Salutamassòreta

Salutamassòreta

Copyright

L'intero contenuto del sito, comprendente scritti, disegni, vignette, illustrazioni, fotografie non può essere né copiato né replicato su altri siti web, riviste, giornali, CD-ROM o altri tipi di supporto senza il consenso dell'Autore. L'autorizzazione deve essere richiesta per iscritto, via-posta elettronica, direttamente a francescodotti@alice.it e si ritiene accettata solo dopo esplicito assenso scritto dell'Autore.
Il silenzio, pertanto, non significa "assenso" e non dà diritto ad alcuna autorizzazione.
Grazie

The entire contents of the site, including writings, drawings, cartoons, illustrations, photographs can not be copied or replicated on other websites, magazines, newspapers, CD-ROM or other medium without the permission of the Author. The permit must be obtained in writing, via e-mail directly to francescodotti@alice.it and it is considered accepted only after explicit written consent of the Author.
The silence, therefore, does not mean "consent" and does not entitle it to any authorization.

Thanks

Thanks

Avvertenza

Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog potrebbero essere tratti da internet e, pertanto, considerati di pubblico dominio. Qualora, però, la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'Autore, vogliate comunicarlo via email.
Saranno immediatamente rimossi.
L'Autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link, né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.
Creative Commons License
Tutte le opere e le immagini di questo blog sono pubblicate sotto una Licenza Creative Commons.

Scuola e manifestazioni




La puntata di "Anno zero" di ieri sera non mi è sembrata per niente equilibrata. E non è solo una mia opinione.
Veltroni, veniva lasciato parlare senza interruzioni, mentre gli altri, Roberto Cota e Nicola Porro, invece, venivano continuamente fermati sia dallo stesso Veltroni - che chiedendo scusa per l'interruzione, riportava l'argomento dove voleva lui e poi, però, non voleva essere interrotto -, dal gesticolante Santoro e, infine, dalla pubblicità. In poche parole, quando Cota e Porro tentavano di spiegare le riforme del governo, venivano artatamente "dirottati" su altri argomenti, introdotti anche da filmati e interviste esterne.
E io, badate bene, non sono mai stato un sostenitore di Berlusconi, né della "destra", né della Lega. Ci tengo a precisarlo, prima che mi vengano appiccicate delle etichette che non mi appartengono. Vorrei solo, se fosse possibile, vivere in un Paese più civile, più giusto e soprattutto più rispettoso e educato.
Non vi pare strano che in qualsiasi dibattito televisivo, sia da destra che da sinistra, si debba assistere al continuo rimpallo di colpe senza mai trovare un responsabile, e che non ci sia mai qualcuno capace di darci dettagliate notizie sulle "malefatte" dell'una o dell'altra parte politica? Cosa fanno: si mettono d'accordo prima di andare in trasmissione?
Rutelli e Veltroni, per esempio, più volte sono stati accusati di aver gestito in modo spensierato le finanze della città di Roma e, per questa loro "allegra" gestione si dice che abbiano lasciato "buffi" per miliardi (di euri o di lire, fa lo stesso).
Ebbene, è mai possibile che nessuno sia in grado di farci sapere i reali numeri di questa contabilità? E soprattutto se la storia dei debiti è vera o no? Invece dappertutto, sia da destra che da sinistra, sentiamo ripetere sempre la solita musica:
"E' colpa tua!"
; "No, la colpa è tua!"; "Il buco di bilancio lo abbiamo ereditato da chi ha amministrato prima!"; "Non è vero, lo avete causato voi!".

E via coi rimpalli. E' da quando ero piccino che li sento, i rimpalli, e dopo tanti anni ora mi sarei anche stufato.
A proposito della protesta degli studenti, poi, credo che tutti abbiano visto nei vari telegiornali le immagini dei danneggiamenti che alcuni turbolenti scolari hanno provocato per le strade di molte città. Manifestare è giusto, incendiare i cassonetti dell'immondizia e fracassare l'automobile di qualche poveraccio che l'aveva parcheggiata in strada è solo inqualificabile vandalismo. Esprimere civilmente il proprio dissenso è un sacrosanto diritto, gridare "Gelmini vaffa..." no.
Tutte azioni, queste, da reprimere e da punire in modo esemplare, perché con la democrazia e con la libertà di espressione non c'entrano proprio nulla.
Francesco Dotti

Nessun commento: