Salutamassòreta

Salutamassòreta

Copyright

L'intero contenuto del sito, comprendente scritti, disegni, vignette, illustrazioni, fotografie non può essere né copiato né replicato su altri siti web, riviste, giornali, CD-ROM o altri tipi di supporto senza il consenso dell'Autore. L'autorizzazione deve essere richiesta per iscritto, via-posta elettronica, direttamente a francescodotti@alice.it e si ritiene accettata solo dopo esplicito assenso scritto dell'Autore.
Il silenzio, pertanto, non significa "assenso" e non dà diritto ad alcuna autorizzazione.
Grazie

The entire contents of the site, including writings, drawings, cartoons, illustrations, photographs can not be copied or replicated on other websites, magazines, newspapers, CD-ROM or other medium without the permission of the Author. The permit must be obtained in writing, via e-mail directly to francescodotti@alice.it and it is considered accepted only after explicit written consent of the Author.
The silence, therefore, does not mean "consent" and does not entitle it to any authorization.

Thanks

Thanks

Avvertenza

Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog potrebbero essere tratti da internet e, pertanto, considerati di pubblico dominio. Qualora, però, la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'Autore, vogliate comunicarlo via email.
Saranno immediatamente rimossi.
L'Autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link, né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.
Creative Commons License
Tutte le opere e le immagini di questo blog sono pubblicate sotto una Licenza Creative Commons.

Berlusconi a Lampedusa

E' proprio vero: se Berlusconi non ci fosse, bisognerebbe inventarlo. E quello inventato non verrebbe mai bene come quello vero. Per questo, a Lampedusa lo aspettavano tutti con ansia: "Chissà che dirà... chissà che farà...", si chiedevano i lampedusani non appena si è sparsa la voce della futura visita del premier. 
E infatti, il Cav non ha deluso nessuno: "Vi farò questo e quello, e se non vi basta vi farò quell'altro, e anche di più!" diceva, distribuendo sorrisi e strette di mano a destra e a manca, saltando da un predellino all'altro come un grillo.
Ha iniziato promettendo di svuotare l'isola dai migranti in quattro e quattr'otto, poi che avrebbe comprato tutta la flotta tunisina così chi vorrà emigrare sarà costretto a farsi la traversata a nuoto, che avrebbe piantato alberi, ridipinto case, costruito strade, comprato ville, eliminato le tasse, messo su un casinò (l'accento, visti i tempi, è d'obbligo...) e ancora che, dopo aver unito il ponte di ferragosto con quello di ognissanti, passando per quello di Messina, per allungare la stagione turistica compromessa, avrebbe addirittura insignito l'isola di un premio Nobel. 
Infine, una volta pensionato e abbandonata la politica, con una strizzatina d'occhio ha confidato che sarebbe diventato lampedusano e si sarebbe dato... all'ittica mettendosi in proprio. 
Insomma, neanche gl'invidiosi Bersani e Di Pietro avrebbero saputo far di meglio!

Nessun commento: