Salutamassòreta

Salutamassòreta

Copyright

L'intero contenuto del sito, comprendente scritti, disegni, vignette, illustrazioni, fotografie non può essere né copiato né replicato su altri siti web, riviste, giornali, CD-ROM o altri tipi di supporto senza il consenso dell'Autore. L'autorizzazione deve essere richiesta per iscritto, via-posta elettronica, direttamente a francescodotti@alice.it e si ritiene accettata solo dopo esplicito assenso scritto dell'Autore.
Il silenzio, pertanto, non significa "assenso" e non dà diritto ad alcuna autorizzazione.
Grazie

The entire contents of the site, including writings, drawings, cartoons, illustrations, photographs can not be copied or replicated on other websites, magazines, newspapers, CD-ROM or other medium without the permission of the Author. The permit must be obtained in writing, via e-mail directly to francescodotti@alice.it and it is considered accepted only after explicit written consent of the Author.
The silence, therefore, does not mean "consent" and does not entitle it to any authorization.

Thanks

Thanks

Avvertenza

Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog potrebbero essere tratti da internet e, pertanto, considerati di pubblico dominio. Qualora, però, la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'Autore, vogliate comunicarlo via email.
Saranno immediatamente rimossi.
L'Autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link, né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.
Creative Commons License
Tutte le opere e le immagini di questo blog sono pubblicate sotto una Licenza Creative Commons.

La legge del branco


La folle legge del branco

Le nuove generazioni dei "bulletti del quartierino" - ma anche peggio -, senza speranze e progetti per il futuro, consumano il loro tempo - perso - alla ricerca di "emozioni" sempre più forti.
Come con la droga: si comincia da una pasticca, e poi...
"Emozioni da non dimenticare", dicono, per tentare di colmare quel vuoto di valori e di ideali trasmesso da famiglie distratte, spesso distrutte e irresponsabili, e troppo facilmente metabolizzato da una società che ha un serio bisogno di cure urgenti.
Perché, prima di tutto, è proprio l'ambiente familiare dal quale questi disadattati provengono ad influire in modo negativo sulle loro probabilità di riuscire a fare qualcosa di buono nella vita. E il risultato finale sarà sempre direttamente proporzionale all'impegno e al tempo che queste famiglie avranno loro dedicato.
Non basta, infatti, frequentare una scuola, affidandosi semplicisticamente alla selezione che essa opera nella valutazione dei progressi ottenuti, ma è importante che questi strumenti, che la scuola fornisce, proseguano, dopo la scuola, come promozione culturale autonoma, all'interno delle famiglie stesse. Se questo avviene, cioè se non si perdono di vista quei valori etici e morali in base ai quali si riesce - perché ce lo hanno insegnato - a distinguere il bene dal male, l'individuo che ne proviene è capace di relazionarsi col mondo che lo circonda: la struttura sociale.
Perciò, quando dei balordi danno fuoco a un essere umano per provare "emozioni forti" e vincere la noia delle loro giornate vuote e senza futuro, perché allora non si danno fuoco tra di loro?
Lo sai che "emozioni", se sopravvivessero alle fiamme, raccontarsele in ospedale bendati fino agli occhi?
"Mmmm... ao'... possino ammazzatte, hai visto come bbruciavo bbene?! Ma se po' sape' che cazzo ciài messo drento ar bidone?"
Francesco Dotti

Nessun commento: