Salutamassòreta

Salutamassòreta

Copyright

L'intero contenuto del sito, comprendente scritti, disegni, vignette, illustrazioni, fotografie non può essere né copiato né replicato su altri siti web, riviste, giornali, CD-ROM o altri tipi di supporto senza il consenso dell'Autore. L'autorizzazione deve essere richiesta per iscritto, via-posta elettronica, direttamente a francescodotti@alice.it e si ritiene accettata solo dopo esplicito assenso scritto dell'Autore.
Il silenzio, pertanto, non significa "assenso" e non dà diritto ad alcuna autorizzazione.
Grazie

The entire contents of the site, including writings, drawings, cartoons, illustrations, photographs can not be copied or replicated on other websites, magazines, newspapers, CD-ROM or other medium without the permission of the Author. The permit must be obtained in writing, via e-mail directly to francescodotti@alice.it and it is considered accepted only after explicit written consent of the Author.
The silence, therefore, does not mean "consent" and does not entitle it to any authorization.

Thanks

Thanks

Avvertenza

Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog potrebbero essere tratti da internet e, pertanto, considerati di pubblico dominio. Qualora, però, la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'Autore, vogliate comunicarlo via email.
Saranno immediatamente rimossi.
L'Autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link, né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.
Creative Commons License
Tutte le opere e le immagini di questo blog sono pubblicate sotto una Licenza Creative Commons.

Vittorio Feltri


Vittorio Feltri: una delle "penne", secondo me, più caustiche del giornalismo italiano. E qui si ferma il significato della mia vignetta. 
Inoltre, Feltri ha anche un volto "interessante". Intendo sotto il profilo artistico, e per questo motivo mi è parso di ritrarlo in questa caricatura che, spero, se la vedrà, sia di suo gradimento.
Più in generale, invece, mi preme parlare della causticità di alcuni giornali, e di alcuni giornalisti, di destra, di sinistra, di centro, di sopra o di sotto, quando tirano fuori dal cilindro delle notizie informazioni che attengono più alla sfera privata che a quella pubblica di alcuni personaggi. Siano essi anche pubblici, e quindi a torto? a ragione? date in pasto all'avidità dell'utenza. 
Credo, e voglio sperare, che il giornalismo, in assoluto, non sia al servizio degli editori e/o dei padroni. Ma credo anche, e voglio sperarlo, che non sia neppure al servizio delle chiacchiere e della maldicenza.
Anche se talvolta avviene che, mascherandosi da "informazione", le penne-freccia vengano intinte nel calamaio dei veleni. E quando questo accade, non c'è antidoto che tenga.
Francesco Dotti 

Nessun commento: