Salutamassòreta

Salutamassòreta

Copyright

L'intero contenuto del sito, comprendente scritti, disegni, vignette, illustrazioni, fotografie non può essere né copiato né replicato su altri siti web, riviste, giornali, CD-ROM o altri tipi di supporto senza il consenso dell'Autore. L'autorizzazione deve essere richiesta per iscritto, via-posta elettronica, direttamente a francescodotti@alice.it e si ritiene accettata solo dopo esplicito assenso scritto dell'Autore.
Il silenzio, pertanto, non significa "assenso" e non dà diritto ad alcuna autorizzazione.
Grazie

The entire contents of the site, including writings, drawings, cartoons, illustrations, photographs can not be copied or replicated on other websites, magazines, newspapers, CD-ROM or other medium without the permission of the Author. The permit must be obtained in writing, via e-mail directly to francescodotti@alice.it and it is considered accepted only after explicit written consent of the Author.
The silence, therefore, does not mean "consent" and does not entitle it to any authorization.

Thanks

Thanks

Avvertenza

Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog potrebbero essere tratti da internet e, pertanto, considerati di pubblico dominio. Qualora, però, la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'Autore, vogliate comunicarlo via email.
Saranno immediatamente rimossi.
L'Autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link, né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.
Creative Commons License
Tutte le opere e le immagini di questo blog sono pubblicate sotto una Licenza Creative Commons.

Terremoto e giornalismo



Premesso che avendo seguito solo marginalmente - qualche notizia "rubata" qua e là tra radio e televisione - la polemica su "Annozero", come vignettista satirico ora m'interessa più l'epurazione di Vauro di tutto il resto. Non perché non abbia una mia precisa opinione su quanto "credo" sia stato detto in trasmissione, ma proprio perché, non sapendolo esattamente, non voglio scrivere fesserie. Anche se, in generale, non amo l'informazione quando diventa cultura del sospetto, a prescindere.
Per la vignetta di Vauro - mi riferisco a quella sulle bare allineate per terra -, invece, che ho visto pubblicata in giro sul web, un'idea me la sono fatta. E' una vignetta amara, spietatamente beffarda e senz'altro triste, ma non credo che offenda i poveri morti del terremoto o chi questi morti li ha dovuti piangere. E' crudele, sì, ma nella sua presunta irriguardosità fa riflettere sulle cause che questi lutti hanno arrecato, prendendo come spunto la nuova legge sull'ampliamento delle cubature edilizie e le colpevoli "disattenzioni" del passato.
Nel campo della satira, anche se talvolta essa contiene dei veri e propri strappi ai codici etici e morali, la sobrietà non deve essere imposta a colpi di censura. La satira, quindi, è anche trasgressione, certe volte necessaria proprio perché serve a rimuovere le proprie inibizioni e contribuisce a farci sentire liberi e indipendenti. La satira, quando è libera espressione del pensiero e mantiene autonomi l'esaltante ispirazione e lo spirito critico-espressivo, consente a chi la fa di non doversi
trasformare in un giullare compiacente o, peggio, in un allineato e conformista mercenario.
Francesco Dotti

5 commenti:

Tomaso ha detto...

bella e interessante battuta

luigi ha detto...

Sempre fortissimo! Ciao e... la bici?

catone ha detto...

Vai sul sito www.no-miedo.blogspot.com
C’è qualcosa che ti riguarda.
Un saluto

CeccoDotti ha detto...

Grazie, cari Amici, sono contento che il mio lavoro vi piaccia.
Ciao Tomaso, ciao Luigi (la bici è "parcheggiata" in studio, dove credo che rimarrà per molto...) e ciao anche a te, Catone (sono andato a vedere e ti ringrazio per avermi... nominato).
Da venerdì sono senza gesso (ve lo avevo già detto?), e piano piano ho ripreso a camminare quasi normalmente. Martedì farò l'ultima visita dall'ortopedico, e poi... via verso il mare!! Se non piove. Per Pasqua contavo di andare a Cagliari, ma il tempo era davvero brutto e così me ne sono rimasto a casa a leggere un bel libro: "Il cacciatore di aquiloni". Avevo già visto il film, ma il libro è meglio.
Un abbraccio a tutti, francesco

Lara ha detto...

Grandi parole!

" ...La satira, quindi, è anche trasgressione, certe volte necessaria proprio perché serve a rimuovere le proprie inibizioni e contribuisce a farci sentire liberi e indipendenti. La satira, quando è libera espressione del pensiero e mantiene autonomi l'esaltante ispirazione e lo spirito critico-espressivo, consente a chi la fa di non doversi trasformare in un giullare compiacente o, peggio, in un allineato e conformista mercenario."

Sono pienamente d'accordo, grazie!
Lara