Salutamassòreta

Salutamassòreta

Copyright

L'intero contenuto del sito, comprendente scritti, disegni, vignette, illustrazioni, fotografie non può essere né copiato né replicato su altri siti web, riviste, giornali, CD-ROM o altri tipi di supporto senza il consenso dell'Autore. L'autorizzazione deve essere richiesta per iscritto, via-posta elettronica, direttamente a francescodotti@alice.it e si ritiene accettata solo dopo esplicito assenso scritto dell'Autore.
Il silenzio, pertanto, non significa "assenso" e non dà diritto ad alcuna autorizzazione.
Grazie

The entire contents of the site, including writings, drawings, cartoons, illustrations, photographs can not be copied or replicated on other websites, magazines, newspapers, CD-ROM or other medium without the permission of the Author. The permit must be obtained in writing, via e-mail directly to francescodotti@alice.it and it is considered accepted only after explicit written consent of the Author.
The silence, therefore, does not mean "consent" and does not entitle it to any authorization.

Thanks

Thanks

Avvertenza

Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog potrebbero essere tratti da internet e, pertanto, considerati di pubblico dominio. Qualora, però, la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'Autore, vogliate comunicarlo via email.
Saranno immediatamente rimossi.
L'Autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link, né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.
Creative Commons License
Tutte le opere e le immagini di questo blog sono pubblicate sotto una Licenza Creative Commons.

Governo tecnico


Gli eventi convulsi di queste ultime ore stanno mettendo a dura prova anche un vignettista di consumata esperienza come me. Perciò mi perdonerete se le vignette sono in white & black, poco curate e di veloce esecuzione.
Detto questo, aggiungo che un governo di "tecnici" che mettesse finalmente da parte la politica inconcludente forse era l'unica cosa da fare. Anche se in molti gridano "Al golpe! Al golpe!"
Nelle condizioni economiche in cui siamo precipitati, le elezioni ci avrebbero allontanato troppo dall'impegno preso con l'Europa, e perdere ancora tempo, oltre che soldi, non ci avrebbe certamente giovato.
Ma se questo nuovo esecutivo dovesse riuscire dove gli altri hanno fallito (e non mi riferisco solo a Berlusconi), quando giungerà il momento di recarci alle urne, mi chiedo se non sarà il caso di rivedere le nostre "simpatie politiche" e confermare i nuovi "salvatori" anche per futuri incarichi, licenziando in tronco quella pletora di chiacchieroni e perditempo strapagati che anno dopo anno hanno contribuito alla nostra rovina, facendo ogni volta pagare le colpe della loro inconcludenza sempre e comunque al "popolo bue"
Popolo bue che però, è bene anche ricordarlo, proprio perché non è capace di rendersi libero si merita i governanti che ha.
Popolo bue che ora probabilmente dovrà pagare profumatamente un'altra trentina o poco più tra ministri e sottosegretari in aggiunta a quelli momentaneamente disoccupati, ma comunque ancora stipendiati, che siedono ancora sugli scanni di Montecitorio. A proposito, ci auguriamo con tutto il cuore che il nuovo esecutivo guidato dal Prof. Monti, in nome di una sobrietà più volte richiesta, si decida una volta per tutte a fare piazza pulita di tutti gli sprechi, iniziando proprio dalla famigerata "Casta". Di cui tanto si parla ma nei confronti della quale poco si conclude.
In ogni caso, come tanti desideravano, finalmente "Lui" è morto. Il "tiranno" è caduto! Quattro volte sull'altare e, con questa, quattro volte nella polvere. 
Ma la terra, pur se "percossa e attonita", davanti alla notizia non è rimasta muta. Anzi, abbiamo assistito al rito della monetina da parte del popolo bue che, per niente vergin di servo encomio o di codardo oltraggio, nelle piazze gremite gli gridava buffone! buffone!
"Oh quante volte ai posteri narrar se stesso imprese, e sull'eterne pagine cadde la stanca man! Oh quante volte, al tacito morir d'un giorno inerte, chinati i rai fulminei, le braccia al sen conserte, stette, e dei dì che furono l'assalse il sovvenir!"
E così, seguitando a parafrasare il mio amico Manzoni, vi lascio con la sibillina domanda: "fu vera gloria? Ai posteri l'ardua sentenza".
Francesco Dotti




Nessun commento: