Salutamassòreta

Salutamassòreta

Copyright

L'intero contenuto del sito, comprendente scritti, disegni, vignette, illustrazioni, fotografie non può essere né copiato né replicato su altri siti web, riviste, giornali, CD-ROM o altri tipi di supporto senza il consenso dell'Autore. L'autorizzazione deve essere richiesta per iscritto, via-posta elettronica, direttamente a francescodotti@alice.it e si ritiene accettata solo dopo esplicito assenso scritto dell'Autore.
Il silenzio, pertanto, non significa "assenso" e non dà diritto ad alcuna autorizzazione.
Grazie

The entire contents of the site, including writings, drawings, cartoons, illustrations, photographs can not be copied or replicated on other websites, magazines, newspapers, CD-ROM or other medium without the permission of the Author. The permit must be obtained in writing, via e-mail directly to francescodotti@alice.it and it is considered accepted only after explicit written consent of the Author.
The silence, therefore, does not mean "consent" and does not entitle it to any authorization.

Thanks

Thanks

Avvertenza

Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog potrebbero essere tratti da internet e, pertanto, considerati di pubblico dominio. Qualora, però, la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'Autore, vogliate comunicarlo via email.
Saranno immediatamente rimossi.
L'Autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link, né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.
Creative Commons License
Tutte le opere e le immagini di questo blog sono pubblicate sotto una Licenza Creative Commons.

Sbarchi e immigrati






Continuano gli sbarchi di poveracci che cercano, forse, lavoro e, forse, anche un po' di tranquillità. Molti di loro scappano dalla fame, dalla guerra e dalle persecuzioni.
Tutto questo è davvero molto triste, ma ormai
sono tanti, troppi, quelli che sono arrivati da noi e che continuano ad arrivare. E allora, come si fa? Li pigliamo e ce ne freghiamo, gridando però allo scandalo perché vogliamo dimostrare che siamo buoni? Ma in questo modo è probabile che, prima o poi, vadano a ingrassare le fila di sciagurati e disadattati che da noi abbondano e dei quali faremmo volentieri a meno.
E allora... li accettiamo, li censiamo e li controlliamo sotto l'aspetto sanitario, e poi, in base alle richieste di lavoro, li sistemiamo, magari dando loro anche un alloggio decente per evitare che cadano nelle mani dei soliti profittatori che li sfruttano e li ammucchiano dentro topaie immonde succhiando loro le poche stille di sangue rimastegli?
E' una bella domanda...
E così oggi, che sembra tornato l'anticiclone africano e sto sudando come una trota, ho ricominciato a pensare e mi sono chiesto: "Ma perché un po' di loro non se li piglia il Vaticano, visto che in genere si occupa di cose che riguardano la Carità cristiana? Magari inizialmente li potrebbe assumere come giardinieri, o come lucidatori delle corazze delle guardie svizzere, o come idraulici-tubisti-lattonieri-saldatori-elettricisti nelle papaline officine meccaniche, nella venerata centrale termica o nel santo acquedotto di Villa Carpegna dai quali, in seguito, dopo aver conseguito ulteriori specializzazioni, potrebbero far carriera e transitare, sempre all'interno dei sacri uffizi, a mansioni di tutto rispetto invidiate anche all'estero (cioè da noi)".

Francesco Dotti (il solito rompicoglioni)

1 commento:

nicola ha detto...

bravo.
il troppo storpia. anche nella bontà.
ciao