Salutamassòreta

Salutamassòreta

Copyright

L'intero contenuto del sito, comprendente scritti, disegni, vignette, illustrazioni, fotografie non può essere né copiato né replicato su altri siti web, riviste, giornali, CD-ROM o altri tipi di supporto senza il consenso dell'Autore. L'autorizzazione deve essere richiesta per iscritto, via-posta elettronica, direttamente a francescodotti@alice.it e si ritiene accettata solo dopo esplicito assenso scritto dell'Autore.
Il silenzio, pertanto, non significa "assenso" e non dà diritto ad alcuna autorizzazione.
Grazie

The entire contents of the site, including writings, drawings, cartoons, illustrations, photographs can not be copied or replicated on other websites, magazines, newspapers, CD-ROM or other medium without the permission of the Author. The permit must be obtained in writing, via e-mail directly to francescodotti@alice.it and it is considered accepted only after explicit written consent of the Author.
The silence, therefore, does not mean "consent" and does not entitle it to any authorization.

Thanks

Thanks

Avvertenza

Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog potrebbero essere tratti da internet e, pertanto, considerati di pubblico dominio. Qualora, però, la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'Autore, vogliate comunicarlo via email.
Saranno immediatamente rimossi.
L'Autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link, né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.
Creative Commons License
Tutte le opere e le immagini di questo blog sono pubblicate sotto una Licenza Creative Commons.

Alitalia ed esuberi


Come ci avevano promesso - perché Berlusconi le promesse le mantiene - la cordata d'imprenditori che dovrà rilevare Alitalia (Ah, l'Italia!!) c'è. 
Ora si dovranno sistemare alcune cosette coi soliti sindacati per quanto riguarda il personale in più da riconvertire - si parla di 5-6 mila dipendenti - ma, ci assicurano, "nessuno finirà in mezzo a una strada"
Ce lo auguriamo. Il lavoro è una cosa seria e, molto banalmente, rimanere senza non si può. Forse d'ora in poi qualcuno dovrà tirare la cinghia, ma se è vero che qualche spreco in passato c'è stato, allora bisognerà accettare le nuove condizioni. Anche se rivolte verso il basso. 
Non si possono invocare nuovi scioperi, improduttivi e certamente dannosi per la costituenda società, ma sarà invece necessario lavorare e produrre, contenendo al massimo i costi, per andare subito in attivo. Intendo dire, molto semplicemente, che gli imprenditori che partecipano a questa "rifondazione" della Compagnia non sono certo dei poveracci e finora hanno campato benissimo con le attività che svolgono. Quindi, se a loro conviene quest'accordo lo faranno, diversamente non moriranno certo di fame. Sono gli "altri" ad avere bisogno e perciò qualcosa dovranno cederla. Non è un ricatto, è solo una legge economica. 
Volevo fare anche la battuta su "Alitalia a Fantozzi...", pensando a Fracchia e al mitico capitano Tombale di Villaggio, ma ve la risparmio.
Francesco Dotti 

Nessun commento: