Salutamassòreta

Salutamassòreta

Copyright

L'intero contenuto del sito, comprendente scritti, disegni, vignette, illustrazioni, fotografie non può essere né copiato né replicato su altri siti web, riviste, giornali, CD-ROM o altri tipi di supporto senza il consenso dell'Autore. L'autorizzazione deve essere richiesta per iscritto, via-posta elettronica, direttamente a francescodotti@alice.it e si ritiene accettata solo dopo esplicito assenso scritto dell'Autore.
Il silenzio, pertanto, non significa "assenso" e non dà diritto ad alcuna autorizzazione.
Grazie

The entire contents of the site, including writings, drawings, cartoons, illustrations, photographs can not be copied or replicated on other websites, magazines, newspapers, CD-ROM or other medium without the permission of the Author. The permit must be obtained in writing, via e-mail directly to francescodotti@alice.it and it is considered accepted only after explicit written consent of the Author.
The silence, therefore, does not mean "consent" and does not entitle it to any authorization.

Thanks

Thanks

Avvertenza

Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog potrebbero essere tratti da internet e, pertanto, considerati di pubblico dominio. Qualora, però, la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'Autore, vogliate comunicarlo via email.
Saranno immediatamente rimossi.
L'Autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link, né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.
Creative Commons License
Tutte le opere e le immagini di questo blog sono pubblicate sotto una Licenza Creative Commons.

La rivolta dei Forconi

Era nell'aria, da tempo. Così - ma sembra che non si limiterà solo alla Sicilia -, una vibrata protesta sul genere dei "Forconi" prima o poi c'era da aspettarsela. 
La gente è stanca, e non ce la fa più a tirare avanti strangolata com'è dalle tasse e dai rincari, mentre dall'altra parte continuano gli sprechi, e i costi della pubblica amministrazione e dello Stato si tagliano solo a chiacchiere.
E' arrivato, dunque, il momento di liberare la tavola, cominciando dalle "forchette" di chi finora ha pensato solo a mangiare, per apparecchiarla coi forconi di chi invece è da sempre rimasto a bocca asciutta? 
Se così fosse, sappiamo che era inevitabile e che in qualche modo se la sono cercata. Perché anche gli annacquati decreti "tecnici", se non si decidono a colpire veramente quelli che i soldi ce li hanno ma non vogliono tirarli fuori, serviranno a ben poco. 
Gli economisti tutti d'un pezzo, imposti da Napolitano ma supportati anche da quella politica in tutto o in parte responsabile dello sfascio del nostro Paese, invece di arrampicarsi sugli specchi di teorici studi di economia domestica sarebbe opportuno che provassero per un po' a calarsi nella realtà quotidiana di chi è costretto, da loro, a tirare la carretta col poco che ha. 
Per quanto riguarda, poi, le voci e i sospetti sulla presunta "dirigenza" mafiosa della protesta, credo che fino a prova contraria potrebbero anche essere stati messi in giro per privare di efficacia la contestazione e lo stesso Movimento che ne è a capo, rendendoli così malvisti agli occhi della pubblica opinione per vanificarne il senso e il fine. Ora vedremo, se la protesta dovesse estendersi anche ad altre regioni, se diranno la stessa cosa. 
Dividi e comanda!

Nessun commento: