Salutamassòreta

Salutamassòreta

Copyright

L'intero contenuto del sito, comprendente scritti, disegni, vignette, illustrazioni, fotografie non può essere né copiato né replicato su altri siti web, riviste, giornali, CD-ROM o altri tipi di supporto senza il consenso dell'Autore. L'autorizzazione deve essere richiesta per iscritto, via-posta elettronica, direttamente a francescodotti@alice.it e si ritiene accettata solo dopo esplicito assenso scritto dell'Autore.
Il silenzio, pertanto, non significa "assenso" e non dà diritto ad alcuna autorizzazione.
Grazie

The entire contents of the site, including writings, drawings, cartoons, illustrations, photographs can not be copied or replicated on other websites, magazines, newspapers, CD-ROM or other medium without the permission of the Author. The permit must be obtained in writing, via e-mail directly to francescodotti@alice.it and it is considered accepted only after explicit written consent of the Author.
The silence, therefore, does not mean "consent" and does not entitle it to any authorization.

Thanks

Thanks

Avvertenza

Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog potrebbero essere tratti da internet e, pertanto, considerati di pubblico dominio. Qualora, però, la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'Autore, vogliate comunicarlo via email.
Saranno immediatamente rimossi.
L'Autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link, né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.
Creative Commons License
Tutte le opere e le immagini di questo blog sono pubblicate sotto una Licenza Creative Commons.

Terra promessa

4 commenti:

*Alidiluna* ha detto...

Francesco...
forse è meglio lascaire zero commenti!
speriamo che questa settimana sia migliore..
Giulia

CeccoDotti ha detto...

Ciao Giulia, finché tra la gente ci sarà intolleranza nei confronti di chi ha idee diverse dalle tue, le cose non potranno che peggiorare. Bisognerebbe riuscire a convivere nella diversità ma, paradossalmente, nonostante oggi siamo tutti più vicini e "globalizzati" e abbiamo la possibilità di conoscerci meglio, questo fatto invece ci allontana e ci divide. E io non sono per niente ottimista. Quindi, come dici tu, speriamo. Se è vero che la speranza è l'ultima a morire...
Ciao, Francesco

*Alidiluna* ha detto...

Francesco,alle volte mi chiedo se arriverà un giorno(se arriverà!) in cui ci sarà la fine...ma non sò mai darmi la giusta risposta,se sarà la fine di ogni guerra oppure se sarà la fine e basta...
Quello che più mi angoscia sono i bimbi di oggi che vivono la realtà dlla guerra..domani che adulti saranno?in pace od in guerra?

Giulia

CeccoDotti ha detto...

Dài Giulia, non essere così pessimista! In fondo, da che mondo è mondo le guerre ci sono sempre state. L'unica differenza è che è passato molto tempo da quando le
abbiamo vissute a casa nostra, e così ora ci preoccupiamo per quelle degli altri.
Non voglio apparire indifferente e insensibile verso la morale comune, le devastanti ferite che le guerre provocano o le lacrime che altri versano, ma questo è quello che penso.
Ti ricordi, per esempio, quando ci strappavamo le coscienze per i mutilati dalle mine anti-uomo (fabbricate, guarda caso, proprio in Italia e poi bandite alcuni anni fa), o per gli aiuti umanitari destinati al Kosovo e finiti - perché qualcuno glieli aveva venduti - nelle mani della camorra nel napoletano? E il famoso scandalo "oil for food" (petrolio in cambio di aiuti umanitari) in Irak, ai tempi dell'embargo a Saddam, dopo l'invasione del Kuwait nel '90, nel quale furono coinvolte importanti aziende mondiali - oltre a qualche "pezzo grosso", nostro connazionale - che, mentre il popolo irakeno moriva di fame e di malattie, si riempivano le tasche di soldi. Perciò, cara Giulia, l'Uomo è un grandissimo
bastardo, e non cambierà mai. Neppure quei bambini, che vediamo ogni giorno impauriti e affamati saltellare sulle macerie della guerra, probabilmente cambieranno, e può anche darsi che un giorno o l'altro si riempiranno di tritolo e in nome di qualche dio si faranno saltare in aria.
Fatti coraggio, Francesco