Salutamassòreta

Salutamassòreta

Copyright

L'intero contenuto del sito, comprendente scritti, disegni, vignette, illustrazioni, fotografie non può essere né copiato né replicato su altri siti web, riviste, giornali, CD-ROM o altri tipi di supporto senza il consenso dell'Autore. L'autorizzazione deve essere richiesta per iscritto, via-posta elettronica, direttamente a francescodotti@alice.it e si ritiene accettata solo dopo esplicito assenso scritto dell'Autore.
Il silenzio, pertanto, non significa "assenso" e non dà diritto ad alcuna autorizzazione.
Grazie

The entire contents of the site, including writings, drawings, cartoons, illustrations, photographs can not be copied or replicated on other websites, magazines, newspapers, CD-ROM or other medium without the permission of the Author. The permit must be obtained in writing, via e-mail directly to francescodotti@alice.it and it is considered accepted only after explicit written consent of the Author.
The silence, therefore, does not mean "consent" and does not entitle it to any authorization.

Thanks

Thanks

Avvertenza

Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog potrebbero essere tratti da internet e, pertanto, considerati di pubblico dominio. Qualora, però, la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'Autore, vogliate comunicarlo via email.
Saranno immediatamente rimossi.
L'Autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link, né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.
Creative Commons License
Tutte le opere e le immagini di questo blog sono pubblicate sotto una Licenza Creative Commons.

Mores - Dolmen Sa Coveccada

Continuando il mio viaggio, a sud-ovest del paese, guardando verso Mores e uscendo da Ittireddu, imboccai la Statale n. 6 seguendo le indicazioni per un altro sito, questa volta archeologico, rappresentato dal dolmen "Sa Coveccada". Chiamato così probabilmente per la grossa pietra messa come copertura.

 Dopo qualche chilometro girai a destra e presi una stradina piena di merde di pecora che portava nei pressi di alcune case coloniche. Anche qui "cave canes", innocui, abbaianti, ma in ogni caso in libertà.

 Percorrendola fino in fondo, la stradina si fermava davanti a un cancello. Lo aprii, entrai, lo richiusi (perché, una volta entrati, il cancello deve essere sempre richiuso), e in mezzo alla campagna, a un centinaio di metri, ecco il bellissimo dolmen.
Per le sue grandi dimensioni, è considerato uno dei più importanti monumenti megalitici del neolitico recente (ca. 2000 a.C.).


 Peccato che nella parte posteriore fosse un po' mal messo e mancante di alcuni pezzi...


Il panorama circostante era quello tipico della campagna sarda, con la differenza che mi sembrava di essere tornato all'epoca nuragica e da un momento all'altro mi aspettavo che da un cespuglio uscisse  Sardus Pater  con tanto di lancia, spadone di bronzo e scudo rotondo. 
Siccome ormai ero in zona e la giornata estiva ancora lunga, decisi di fare una puntatina anche alla necropoli ipogeica di Partulesi. 

altre utilissime informazioni su questo link:


http://www.duepassinelmistero.com/Sa%20Coveccada.htm


Per i soliti motivi detti poc'anzi (e cioè i post che non si allineavano bene), il viaggio continua qui sotto con la visita alla necropoli di Partulesi...

Nessun commento: