Salutamassòreta

Salutamassòreta

Copyright

L'intero contenuto del sito, comprendente scritti, disegni, vignette, illustrazioni, fotografie non può essere né copiato né replicato su altri siti web, riviste, giornali, CD-ROM o altri tipi di supporto senza il consenso dell'Autore. L'autorizzazione deve essere richiesta per iscritto, via-posta elettronica, direttamente a francescodotti@alice.it e si ritiene accettata solo dopo esplicito assenso scritto dell'Autore.
Il silenzio, pertanto, non significa "assenso" e non dà diritto ad alcuna autorizzazione.
Grazie

The entire contents of the site, including writings, drawings, cartoons, illustrations, photographs can not be copied or replicated on other websites, magazines, newspapers, CD-ROM or other medium without the permission of the Author. The permit must be obtained in writing, via e-mail directly to francescodotti@alice.it and it is considered accepted only after explicit written consent of the Author.
The silence, therefore, does not mean "consent" and does not entitle it to any authorization.

Thanks

Thanks

Avvertenza

Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog potrebbero essere tratti da internet e, pertanto, considerati di pubblico dominio. Qualora, però, la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'Autore, vogliate comunicarlo via email.
Saranno immediatamente rimossi.
L'Autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link, né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.
Creative Commons License
Tutte le opere e le immagini di questo blog sono pubblicate sotto una Licenza Creative Commons.

Pastori e Proteste


 
 
La Sardegna, specialmente coi "pacchetti-vacanza" scontati, si avvicina solo d'estate, ma poi, per il resto dell'anno, quel mare che richiama milioni di turisti e qualche vip (ma ce ne sono ancora ?) rischia di diventare una barriera insormontabile. Soprattutto per chi, in Sardegna, vive e lavora. 
Quando riesce a lavorare, e quando addirittura non è costretto a sopravviverci.
A questo proposito, il testo della vignetta, scritto in sardo - credo logudorese e suggerito da un amico di Bressanone -, tradotto in italiano, più o meno dovrebbe suonare così:
"Staccare la Sardegna dall'Italia (secondo un antico desiderio indipendentista, ndr)... Perché, non è staccata abbastanza?" 
Intendendo, con questa frase, non solo la distanza geografica, ma soprattutto l'isolamento e il divario sociale ed economico che ne deriva, al quale da secoli il popolo Sardo deve sottostare.
Ne sanno qualcosa i pastori, sempre Sardi, in questi giorni al vertice di una protesta - con occupazione di strade e aeroporti - per una crisi che nell'Isola ormai coinvolge molte aziende, anche quelle a conduzione familiare.
L'economia isolana, è bene ricordarlo, si basa (o si dovrebbe basare) principalmente sul turismo, sull'artigianato e sul comparto agro-alimentare; mentre le fabbriche e le industrie, portate nell'Isola a dispetto dei veri sentimenti e delle radici profonde del popolo Sardo, e nelle mani delle solite "cricche", alla lunga si sono rivelate un fallimento. E la prova è sotto gli occhi di tutti, basta leggere un po'.
Mi fermo qui, perché è arcinoto che sono un ignorante e non sono all'altezza di certi argomenti, ma avrei piacere se qualcuno che ne sa più di me intervenisse e magari commentasse queste mie fesserie.
Distinti saluti,
Francesco Dotti  

1 commento:

Tomaso ha detto...

Non sono fesserie caro Cecco, i tuoi post hanno sempre una motivazione! questa per esempio, come ha capito io dalla vignetta e che la Sardegna è lontano dallo stivale, il resto aspetto qualcuno che ci spiegherà il resto.
Buona serata caro amico