Copyright

L'intero contenuto del sito, comprendente scritti, disegni, vignette, illustrazioni, fotografie non può essere né copiato né replicato su altri siti web, riviste, giornali, CD-ROM o altri tipi di supporto senza il consenso dell'Autore. L'autorizzazione deve essere richiesta per iscritto, via-posta elettronica, direttamente a francescodotti@alice.it e si ritiene accettata solo dopo esplicito assenso scritto dell'Autore.
Il silenzio, pertanto, non significa "assenso" e non dà diritto ad alcuna autorizzazione.
Grazie

The entire contents of the site, including writings, drawings, cartoons, illustrations, photographs can not be copied or replicated on other websites, magazines, newspapers, CD-ROM or other medium without the permission of the Author. The permit must be obtained in writing, via e-mail directly to francescodotti@alice.it and it is considered accepted only after explicit written consent of the Author.
The silence, therefore, does not mean "consent" and does not entitle it to any authorization.

Thanks

Thanks

Avvertenza

Alcuni testi o immagini inserite in questo blog potrebbero essere tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio. Qualora, però, la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'Autore, vogliate comunicarlo via email.
Saranno immediatamente rimossi.
L'Autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link, né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.
Creative Commons License
Tutte le opere e le immagini di questo blog sono pubblicate sotto una Licenza Creative Commons.

Polizia Municipale Pistoia - Calendario 2010


Eccolo qua!
È il nuovo calendario del 2010 che ho disegnato per la Polizia Municipale di Pistoia.
Quello mio, disegnato, avrei voluto mostrarvelo subito tutto, pagina dopo pagina - e non è detto che non lo farò, se avrò più tempo -, ma siccome vado di fretta intanto vi mostro la copertina
. Che non è poco...
Mentre per l'altro calendario, quello "istituzionale", a tiratura limitata, sul tipo di quelli che altre Forze Armate realizzano, sono state utilizzate le bellissime immagini fotografiche di Gabriele Magni, fotografo e pubblicitario, ma soprattutto medaglia di bronzo per il fioretto a squadre alle Olimpiadi di Sidney, nel 2000.
Grazie, quindi, alla Polizia Municipale della mia città e al comandante Giuseppe Napolitano, all'Ispettore Luigi Pulcini, a Carlo Bartolini, a Carlo Bartoletti della redazione de "Il Micco", al Comune di Pistoia e a tutti gli altri amici pistoiesi che hanno reso possibile questa iniziativa e che mi hanno sostenuto perché la potessi realizzare, facendomi vivere questa meravigliosa "rimpatriata" in una "due giorni" veramente intensa che non dimenticherò.
Soprattutto per il viaggio di ritorno sotto una tormenta di neve, dopo aver sbagliato strada almeno tre volte...
Francesco Dotti


CLICCAMI E MI LEGGERAI...

Questo è l'articolo de "La Nazione" del 17 dicembre scorso, nella pagina "24 ore Pistoia".
Chi lo vuole leggere senza accecarsi, basta che ci clicchi sopra e come per magìa l'articolo diverrà leggibile a tutti.
Altrimenti si fa dare il giornale da qualcuno che ce l'ha.
Vedete cos'è capace di fare la tecnologia? E poi dice che uno si butta a sinistra, come diceva Totò!


Mentre questo, sempre del 17 dicembre, in cronaca di Pistoia, è l'articolo apparso su "Il Tirreno".
Anche questo, per vederlo meglio, ci dovete cliccare sopra. Ci avete cliccato? Lo avete letto? Bravi!!

BUON NATALE E BUON ANNO


Starò fuori per qualche giorno, e non avendo con me il computer non so se farò in tempo a farvi gli auguri in tempo. Così ve li faccio adesso, con un po' di anticipo, sperando che siano ugualmente graditi. Grazie per avermi seguito fino ad oggi nei miei strampalati pensieri. Vi voglio bene.
Un abbraccio a tutti e speriamo che sia un Natale davvero sereno e senza odio, e che il Nuovo Anno ci porti tutti a distinguere meglio il Bene dal Male.
Con affetto, Francesco

Alberi e giardini



L'altra mattina sono andato ai giardini pubblici del "Fausto Noce" che, in pratica, è il parco pubblico di Olbia. Il tempo atmosferico non si può dire che fosse ideale per scattare foto, ma la luce, uniforme e piuttosto forte sebbene grigia, mi ha convinto a fare qualche scatto.
Poi, utilizzando qualche artifizio insegnatomi da un amico dotato di poteri sovra-fotografici, mi sono esercitato in queste bizzarrìe cromatiche.



Non contento, e stanco del colore apparentemente carnascialesco dei "miei" alberelli, decido di spogliarli di qualsivoglia cromatismo tostamente "biancoannerendoli".


Vòlto poi il guardo a manca de lo parco, veggo questa fonte di sì ricca beltade ammantata e la immortalo in un nuovo scatto. Questa volta lasciandola com'è: coi suoi colori originari.

 
Infine, pria d'appressarmi alla magione imperocché la panza mea già lamentava nutrimento, m'avvedo di cotanto ulivo a "torciglione", dalla fonte a un dipresso.
"Poffarbacco!!" esclamo "Cotesto ceppo va sì immortalato!" E scatto.
Poi, di nuovo, "biancoannerizzo".

 

Aggredito Berlusconi

L'aggressione di stasera, a Milano, al Presidente del Consiglio, oltre ad essere un gesto inqualificabile compiuto da uno pseudo-folle, secondo me potrebbe essere letta all'interno di un clima di violenta contestazione di matrice politica che da un po' di tempo viene irresponsabilmente appoggiata dai media e, ultimamente, anche da qualche social network.
C'è, credo, una parte di Storia del dopoguerra del nostro Paese che ancora oggi, a distanza di una cinquantina d'anni, sembra non essere stata del tutto "digerita" e che si manifesta con la contrapposizione, soprattutto ideologica, ma anche violenta e incivile, tra ciò che è di destra e ciò che è di sinistra, al solo scopo di delegittimare l'avversario politico del momento. Ne sono prova le varie stragi, i complotti, più o meno detti "di Stato", molti dei quali ancora oggi sono avvolti nel mistero o coperti dagli "omissis". Che è la stessa cosa. E poi i servizi segreti cosiddetti "deviati", le varie "Gladio" più o meno diversamente colorate e diversamente schierate, che hanno portato alla ribalta i capitoli più oscuri e deteriori della devianza politica di quegli anni.
Io stesso, per farvi un esempio di questa "cattiva digestione", che non ho mai appartenuto ad alcuna ideologia, né di destra né di sinistra, tempo fa mi sono avventurato in un ragionamento di "destra" con amici dichiaratamente di "sinistra" - ma poteva essere anche il contrario - e da questi sono stato aggredito verbalmente con una violenza inaudita. Un po' come allo stadio fanno i tifosi di fazioni opposte, prima di venire alle mani e tirarsi addosso le poltroncine scardinate dagli spalti. E io, che anche nello sport sono stato sempre per il "vinca il migliore" e non ho mai avuto squadre "del cuore" da difendere, per non rischiare che la discussione degenerasse (meno male che le poltroncine da scardinare non c'erano...), visto che mi era impossibile colloquiare (perché di questo si trattava) in maniera pacata e razionale, mi sono ritirato in buon ordine. In fondo non pretendevo di "convertire" nessuno al mio pensiero e m'importava davvero poco se, alla fine, ognuno fosse rimasto delle proprie idee.

Tempo fa ho saputo dell'esistenza sul web di un messaggio di esortazione all'eliminazione fisica di Berlusconi (mi pare si intitolasse "Uccidiamo Berlusconi"), giustificato come "titolo forte, ma nessuna volontà omicida" - che conta almeno 14 mila iscritti le cui reali volontà, però, probabilmente non conosciamo a fondo -, mentre stasera apprendo dalla tivvù che in rete, oltre a quelli che esprimono condanna, addirittura sono sorti anche gruppi di sostenitori dell'aggressore.
Che tempismo! Che maturità! Che moralità!
Perciò mi chiedo: siamo davvero sicuri che quando gruppi di ragazzini inneggiano a cose che probabilmente neppure conoscono - e qui mi riferisco al recente "B-day" -, non lo facciano perchè hanno sentito i discorsi dei "grandi", e da questi "grandi", in qualche modo, si sentano sostenuti, protetti e, magari, anche affrancati dalle responsabilità che dai loro atteggiamenti dovessero derivare?

La contestazione politica, sempre secondo me, va fatta nei luoghi adatti e non nelle strade e nelle piazze. Nelle strade e nelle piazze si può anche scendere, ma solo quando non manca la maturità, intesa come il completamento della moralità e delle facoltà intellettuali, di coloro che quelle strade e quelle piazze si preparano a riempire.
Altrimenti, casi come quello di stasera potrebbero ripetersi. Indipendentemente dalla "sanità mentale" del responsabile di quel gesto vergognoso che spero sia punito come merita.
Francesco Dotti


RISPOSTA AL COMMENTO DI SALVATORE ORE DA CECINA

Caro Salvatore,
pubblico con piacere quanto mi contesti prima di tutto perché lo hai detto con garbo e con la schiettezza e la simpatia che contraddistingue noi toscani, e poi perché onestamente quello che dici potrebbe anche essere condivisibile. Premetto che, malgrado tutto il male che di Berlusconi si dice, e si è detto, a me personalmente non è antipatico. Intendo dire come persona. Ma questo è il mio punto di vista. E, lo ripeto, vederlo conciato in quel modo mi ha fatto davvero pena. Ma non perché è Berlusconi. Se al posto suo ci fosse stato un altro mi avrebbe fatto pena lo stesso. È il gesto violento che condanno.
Per le parole dette a Rosy Bindi, che in fondo non mi sono sembrate così gravi, sarebbe stato molto meglio liquidarle come una battuta - perché, conoscendo il modo di fare di Berlusconi, che scherza sempre con tutti e anche su se stesso, di questo si trattava. Invece, sempre secondo me, tutti le hanno sovrappesate inutilmente, strumentalizzandole (come si dice), come avvenne per il gesto del "mitra" a quella giornalista che lo intervistava. Per contro, bisogna anche riconoscere che di Berlusconi, fino ad oggi, hanno detto tutti "peste e corna". Quindi una reazione sarebbe prevedibile, oltre che legittima. Ma siccome ne sono state dette tante, da ambo le parti, alla fine non si sa più chi ha cominciato per primo. Inoltre, se Berlusconi dovesse veramente aver fatto tutto quello di cui viene accusato, come avevo in precedenza scritto non gli si doveva neppure permettere di darsi alla politica. Gli si diceva subito di no. Secco e deciso. Invece, tutti zitti o quasi, con qualcuno che gli faceva i complimenti, gli mollava pacche sulle spalle e gli diceva "Bravo!".
Per il resto delle incriminazioni che lo riguardano, per stabilire se è colpevole o innocente, dovrebbe toccare alla magistratura, più o meno "colorata", appurarlo. Aspettiamo tutte le sentenze e poi si vedrà.
Dice: "Ma Berlusconi si vuol confezionare le leggi su misura!". O non c'è sempre la Corte Costituzionale per impedirglielo? Evidentemente se non glielo impedisce è segno che queste modifiche, questi "lodi" dai nomi variegati li può fare. Quando ha voluto impedirlo lo ha fatto, eccome! Non vedo il problema. Oppure mi sfugge qualcosa.
Piuttosto penso, invece, che noi spesso abbiamo il brutto vizio di fare i processi alle intenzioni e poi ci ricamiamo sopra un fottìo di merletti dietrologici talmente complicati dai quali non solo non si esce più ma non ci si ricorda più neppure come ci siamo entrati. E la cosa grave è che tutti, alla fine, ci credono.

La Storia è piena di questi esempi. O no? D'altra parte, per come ha lavorato il suo esecutivo, bisogna riconoscere con onestà che lo ha fatto in un periodo difficile, e non credo che l'opposizione avrebbe fatto meglio di lui. Dico "non credo", perché in realtà potrei solo fare delle assurde e inutili elucubrazioni che alla fine non porterebbero da nessuna parte. Comunque delle cose sono state fatte. Si poteva fare di più e meglio? Può darsi. Giudicheremo dopo. Ora governa lui. La crisi c'è: grossa, mondiale, planetaria, e per uscirne, indipendentemente da chi ci governasse, tutti dovremmo essere disposti a rinunciare ad una buona fetta di quello che da decenni siamo abituati ad avere. Bisognerebbe provare ma, soprattutto, siamo disposti a farlo? Perciò (o vogliamo sovvertire le leggi della democrazia facendo la rivoluzione?) aspettiamo pazientemente le prossime elezioni e poi, alla fine, valuteremo: quello che ha fatto Berlusconi prima, e quello che avranno fatto i nuovi eletti dopo.
Infine, per l'assioma "lanciatore di statuette=parte avversa", non si può negare che sia sempre esistito un forte antagonismo, non solo politico ma soprattutto ideologico, sfociato spesso in episodi violenti, tra destra e sinistra. Che invece questo sia stato un caso isolato e circoscritto al gesto di uno "psicolabile", nel momento in cui mi sono spinto nella mia personale interpretazione dei fatti di Milano ancora non lo sapevo. Ora che le cose sembrano più chiare, può darsi che lo "psicolabile" non c'entri davvero nulla con la "sinistra" e la "destra", ma queste divisioni purtroppo esistono e, lo ripeto, non sempre si risolvono come le stiamo risolvendo io e te: dialogando, spero, amabilmente e civilmente. Anzi...
Detto questo, e scusa se è poco, ti ringrazio per il commento che mi hai mandato e se avrai ancora voglia di scrivermi sarò lieto di risponderti e pubblicare quello che mi scrivi e, perché no, se dovessi scoprire nei tuoi ragionamenti qualcosa di convincente, sarò felice anche rivedere qualche mio punto di vista.
Tanti auguri di un sereno Natale e di Buon Anno a te e Famiglia,
Francesco Dotti

Fiori - 2


Questi, invece, dovrebbero essere dei girasoli. Non ricordo, però, se gli originali fossero veri o "finti". Allora, utilizzando un simpatico programmino per pittori pigri, mi è venuto in mente di modificarli. Avrei voluto dipingerli, ma sono un pittore... pigro.
Comunque non sono poi così malvagi, vero?

Fiore - 1


L'altra mattina, tra i vasi in giacenza sul mio terrazzo è sbocciato questo fiore... ignoto.
Non è bellissimo, è vero, ma la geometria del suo disegno mi ha colpito e così l'ho fotografato.
Qualcuno di voi sa dirmi a quale pianta appartenga? Che busta volete: la uno, la due o la tre?