Salutamassòreta

Salutamassòreta

Copyright

L'intero contenuto del sito, comprendente scritti, disegni, vignette, illustrazioni, fotografie non può essere né copiato né replicato su altri siti web, riviste, giornali, CD-ROM o altri tipi di supporto senza il consenso dell'Autore. L'autorizzazione deve essere richiesta per iscritto, via-posta elettronica, direttamente a francescodotti@alice.it e si ritiene accettata solo dopo esplicito assenso scritto dell'Autore.
Il silenzio, pertanto, non significa "assenso" e non dà diritto ad alcuna autorizzazione.
Grazie

The entire contents of the site, including writings, drawings, cartoons, illustrations, photographs can not be copied or replicated on other websites, magazines, newspapers, CD-ROM or other medium without the permission of the Author. The permit must be obtained in writing, via e-mail directly to francescodotti@alice.it and it is considered accepted only after explicit written consent of the Author.
The silence, therefore, does not mean "consent" and does not entitle it to any authorization.

Thanks

Thanks

Avvertenza

Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog potrebbero essere tratti da internet e, pertanto, considerati di pubblico dominio. Qualora, però, la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'Autore, vogliate comunicarlo via email.
Saranno immediatamente rimossi.
L'Autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link, né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.
Creative Commons License
Tutte le opere e le immagini di questo blog sono pubblicate sotto una Licenza Creative Commons.

Sbarchi e immigrati


Continue landings of immigrants

Continuano, inarrestabili, gli sbarchi dei migranti che le "carrette del mare" (le famose "carretta-carretta", una specie protetta) scodellano ormai quotidianamente lungo le coste italiane, soprattutto quelle delle isole più a sud, sollevando fiumane, ma che dico fiumane, addirittura ondate, tsunami, alluvioni e maremoti di riprovazione pubblica e privatizzata.
Lampedusa scoppia e i centri di raccolta ormai non ce la fanno più.
Anche nella piccola Linosa di questi sciagurati ne sono sbarcati talmente tanti da superare quasi la stessa popolazione dell'isola. Per questo motivo gli abitanti stanno pensando di migrare da un'altra parte, forse nella vicina Tunisia con la quale è in atto un programma transfrontaliero di cooperazione per l'occupazione e il movimento di lavoratori del settore capperi e lenticchie. Intanto il governo è alla ricerca di qualche rimedio per mettere un freno a questa situazione, ormai fuori controllo. Uno di questi, per esempio - come propose per la lira il governo Craxi nel 1986 -, potrebbe essere l'applicazione di una sorta di "immigrazione pesante".
In questo caso, se l'escamotage venisse attuato, mille immigrati varrebbero quanto un solo immigrato. Secondo un elementare calcolo matematico, infatti, se mille immigrati ne valgono uno, diecimila ne valgono dieci, centomila ne valgono cento e via di seguito, continuando a piacere e mescolando per mezz'ora. Con il vantaggio che il conteggio risulterebbe semplificato e più semplice risulterebbe anche la sistemazione dei migranti, diciamo, "pesanti" nelle camerate dei vari centri di accoglienza che, così, si "alleggerirebbero" notevolmente.

Coniato, per l'occasione, dalla Presidenza del Consilvio, anche un simpatico slogan:
"Migrazione Pesante = Sistemazione Leggera"
.
Una bella pensata, non c'è che dire.
La seconda soluzione, più articolata e complessa, riguarderebbe un nuovo tipo d'indulto che, in pratica, sarà concesso a tutti quelli che sbarcheranno in numero inferiore alle trecento (cinquemila) unità nell'arco dei tre mesi successivi al primo spiaggiamento, e che non avranno partecipato ad azioni sovversive e/o/di/in/con/su/per/tra/fra finalizzate al terrorismo internazionale, alla raccolta dei pomodori in Irpinia o ai maltrattamenti sulle orate di cui le coste lampedusiane (o lampedusiche) sono ricche (artt. 606 e 607 quater, quinquies, comma 2, 3, 5 bis o fate voi). Previste pene severe anche per chi fa uso di supefacenti, compresa la forfora, e poi si stupisce (o stupefà) se, una volta sbarcato, si macchia di reati di estorsione dopo le ore 21.
Sono in costante aumento, infatti, gli immigrati che allo sbarco si procurano pericolose estorsioni alle caviglie saltando sugli scogli.

Vorrei scrivervi testé molte altre cose interessanti anzichenò, ma devo proprio andare. Mi scappa la pipì.
Francesco Dotti (buontempone)

Nessun commento: