Salutamassòreta

Salutamassòreta

Copyright

L'intero contenuto del sito, comprendente scritti, disegni, vignette, illustrazioni, fotografie non può essere né copiato né replicato su altri siti web, riviste, giornali, CD-ROM o altri tipi di supporto senza il consenso dell'Autore. L'autorizzazione deve essere richiesta per iscritto, via-posta elettronica, direttamente a francescodotti@alice.it e si ritiene accettata solo dopo esplicito assenso scritto dell'Autore.
Il silenzio, pertanto, non significa "assenso" e non dà diritto ad alcuna autorizzazione.
Grazie

The entire contents of the site, including writings, drawings, cartoons, illustrations, photographs can not be copied or replicated on other websites, magazines, newspapers, CD-ROM or other medium without the permission of the Author. The permit must be obtained in writing, via e-mail directly to francescodotti@alice.it and it is considered accepted only after explicit written consent of the Author.
The silence, therefore, does not mean "consent" and does not entitle it to any authorization.

Thanks

Thanks

Avvertenza

Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog potrebbero essere tratti da internet e, pertanto, considerati di pubblico dominio. Qualora, però, la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'Autore, vogliate comunicarlo via email.
Saranno immediatamente rimossi.
L'Autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link, né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.
Creative Commons License
Tutte le opere e le immagini di questo blog sono pubblicate sotto una Licenza Creative Commons.

Ucciso Bin Laden

Hanno ammazzato Osama. Osama è morto! Osama! Osama! Nel più profondo dell'oceano!
La mia coscienza non s'interroga, e la filosofia la lascio volentieri agli altri, ma i nascenti e dilaganti lamenti velati d'ipocrita cordoglio che provengono da certi organi d'informazione sulla morte dell'assassino Bin Laden mi lasciano del tutto indifferente.
Già, perché prima gli si mette una taglia sul turbante, testa compresa, e poi ci si duole per "la morte di un uomo". Ma Bin Laden, forse è utile ricordarlo, non è stato un uomo qualunque. 
Bin Laden era un feroce assassino. E anche vigliacco, perché si è nominato arbitro supremo delle vite innocenti e indifese di tutti quelli che ha ammazzato. Fautore, insieme ai suoi degni compari di merende ideologiche, di odio e violenza in tutto il mondo nel nome di un dio e di una fede le cui fazioni, integraliste ed estremiste, hanno commesso, commettono e forse commetteranno ancora, crimini odiosi che nulla hanno a che vedere con quella giustizia divina che per lui oggi s'invoca. 
Che cosa avrebbero dovuto fare gli Americani: catturarlo vivo e processarlo? E poi? Magari i suoi compari-complici ne avrebbero preteso anche la liberazione come riscatto per qualche altro crimine o rapimento. Com'è accaduto per il povero Vittorio Arrigoni.
D'altra parte, già subito dopo l'11 settembre, l'America intera lo voleva "vivo o morto". Lo hanno preso, vivo, e poi lo hanno ammazzato. Hanno fatto bene! E' morto della stessa morte che per anni ha inflitto agli altri, e poi lo hanno buttato ai pesci. Poveri pesci!!...
Francesco Dotti

P.S. 
Una raccomandazione ai giornalisti, soprattutto a quelli televisivi: si chiamava Osama, l'assassino, e non "Obama". 
Il che non è proprio la stessa cosa...

2 commenti:

roberto c. ha detto...

Da invidia il tuo bagaglio di certezze.
Io dubito finanche che sia mai vissuto uno sceicco chiamato Bin Laden in questi dieci anni...

CeccoDotti ha detto...

Ciao Roberto c. e grazie per la visita.
Lo sai che anch'io qualche volta ho avuto dei dubbi simili? Poi, però, dato che tutti parlavano di questo Bin Laden, alla fine anch'io mi sono unito al coro.
In ogni caso, anche se anagraficamente non è stato Mr. Bin ad ammazzare migliaia di persone, qualche altro figlio di madrassa che la pensava come lui lo avrà fatto. Perciò, la sostanza non cambia.
Un caro saluto, Francesco