti, civili e militari, si continua a combattere e a morire per le strade. È forse cambiato qualcosa? I terroristi sono rimasti dov'erano, ben nascosti e ancora di più incazzati, Bin Laden ogni tanto ci fa sapere che sta bene e che ad arrendersi e fare il bravo ragazzo non ci pensa nemmeno, l'America spende miliardi di dollari per dare la caccia ai fantasmi ed è sull'orlo del fallimento, e i bambini poveri del mondo continuano a morire di fame e di sete mentre si pensa ad una prossima colonizzazione di Marte. Ora, però, mi sto allargando troppo.
Tornando invece alle Olimpiadi, un segno forte di dissenso nei confronti della Cina e delle sue violazioni dei diritti umani potrebbe essere - e non solo secondo me - proprio il disertare, da parte di tutti i capi di Stato, la cerimonia di inaugurazione dei giochi olimpici. Tanto, fra un miliardo e mezzo di persone, chi se ne accorge?

Francesco Dotti (ex tedoforo di straforo)

Nessun commento: