Salutamassòreta

Salutamassòreta

Copyright

L'intero contenuto del sito, comprendente scritti, disegni, vignette, illustrazioni, fotografie non può essere né copiato né replicato su altri siti web, riviste, giornali, CD-ROM o altri tipi di supporto senza il consenso dell'Autore. L'autorizzazione deve essere richiesta per iscritto, via-posta elettronica, direttamente a francescodotti@alice.it e si ritiene accettata solo dopo esplicito assenso scritto dell'Autore.
Il silenzio, pertanto, non significa "assenso" e non dà diritto ad alcuna autorizzazione.
Grazie

The entire contents of the site, including writings, drawings, cartoons, illustrations, photographs can not be copied or replicated on other websites, magazines, newspapers, CD-ROM or other medium without the permission of the Author. The permit must be obtained in writing, via e-mail directly to francescodotti@alice.it and it is considered accepted only after explicit written consent of the Author.
The silence, therefore, does not mean "consent" and does not entitle it to any authorization.

Thanks

Thanks

Avvertenza

Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog potrebbero essere tratti da internet e, pertanto, considerati di pubblico dominio. Qualora, però, la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'Autore, vogliate comunicarlo via email.
Saranno immediatamente rimossi.
L'Autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link, né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.
Creative Commons License
Tutte le opere e le immagini di questo blog sono pubblicate sotto una Licenza Creative Commons.

Sanità pubblica e privata


Quartu S. Elena - Casa di Cura "Sant'Elena"

Casa di Cura "Sant'Elena" - Manifestazione degli operatori


Quartu S. Elena - Policlinico "Città di Quartu" 

E così adesso si chiudono anche gli ospedali che funzionano. Sembra che la Regione Sarda abbia finito i soldi stanziati per due cliniche private di Quartu S. Elena: la modernissima ed elegante Casa di Cura “Sant’Elena”, e l’altrettanto funzionale ed accogliente Policlinico “Città di Quartu”. Poi, come se non bastasse, nel giro di vite della sanità regionale c'è finita anche un’altra clinica, il “San Salvatore”, che si trova a Cagliari. 
Ma, Quartu o Cagliari, poco importa. Il fatto è che dovranno chiudere. Lo prevederebbe una delibera regionale che redistribuisce i tetti di spesa per la sanità privata.
Eppure sono ospedali che funzionano bene, anzi, benissimo, e dove i “pazienti-malati” sono trattati come in famiglia. Personalmente devo molto a due di queste cliniche e a chi vi lavora: al “San Salvatore”, 37 anni fa è nata mia figlia; mentre al “Sant’Elena”, lo scorso mese di maggio, è stata operata mia moglie per un tumore al seno e, grazie proprio ai medici del "Sant'Elena", se la caverà.
Dice che ci sono delle “perdite di bilancio”, che “difettano i meccanismi di compensazione tra le strutture pubbliche e quelle private” (perché lavorano in regime di convenzione con la sanità nazionale), che ci sono “esuberi di personale”… insomma, sempre le solite cose.
Intanto, un centinaio di famiglie tra medici, personale infermieristico e amministrativo, rischiano il posto di lavoro, mentre si parla già di cassa integrazione e di mobilità.
Li ho incontrati stamani fuori della clinica, questi lavoratori coi camici verdi, celesti e bianchi, riuniti per far valere il sacrosanto diritto a quel lavoro che alla fine di ottobre, se passerà la delibera della Regione, forse non avranno più.

Sanità: “il complesso degli uffici e delle persone preposti alla salute collettiva” (dal Diz. Italiano Devoto-Oli e altri). E vi ho detto tutto…
Francesco Dotti



2 commenti:

Tomaso ha detto...

Caro Cecco eccomi come promesso, oggi inizio piano piano ha riprendere il giro di saluti ha tutti gli amici e amiche...
Bella carrellata di foto!!! ti invita veramente a venire per visitare questa magnifica isola.
Un abbraccio forte
Tomaso

CeccoDotti ha detto...

Ciao Tomaso carissimo! Mi devi scusare se all'epoca non avevo risposto al tuo commento. E' probabile che mi fosse finito tra lo spam, e solo oggi me ne sono accorto. A distanza di oltre tre anni!
Scusami ancora.
Un carissimo saluto,
Francesco