Salutamassòreta

Salutamassòreta

Copyright

L'intero contenuto del sito, comprendente scritti, disegni, vignette, illustrazioni, fotografie non può essere né copiato né replicato su altri siti web, riviste, giornali, CD-ROM o altri tipi di supporto senza il consenso dell'Autore. L'autorizzazione deve essere richiesta per iscritto, via-posta elettronica, direttamente a francescodotti@alice.it e si ritiene accettata solo dopo esplicito assenso scritto dell'Autore.
Il silenzio, pertanto, non significa "assenso" e non dà diritto ad alcuna autorizzazione.
Grazie

The entire contents of the site, including writings, drawings, cartoons, illustrations, photographs can not be copied or replicated on other websites, magazines, newspapers, CD-ROM or other medium without the permission of the Author. The permit must be obtained in writing, via e-mail directly to francescodotti@alice.it and it is considered accepted only after explicit written consent of the Author.
The silence, therefore, does not mean "consent" and does not entitle it to any authorization.

Thanks

Thanks

Avvertenza

Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog potrebbero essere tratti da internet e, pertanto, considerati di pubblico dominio. Qualora, però, la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'Autore, vogliate comunicarlo via email.
Saranno immediatamente rimossi.
L'Autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link, né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.
Creative Commons License
Tutte le opere e le immagini di questo blog sono pubblicate sotto una Licenza Creative Commons.

Burocrazia


Molti di voi avranno avuto modo di leggere la "Dichiarazione dei dati catastali identificativi presso cui è attivata la fornitura di energia elettrica (art. 1, comma 333, Legge 311 del 30.12.2004)", ricevuta dall'Enel con la bolletta dello scorso novembre, e da reindirizzare entro 30 gg. dall'avvenuta ricezione, sempre all'Enel, una volta compilata. Sul retro del foglio, oltre alle utili istruzioni per la compilescion, un terrorifico richiamo alle sanzioni amministrative da € 103 a € 2.065 (art. 13 del D.P.R. 29.09.1973 n. 605) qualora essa dichiarazione non fosse rispedita, correttamente compilata in tutte le sue parti, entro i termini prescritti.
Detto questo, incazzatura iniziale a parte, viene quasi da ridere a pensare che per "sfoltire" l'apparato normativo italiano sia stato creato un apposito ministero, chiamato "Ministero per le Semplificazioni", a capo del quale, se ho capito bene, c'è l'onorevole senatore Roberto Calderoli. Ma la mia ilarità, badate bene, non è dovuta al fatto che ci sia Calderoli. Lui non c'entra nulla.
"Mi vien che ridere" (come diceva Lando Buzzanca interpretando un suo simpatico personaggio televisivo di molti anni fa), invece, se penso che tale ministero è stato creato per "eliminare leggi e regolamenti inutili che risulterebbero di ostacolo allo sviluppo economico, sociale e culturale del nostro Paese". Perché, nonostante i numerosi "sportelli amici", le "linee amiche" e tutto quanto di "amichevole" potrebbe indurci a pensare che davvero stanno "lavorando per noi" per renderci più vivibile la permanenza nell'italico stivale, ogni tanto qualche ufficio ci richiede assurde documentazioni delle quali dovrebbe essere già in possesso e, proprio per questo, sono definibili "assurde". Con il risultato, quando ci dovesse andare bene, di dover contattare al più presto un esperto consulente o, alla peggio, un avvocato che, dietro pagamento di regolari parcelle, ci evitino spiacevoli sanzioni e ci "semplifichino" le semplificazioni.
Così oggi ho colto l'ozio al volo (non avevo un tubo da fare) e mi sono preso la briga di andare a vedere la pagina che mi riguarda sul sito dell'Agenzia delle Entrate (ahi, quanto sono dolorose, queste entrate!...) http://servizi.agenziaterritorio.it/servlet/NWCZ00SJ
Poi, ho digitato il mio codice fiscale nell'apposita casella, ho inserito i dati relativi a "mappali, particelle e sub vari" e... meraviglia! la mia modesta casetta risultava già catalogata per benino al posto suo.
Allora, maledizione, perché mandarmi l'assurda richiesta di comunicare questi maledettissimi dati, sventolandomi sul muso sanzioni, multe, penali e altre simili "coercizioni psicologiche", se avevano già tutto? Non sarebbe stato sufficiente che l'impiegato addetto a quell'ufficio avesse fatto il proprio lavoro, magari cercando lui stesso i miei dati, visto che da anni li spedisco dappertutto? Mi sfugge forse qualche cosa?
Che dobbiamo inventarci per evitare le "complicazioni" derivanti dalle promesse "semplificazioni"?
Francesco Dotti (preoccupato e per niente... semplificato)


Nessun commento: