Salutamassòreta

Salutamassòreta

Copyright

L'intero contenuto del sito, comprendente scritti, disegni, vignette, illustrazioni, fotografie non può essere né copiato né replicato su altri siti web, riviste, giornali, CD-ROM o altri tipi di supporto senza il consenso dell'Autore. L'autorizzazione deve essere richiesta per iscritto, via-posta elettronica, direttamente a francescodotti@alice.it e si ritiene accettata solo dopo esplicito assenso scritto dell'Autore.
Il silenzio, pertanto, non significa "assenso" e non dà diritto ad alcuna autorizzazione.
Grazie

The entire contents of the site, including writings, drawings, cartoons, illustrations, photographs can not be copied or replicated on other websites, magazines, newspapers, CD-ROM or other medium without the permission of the Author. The permit must be obtained in writing, via e-mail directly to francescodotti@alice.it and it is considered accepted only after explicit written consent of the Author.
The silence, therefore, does not mean "consent" and does not entitle it to any authorization.

Thanks

Thanks

Avvertenza

Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog potrebbero essere tratti da internet e, pertanto, considerati di pubblico dominio. Qualora, però, la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'Autore, vogliate comunicarlo via email.
Saranno immediatamente rimossi.
L'Autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link, né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.
Creative Commons License
Tutte le opere e le immagini di questo blog sono pubblicate sotto una Licenza Creative Commons.

Alabarde spaziali


Personalmente non ho mai creduto nella politica del presidente americano George Walker Texas Ranger Bush, e penso che il suo modo d'agire sia stato sbagliato fin dall'inizio. 
Ci metto in mezzo anche Ronald Reagan, perché anche lui in questo campo certamente non si è tenuto da parte...
Imporre "democrazia" e "libertà" a suon di cazzotti è facile, soprattutto se uno è grosso e forte. E gli Americani, anche se non sono i più grossi in assoluto, per ora sono senza dubbio i più forti. Per questo possono fare ciò che vogliono. Naturalmente a casa degli altri e dovunque ci sia da menar le mani. Lo so che molti di loro, che si sono sacrificati per liberarci dal nazismo, oggi riposano nei tanti verdissimi e ordinatissimi cimiteri sparsi un po' in tutta Italia, e sarò loro eternamente riconoscente. Li ho anche visitati, molti di quei cimiteri - tra questi anche quello polacco di Montecassino, dove ci sono le spoglie di oltre mille soldati della III e V Divisione polacca caduti per noi -, e ogni volta ho provato una stretta al cuore per tutti quei ragazzi morti, uscendo da quelle visite ogni volta commosso e profondamente turbato. Ma loro, con le guerre, non c'entrano. Hanno fatto solo il loro dovere di soldati ed eseguito degli ordini. Impartiti da politicanti ciechi e senza scrupoli, da "strateghi" guerrafondai e da ingorde multinazionali. Anche l'attacco all'Iraq di Saddam Hussein in nome delle presunte "armi di distruzione di massa" - peraltro mai trovate -, nonostante le contrarietà del Consiglio di sicurezza dell'ONU e l'avversione al conflitto della maggior parte della gente comune e della Chiesa cattolica, sono un esempio di come una certa opinione pubblica americana in fondo condivida l'idea di giocare volentieri a "braccio di ferro". A partire dallo sterminio degli Indiani d'America. E se l'intervento americano in Iraq alla fine è stato in parte tollerato perché avrebbe posto fine ai crimini orrendi di cui Saddam si è macchiato, anche gli americani nel carcere di Abu Grahib non sono stati certamente teneri e "democratici" coi loro prigionieri.  
Ora staremo a vedere cosa succederà nella Georgia filoamericana e filoisraeliana, con le due regioni separatiste appoggiate da Mosca. E' chiaro che la Russia, trovandosi l'America a un tiro di sputo e oggi più interessata a sistemare "scudi e alabarde spaziali" piuttosto che a stanare il vecchio Osama Bin Laden, interpreti come una minaccia questa ulteriore espansione della Nato. A questo punto, come si comporterà l'Europa "cerchiobottista", la cui diplomazia corre sul filo del "e ora con chi mi devo schierare?" 
Se, come sempre accade, invece del personale arricchimento - allargamento dei propri confini, acquisizione di giacimenti minerari e pozzi di petrolio, vendita di armi più o meno "intelligenti" (tutte le armi sono stupidissime) e mine antiuomo, traffici di droga e di "pezzi di ricambio umani" e via discorrendo -, si perseguissero fini universalmente più nobili, vòlti a migliorare la vita di tutti con una maggiore offerta di servizi sociali e donando almeno il superfluo agli altri che non hanno nemmeno di che vivere, il mondo sarebbe migliore e le speranze non morirebbero mai. Se tutti quei ragazzi-soldato, invece di andare in giro per il mondo a sparare, ammazzando e facendosi ammazzare, fossero rimasti a casa loro a "produrre lavoro", molte nazioni che oggi sono sull'orlo del fallimento per le immani spese militari sostenute probabilmente godrebbero di una più florida economia. E questo a vantaggio di tutti. 
Anche se c'è chi sostiene il contrario, dicendo che le guerre, con la conseguente corsa agli armamenti e la successiva "ricostruzone", rilanciano l'economia. Anche la Cina, in apparente contraddizione con quanto sta combinando in Tibet, ultimamente sembra orientata verso il dialogo e dichiara di non appoggiare le bellicosità di Mosca. 
Sarà... ma non credo a una sola parola di ciò che dicono. Solo i fatti contano. 
Però non fateci caso, perché io scrivo solo stronzate.
Francesco Dotti

Nessun commento: