Salutamassòreta

Salutamassòreta

Copyright

L'intero contenuto del sito, comprendente scritti, disegni, vignette, illustrazioni, fotografie non può essere né copiato né replicato su altri siti web, riviste, giornali, CD-ROM o altri tipi di supporto senza il consenso dell'Autore. L'autorizzazione deve essere richiesta per iscritto, via-posta elettronica, direttamente a francescodotti@alice.it e si ritiene accettata solo dopo esplicito assenso scritto dell'Autore.
Il silenzio, pertanto, non significa "assenso" e non dà diritto ad alcuna autorizzazione.
Grazie

The entire contents of the site, including writings, drawings, cartoons, illustrations, photographs can not be copied or replicated on other websites, magazines, newspapers, CD-ROM or other medium without the permission of the Author. The permit must be obtained in writing, via e-mail directly to francescodotti@alice.it and it is considered accepted only after explicit written consent of the Author.
The silence, therefore, does not mean "consent" and does not entitle it to any authorization.

Thanks

Thanks

Avvertenza

Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog potrebbero essere tratti da internet e, pertanto, considerati di pubblico dominio. Qualora, però, la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'Autore, vogliate comunicarlo via email.
Saranno immediatamente rimossi.
L'Autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link, né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.
Creative Commons License
Tutte le opere e le immagini di questo blog sono pubblicate sotto una Licenza Creative Commons.

Natura morta - 1


Questa è una vecchia natura morta che risale a circa quindici anni fa. L'ispirazione mi venne osservando dei lavori di Morandi e Degas.
È un acquerello, disegnato su un cartoncino bianco di robusto spessore trovato chissà dove e utilizzando, invece dei soliti acquerelli in pastiglie, i colori concentrati che usano gli imbianchini per colorare le tempere murali. 
Basta infatti una sola goccia di prodotto, mischiata con acqua in un piattino - rigorosamente bianco -, per ottenere una quantità quasi industriale di colore da stendere sul supporto e da miscelare, all'occorrenza, con altre quantità industriali di colore delle altre bottigliette. Il risultato finale, se siete fortunati, potrebbe anche essere qualcosa di veramente gradevole, ma soprattutto "nuovo". Provate, e poi me lo saprete dire.
L'importante, con questo tipo di colore, è di saperlo dosare insieme all'acqua. Perché è molto penetrante e, a differenza dell'acquerello, anche molto... colorante. Insomma, se ne mettete troppo e avete sbagliato qualcosa è davvero difficile toglierlo o "ammorbidirlo", anche se lavate il disegno sotto al rubinetto.
Bei tempi, quando sperimentavo e mi svegliavo anche di notte per mettere in pratica le idee che la frittata di cipolle serale, mal digerita, mi aveva ispirato negl'incubi notturni!

Nessun commento: