Salutamassòreta

Salutamassòreta

Copyright

L'intero contenuto del sito, comprendente scritti, disegni, vignette, illustrazioni, fotografie non può essere né copiato né replicato su altri siti web, riviste, giornali, CD-ROM o altri tipi di supporto senza il consenso dell'Autore. L'autorizzazione deve essere richiesta per iscritto, via-posta elettronica, direttamente a francescodotti@alice.it e si ritiene accettata solo dopo esplicito assenso scritto dell'Autore.
Il silenzio, pertanto, non significa "assenso" e non dà diritto ad alcuna autorizzazione.
Grazie

The entire contents of the site, including writings, drawings, cartoons, illustrations, photographs can not be copied or replicated on other websites, magazines, newspapers, CD-ROM or other medium without the permission of the Author. The permit must be obtained in writing, via e-mail directly to francescodotti@alice.it and it is considered accepted only after explicit written consent of the Author.
The silence, therefore, does not mean "consent" and does not entitle it to any authorization.

Thanks

Thanks

Avvertenza

Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog potrebbero essere tratti da internet e, pertanto, considerati di pubblico dominio. Qualora, però, la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'Autore, vogliate comunicarlo via email.
Saranno immediatamente rimossi.
L'Autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link, né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.
Creative Commons License
Tutte le opere e le immagini di questo blog sono pubblicate sotto una Licenza Creative Commons.

Città violente



Si fa un gran parlare di nuovi casi di violenza, in particolar modo sulle donne.
Una di queste azioni brutali, tra le più abiette e odiose che segnano per tutta la vita chi ne viene fatto oggetto, è lo stupro.
I colpevoli, quando li acchiappano, siccome la nostra Costituzione, per l'art. 24, prevede giustamente che tutti debbano avere il diritto di difendersi, di solito trovano qualche avvocato che, sostenuto da leggi "annacquate" e da qualche giudice indulgente, cavillando e arzigogolando, prima o poi li tira fuori dalla galera. Quando mai dovessero farne.
Una volta vale la scusa dei blue jeans a vita bassa; un'altra perché, resistendo alla violenza, va a finire che il bruto s'incazza ancora di più e, se poi t'ammazza, vuol dire che te la sei cercata; un'altra ancora perché si riesce a dimostrare che la vittima, in fondo, col suo incedere ancheggiante lo aveva provocato, con l'aggravante di avere anche un bel culo e due tette da paura.
È giusto: non ci si deve mai opporre agli stupri, alle rapine in villa (ma perché non ti sei fatto un appartamento? Avevi proprio bisogno di una villa?), alle grassazioni e ai tentati omicidi. I delinquenti, in quanto tali, soprattutto se professionisti iscritti all'albo dei Recidivi Con Precedenti Penali, debbono poter svolgere la loro attività in modo serio, senza alcun impedimento o interferenza. Ne andrebbe della loro professionalità.
Poi, se li fate sbagliare, non lamentatevi.
Francesco Dotti

5 commenti:

stella ha detto...

Carissimo con sana ironia hai detto tutto...

CeccoDotti ha detto...

Ti ringrazio. Anche se in certi casi farei volentieri a meno dell'ironia, perché è veramente una vergogna.
Ciao

*Alidiluna* ha detto...

Sono loro le vittime!!!!Li vogliamo anche punire..

Hai ragione Cecco..è una vergogna!

Alex ha detto...

La legislazione italiana, così come le sue radici e fonti del diritto, si basano tantissimo sul garantismo, l'indulgenza e la tolleranza. Io credo sia anche il frutto di una tradizione secolare di umanesimo e cattolicesimo che pervade un pò dappertutto. La massa è però profondamente disgregata quanto a coscienza e vedute. In tempi di stupri alle minorenni tutti invocano le più barbare punizioni, ma poi basta far vedere in TV qualche scena di disagio sociale fra gli extracomunitari, che tutti chiedono clemenza e solidarietà. Non è davvero facile trovare un equilibrio fra rispetto e legalità.

CeccoDotti ha detto...

Quello che dici, caro Alex, è vero. Credo che le radici dei nostri mali affondino nella Storia e nelle colpevoli responsabilità di coloro che, questa Storia, hanno contribuito a scriverla.
Popolazioni volontariamente abbandonate nell'ignoranza, perché solo con l'ignoranza essi hanno avuto campo libero. "Panem et circenses" docet. Ed è anche per colpa di molta cattiva televisione, nella quale questa ignoranza viene pervicacemente perpetuata, che oggi ne raccogliamo i frutti. Marci.
L'indulgenza e il garantismo dovrebbero essere complementari alla legalità; il rispetto si può e si deve insegnare, se vengono forniti i mezzi per farlo, prima all'interno delle famiglie e poi nelle scuole, se si ha l'orgoglio di saperselo anche guadagnare.
Io non sono per niente ottimista e, pur non avendo vissuto quel periodo perché non ero ancora nato, per quel poco che ho studiato anche il Fascismo ebbe origine da una situazione molto simile alla nostra attuale. Spero tanto di sbagliarmi. Grazie per il bel commento. A presto.