Salutamassòreta

Salutamassòreta

Copyright

L'intero contenuto del sito, comprendente scritti, disegni, vignette, illustrazioni, fotografie non può essere né copiato né replicato su altri siti web, riviste, giornali, CD-ROM o altri tipi di supporto senza il consenso dell'Autore. L'autorizzazione deve essere richiesta per iscritto, via-posta elettronica, direttamente a francescodotti@alice.it e si ritiene accettata solo dopo esplicito assenso scritto dell'Autore.
Il silenzio, pertanto, non significa "assenso" e non dà diritto ad alcuna autorizzazione.
Grazie

The entire contents of the site, including writings, drawings, cartoons, illustrations, photographs can not be copied or replicated on other websites, magazines, newspapers, CD-ROM or other medium without the permission of the Author. The permit must be obtained in writing, via e-mail directly to francescodotti@alice.it and it is considered accepted only after explicit written consent of the Author.
The silence, therefore, does not mean "consent" and does not entitle it to any authorization.

Thanks

Thanks

Avvertenza

Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog potrebbero essere tratti da internet e, pertanto, considerati di pubblico dominio. Qualora, però, la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'Autore, vogliate comunicarlo via email.
Saranno immediatamente rimossi.
L'Autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link, né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.
Creative Commons License
Tutte le opere e le immagini di questo blog sono pubblicate sotto una Licenza Creative Commons.

Enas - campagna


In questa bucolica raffigurazione - una tempera su carta di poco conto di modeste dimensioni: m. 2,50 x 6,30 -, potete ammirare il pascolaggio del gregge di un mio prozio arciprete nelle campagne vicine a Enas.
Questo zio, autore, tra l'altro, di simpatici scherzi (i famosi "scherzi da arciprete", appunto, ancora più mancini e birboni di quelli da "prete"),
prima di trasmigrare ad altra diòcesi, si divertì per anni a spaventare il pecorame travestendosi da maremmano, e addentando i garretti dei poveri ovini soleva farsi delle grasse risate alle loro spalle.
Fin quando non si trovò di fronte un vero maremmano...

1 commento:

luigi ha detto...

Simpatico il tuo commento, degno della tua vena, come del resto questa tempera che sta a pennello con la tua arte: armonia compositiva, equilibrio dei colori, gioco sapiente delle pennellate, un concentrato di benessere in ambiente bucolico. Buona serata e a presto.