Salutamassòreta

Salutamassòreta

Copyright

L'intero contenuto del sito, comprendente scritti, disegni, vignette, illustrazioni, fotografie non può essere né copiato né replicato su altri siti web, riviste, giornali, CD-ROM o altri tipi di supporto senza il consenso dell'Autore. L'autorizzazione deve essere richiesta per iscritto, via-posta elettronica, direttamente a francescodotti@alice.it e si ritiene accettata solo dopo esplicito assenso scritto dell'Autore.
Il silenzio, pertanto, non significa "assenso" e non dà diritto ad alcuna autorizzazione.
Grazie

The entire contents of the site, including writings, drawings, cartoons, illustrations, photographs can not be copied or replicated on other websites, magazines, newspapers, CD-ROM or other medium without the permission of the Author. The permit must be obtained in writing, via e-mail directly to francescodotti@alice.it and it is considered accepted only after explicit written consent of the Author.
The silence, therefore, does not mean "consent" and does not entitle it to any authorization.

Thanks

Thanks

Avvertenza

Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog potrebbero essere tratti da internet e, pertanto, considerati di pubblico dominio. Qualora, però, la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'Autore, vogliate comunicarlo via email.
Saranno immediatamente rimossi.
L'Autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link, né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.
Creative Commons License
Tutte le opere e le immagini di questo blog sono pubblicate sotto una Licenza Creative Commons.

Fiducia a Monti

Il Professor Monti ci ha rassicurati che dietro il governo da lui presieduto non ci sono "poteri forti", e ci sentiamo sollevati. Una preoccupazione di meno. Che non è un granché, con tutte quelle che ci pioveranno presto addosso, ma è sempre meglio che niente. Anche il programma è stato presentato, e pare che siano tutti soddisfatti. Meglio così, almeno non si ricomincia con la solita cagnara. Pure le nuove "poltrone" sono state assegnate, e speriamo che chi le occupa questa volta tenga conto che non siamo tutti uguali, intendo come redditi, e che al momento di varare un decreto o una legge fiscale pensino a quelli che di soldi ne hanno pochi. 
A questo proposito, mi auguro che il Professor Monti dia presto seguito alla promessa fatta di tagliare i costi della politica e abolire qualche privilegio di troppo a chi ne ha goduto per anni e li ha scaricati sulle spalle della collettività. Se non altro per dare un esempio di quell'equità che viene spesso rammentata, ma che rischia di svuotarsi del significato che ha.
Pare, anzi, è sicuro, che ritornerà l'Ici sulla prima casa e aumenteranno gli estimi catastali, così la pagheremo più cara. Io non so se fosse giusto pagarla oppure no, ma per quanto mi riguarda, anche se il non pagarla è una "anomalia" tutta italiana, negli anni che non c'era ho potuto risparmiare un po' di soldini. E ho solo la casa nella quale abito. C'è da sperare che tengano conto delle fasce di reddito, differenziandole, perché non è detto che chi ha una casa in città, magari anche in centro, debba per forza essere ricco.
Può averla ereditata dai genitori, e lui può anche essere un modesto impiegato o un operaio, con la moglie casalinga e qualche figlio a carico. Che ancora studia, o che non ha un lavoro. La stessa cosa vale per quelli che hanno una casa, dovunque essa sia, in centro o in periferia, in città o in paese. E mi riferisco sempre naturalmente a chi possiede solo la casa nella quale abita. Lo stesso vale per la "patrimoniale": ci auguriamo che la debba pagare solo chi supera un certo reddito, che non dovrebbe essere quello degli impiegati e degli operai. E delle solite categorie a reddito fisso, compresi i pensionati. 
Insomma, è inutile continuare con gli esempi cretini. Sono cose che le sanno anche i bambini, figuriamoci dei super-economisti.
Poi aumenterà ancora l'Iva (dal 21% al 23%), e forse anche le sigarette. La benzina l'hanno già aumentata, ma non disperiamo: un ritocchino verso l'alto ci può sempre stare. Addirittura, se ho sentito bene, per quanto riguarda il "redditometro" - altra spaventevole e agghiacciante parola -, chi possiede un cane è considerato più "ricco" di chi non lo ha. E' verissimo: conosco personalmente un paio di anziane vedove - a una delle quali hanno dimezzato anche la pensione di reversibilità del marito - che l'unica compagnia che le è rimasta è proprio il cane.  
Ora aspettiamo con ansia una tassa sugli orologi subacquei, un'altra sulle utilitarie col tetto apribile e, perché no, una pure sulle biciclette col cambio. Perché i fortunati che le possiedono sono veramente dei privilegiati e non la devono passare liscia. Delle altre cose: lavoro, pensioni, ordini professionali non me ne intendo e sorvolo.
E allora mi dite come si rilancia l'economia e si favoriscono i consumi? Perché, almeno io, prima di comprare qualcosa d'ora in avanti ci penserò parecchio.
Infine mi chiedo: c'era bisogno di un governo del genere, per di più ben pagato, per aumentare le tasse? Non bastava quello che c'era prima?
Cordialmente pessssimista,
Francesco Dotti 

Nessun commento: