Salutamassòreta

Salutamassòreta

Copyright

L'intero contenuto del sito, comprendente scritti, disegni, vignette, illustrazioni, fotografie non può essere né copiato né replicato su altri siti web, riviste, giornali, CD-ROM o altri tipi di supporto senza il consenso dell'Autore. L'autorizzazione deve essere richiesta per iscritto, via-posta elettronica, direttamente a francescodotti@alice.it e si ritiene accettata solo dopo esplicito assenso scritto dell'Autore.
Il silenzio, pertanto, non significa "assenso" e non dà diritto ad alcuna autorizzazione.
Grazie

The entire contents of the site, including writings, drawings, cartoons, illustrations, photographs can not be copied or replicated on other websites, magazines, newspapers, CD-ROM or other medium without the permission of the Author. The permit must be obtained in writing, via e-mail directly to francescodotti@alice.it and it is considered accepted only after explicit written consent of the Author.
The silence, therefore, does not mean "consent" and does not entitle it to any authorization.

Thanks

Thanks

Avvertenza

Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog potrebbero essere tratti da internet e, pertanto, considerati di pubblico dominio. Qualora, però, la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'Autore, vogliate comunicarlo via email.
Saranno immediatamente rimossi.
L'Autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link, né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.
Creative Commons License
Tutte le opere e le immagini di questo blog sono pubblicate sotto una Licenza Creative Commons.

Calcio Italia


Come l'Italia della politica, anche quella del calcio ci lascia ancora una volta con l'amaro in bocca.
Insieme alle disavventure giudiziarie di un miliardario in maniche di... bandana, la televisione di questi giorni caldi e afosi di prima estate ci ha trasmesso anche le disavventure di un gruppo di peripatetici, sempre miliardari ma in mutande, che rincorrevano un pallone nella vana speranza di farci qualcosa di utile...
Anch'io, lo ammetto, sono stato tra quelli che hanno seguito queste inutili corse degli omini mutandati e, pure ammettendo che il calcio mi sta come può starmi una tesi sull'habitat degli echinodermi, la mamma m'ha fatto gli occhi e io li uso per guardare. Senza preconcetti, ma osservo e poi faccio le mie considerazioni.
Abbiamo sbagliato due rigori, anzi, uno, ma la partita - o le partite, vuoi con l'Olanda, con la Romania o con chicche e sia, avrebbe detto Totò - avremmo dovuto averle in pugno sin dall'inizio. Se avessimo giocato meglio. D'altro canto, mi pare che anche il bravo Lippi abbia conquistato il titolo mondiale ai rigori ma ebbe solo più fortuna di Donadoni. Non che i nostri calciatori non sappiano giocare, perché di bravi ce ne sono: primo fra tutti Buffon, e poi Gattuso, Zambrotta, Grosso, Pirlo, Chiellini, Del Piero e altri ancora. Il fatto è che non sanno giocare tutti insieme e tra di loro manca l'intesa che c'è tra i giocatori di altre squadre. E tutte le volte che vedo giocare la Nazionale italiana penso la stessa cosa. Perciò la colpa non è di Donadoni, che senz'altro ha fatto il possibile per vincere, ma è del tipo di calcio che giochiamo da anni. L'avete vista, la Spagna, come si muoveva in campo? Con quale eleganza e sicurezza si passavano il pallone, come se tutto fosse stato previsto e organizzato con matematica precisione? Con abili triangolazioni si portavano la palla fino nell'area avversaria, e con tiri filtranti e insidiosi riuscivano a dare la zampata finale, quasi sempre inattesa e vincente. Ma le hanno viste, i nostri commissari tecnici, gli allenatori e gli stessi giocatori, le registrazioni delle partite di tutti questi anni?
È mai possibile che dalla nostra metà campo si debba depositare il pallone direttamente sui piedi o, ancora più difficile, sui lobi frontali di Toni, o di Vieri e di Inzaghi (quando c'erano loro), pensando che così possano segnare? Se ci pensate bene è soprattutto una questione di tempi: più il tiro è lungo, più tempo ci mette a giungere a destinazione e, oltre ad essere quasi sempre poco preciso, è anche facilmente prevedibile e intercettabile dall'avversario. Perché allora non tirare direttamente dagli spogliatoi o dalla biglietteria dello stadio? Prima o poi qualcuno riuscirà a prenderlo, questo pallone, ma intanto continueremo a perdere o a vincere per il rotto della cuffia.
Ah, se per caso qualcuno pensasse di affidarmi la direzione della Nazionale, mi dispiace ma non sono disponibile...
Francesco Dotti

Nessun commento: