Salutamassòreta

Salutamassòreta

Copyright

L'intero contenuto del sito, comprendente scritti, disegni, vignette, illustrazioni, fotografie non può essere né copiato né replicato su altri siti web, riviste, giornali, CD-ROM o altri tipi di supporto senza il consenso dell'Autore. L'autorizzazione deve essere richiesta per iscritto, via-posta elettronica, direttamente a francescodotti@alice.it e si ritiene accettata solo dopo esplicito assenso scritto dell'Autore.
Il silenzio, pertanto, non significa "assenso" e non dà diritto ad alcuna autorizzazione.
Grazie

The entire contents of the site, including writings, drawings, cartoons, illustrations, photographs can not be copied or replicated on other websites, magazines, newspapers, CD-ROM or other medium without the permission of the Author. The permit must be obtained in writing, via e-mail directly to francescodotti@alice.it and it is considered accepted only after explicit written consent of the Author.
The silence, therefore, does not mean "consent" and does not entitle it to any authorization.

Thanks

Thanks

Avvertenza

Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog potrebbero essere tratti da internet e, pertanto, considerati di pubblico dominio. Qualora, però, la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'Autore, vogliate comunicarlo via email.
Saranno immediatamente rimossi.
L'Autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link, né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.
Creative Commons License
Tutte le opere e le immagini di questo blog sono pubblicate sotto una Licenza Creative Commons.

Economia e fede




Buongiorno Santo Padre,
mi perdoni l'ardire per la mia vignetta - con la quale satireggio come posso su Encicliche e contraccettivi -, ma Le chiedo scusa soprattutto per quanto mi accingo a dirLe. Perché, Santità, o uno si beve tutto ciò che vede, legge e sente senza opporvi alcun spirito critico, oppure - ed è questo il mio caso - si fa delle domande e vorrebbe anche delle risposte.
Mi riferisco alle Sue parole sull'attuale crisi economica mondiale, con le quali afferma che "scompaiono i soldi, che non sono niente, perché tutte le cose che sembrano vere in realtà sono di second'ordine, e chi costruisce su questo costruisce sulla sabbia"
Giustissimo. Anch'io la penso così. Infatti, da quando sono nato, non ho mai avuto una lira e ho tirato su famiglia solo con il mio stipendio d'impiegato statale. E non ci è mai mancato nulla. Ci siamo sempre saputi accontentare, anche se l'impressione di vivere "sulla sabbia" purtroppo l'abbiamo sempre avuta...
Ma, tornando alle Sue parole, non sarebbero forse più credibili - anche da un peccatore tal quale io sono - se pronunciate in un consesso, diciamo, un po' più dimesso e con meno sfavillii di ori e paramenti? Non pensa, Santo Padre, che molta gente si sia allontanata dalla Chiesa - e non dalla fede, badi bene - proprio per le quotidiane visioni di alti prelati, rubizzi e rotondetti, per nulla smunti e macilenti, carichi invece di anelli, collane e, spesso, di preziose griffe? 
Come si dice: ab uno disce omnes.
Con devozione, sempre Suo 
Francesco Dotti (peccatore, anticlericale, ma credente)

Nessun commento: