Salutamassòreta

Salutamassòreta

Copyright

L'intero contenuto del sito, comprendente scritti, disegni, vignette, illustrazioni, fotografie non può essere né copiato né replicato su altri siti web, riviste, giornali, CD-ROM o altri tipi di supporto senza il consenso dell'Autore. L'autorizzazione deve essere richiesta per iscritto, via-posta elettronica, direttamente a francescodotti@alice.it e si ritiene accettata solo dopo esplicito assenso scritto dell'Autore.
Il silenzio, pertanto, non significa "assenso" e non dà diritto ad alcuna autorizzazione.
Grazie

The entire contents of the site, including writings, drawings, cartoons, illustrations, photographs can not be copied or replicated on other websites, magazines, newspapers, CD-ROM or other medium without the permission of the Author. The permit must be obtained in writing, via e-mail directly to francescodotti@alice.it and it is considered accepted only after explicit written consent of the Author.
The silence, therefore, does not mean "consent" and does not entitle it to any authorization.

Thanks

Thanks

Avvertenza

Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog potrebbero essere tratti da internet e, pertanto, considerati di pubblico dominio. Qualora, però, la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'Autore, vogliate comunicarlo via email.
Saranno immediatamente rimossi.
L'Autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link, né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.
Creative Commons License
Tutte le opere e le immagini di questo blog sono pubblicate sotto una Licenza Creative Commons.

Semilibertà a Pietro Maso?

SEMILIBERTA' A PIETRO MASO?
inizialmente lo avevo aggiunto  al post precedente, quello sui braccialetti elettronici. 
Poi, ripensandoci, siccome non mi sembrava il caso che un simile argomento - per i fatti a cui si riferisce - fosse abbinato a una vignetta, l'ho messo per conto suo.

Sembra che il Tribunale di sorveglianza di Milano forse concederà la semilibertà a Pietro Maso. Quello che, aiutato da tre amici e complici, massacrò a bastonate i propri genitori e poi andò a ballare. Evidentemente, se il Tribunale dovesse così decidere è segno che c'è una legge che lo prevede. Maso ha scontato i due terzi della pena, ha fatto il bravo per tutto il tempo che ha passato in galera e si è anche pentito. Che vogliamo di più? In fondo ha solo ammazzato i genitori, che diamine!
Secondo me, invece, Maso dovrebbe restare in galera. Ma non per fare del giustizialismo cialtrone e sbrigativo. Tutt'altro. Dovrebbe restare in galera perché il cinismo e la ferocia con i quali ha trucidato il babbo e la mamma - e forse, se gli fossero capitate a tiro, avrebbe fatto fare la stessa fine anche alle sorelle - meritano una punizione severa e non si possono cancellare così. Indipendentemente dal fatto che, una volta fuori dalle sbarre, potrebbe o meno tornare a uccidere. E questo, purtroppo, se avvenisse, lo si saprebbe sempre troppo tardi.
Rimettendolo in libertà, quindi, il messaggio che si trasmette ad altri che come lui avessero in mente di togliere di mezzo genitori e fratelli, ma non solo, sarebbe quello che con qualche annetto di "gabbio" e qualche chilo di pentimenti, più o meno sinceri, tutti potranno rifarsi una vita.
E magari ereditare anche i beni di famiglia.
Francesco Dotti

Nessun commento: