Salutamassòreta

Salutamassòreta

Copyright

L'intero contenuto del sito, comprendente scritti, disegni, vignette, illustrazioni, fotografie non può essere né copiato né replicato su altri siti web, riviste, giornali, CD-ROM o altri tipi di supporto senza il consenso dell'Autore. L'autorizzazione deve essere richiesta per iscritto, via-posta elettronica, direttamente a francescodotti@alice.it e si ritiene accettata solo dopo esplicito assenso scritto dell'Autore.
Il silenzio, pertanto, non significa "assenso" e non dà diritto ad alcuna autorizzazione.
Grazie

The entire contents of the site, including writings, drawings, cartoons, illustrations, photographs can not be copied or replicated on other websites, magazines, newspapers, CD-ROM or other medium without the permission of the Author. The permit must be obtained in writing, via e-mail directly to francescodotti@alice.it and it is considered accepted only after explicit written consent of the Author.
The silence, therefore, does not mean "consent" and does not entitle it to any authorization.

Thanks

Thanks

Avvertenza

Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog potrebbero essere tratti da internet e, pertanto, considerati di pubblico dominio. Qualora, però, la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'Autore, vogliate comunicarlo via email.
Saranno immediatamente rimossi.
L'Autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link, né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.
Creative Commons License
Tutte le opere e le immagini di questo blog sono pubblicate sotto una Licenza Creative Commons.

Pistoia

Dopo una lunga gestazione, oggi finalmente ho partorito questo acquerello che raffigura una stradina del centro storico della mia città. 
La città è Pistoia, e la stradina è Via della Torre (l'antica "Via Regis", risalente all'anno Mille e che, congiuntamente ad altre strade che attraversano il mercato della Sala, consentiva - e ancora oggi lo consente - di attraversare la città da oriente a occidente e viceversa).
Questa stretta viuzza, che non ha mai perduto il suo sapore medievale, si diparte dal vicino Palazzo dei Vescovi, nella Piazza del Duomo, e incrociando altre caratteristiche stradine dai nomi curiosi (Via dell'Acqua, Vicolo dei Bacchettoni) arriva in Via Filippo Pacini (che è la strada che porta all'Ospedale del Ceppo). 
Io, che sono nato in Via degli Orafi, a meno di cento metri da qui, quando ero ragazzo ci venivo spesso a giocare. Soprattutto con... la Vespa che il parroco, il paziente Don Domenico, parcheggiava all'esterno della canonica. Quanti ricordi...

10 commenti:

Tomaso ha detto...

Ciao Francesco eccomi ritornato dopo due giorni di forte nostalgia.
Buon fine settimana amico.
Tomaso

Costantino ha detto...

Cecco Dotti torna a Pistoia,per dipingere un suo angolo caratteristico.
Questa viuzza la ricordo perchè l'ho percorsa qualche mese fa.

bluoso ha detto...

Ciao che ogni tanto ripeschi nostalgicamente dal tuo passato pezzettini di vita quasi fossero 'caramelle'. Succede anche a me, lo sai, e quindi apprezzo ancor più il tuo dire e il tuo 'mostrare' con i colori quel piccolo grande mondo che non scomparirà mai. Un caro saluto e buona Settimana Santa. Con affetto. Luigi.

CeccoDotti ha detto...

Grazie per essere passato, Luigi.
E' vero, ogni tanto "ripesco" qualcosa, e questa volta lo devo a un libro su Pistoia, dono di una banca locale, che contiene alcuni scorci interessanti della mia città.
Lo avevo scelto tra i tanti presenti, e abbozzato il mese scorso, ma poi lo avevo messo da parte. Così ieri mi sono deciso a terminarlo. Avevo paura di sbagliare, come sempre, qualcosa. Non ho più il coraggio di una volta.
Grazie, e buona Settimana Santa anche a te. Un forte abbraccio, Francesco

CeccoDotti ha detto...

Ciao Costantino, come si dice: "ogni tanto ritornano". In questo caso sono i ricordi: tanti, dolci e pieni di nostalgia...
Grazie per la visita, graditissima, e buona domenica,
Francesco

CeccoDotti ha detto...

Ciao Tomaso, grazie anche a te, mio generoso visitatore!
Un caro saluto e buona domenica, Francesco

serenape ha detto...

Ciao! Il racconto della Vespa del parroco non mi é nuovo... Mi sa che l' ho sentito da un tuo compagno di scorribande!?
Un abbraccio.
Serena

Alex ha detto...

Ciao Cecco, bellissimo questo scorcio. Hai reso benissimo le forme e la luce, il tutto con una cromaticità tenue e molto delicata.
Buona Pasqua carissimo.

CeccoDotti ha detto...

Ciao Serena, finalmente ti fai viva!
Vedo che anche tu sei piuttosto informata... Per caso, abbiamo amici di scorribande in comune?...
Un abbraccio a tutti voi e salutami tanto il Babbo (che è lì vicino, e se la ride...)
Ciao, Francesco

CeccoDotti ha detto...

Toh! E' rispuntato il caro Alex!
Ma che fine avevi fatto? Sono stato un paio di volte sul tuo blog, ma mi è sembrato "fermo". Oppure ho sbagliato blog?...
Comunque ti ringrazio per il bel commento. Detto da te (che il mio è uno scorcio bellissimo), che hai una felicissima mano in fatto di scorci, è un gran bel complimento!
Grazie ancora e tanti cari auguri per una Pasqua felice a te e Famiglia,
Francesco