Salutamassòreta

Salutamassòreta

Copyright

L'intero contenuto del sito, comprendente scritti, disegni, vignette, illustrazioni, fotografie non può essere né copiato né replicato su altri siti web, riviste, giornali, CD-ROM o altri tipi di supporto senza il consenso dell'Autore. L'autorizzazione deve essere richiesta per iscritto, via-posta elettronica, direttamente a francescodotti@alice.it e si ritiene accettata solo dopo esplicito assenso scritto dell'Autore.
Il silenzio, pertanto, non significa "assenso" e non dà diritto ad alcuna autorizzazione.
Grazie

The entire contents of the site, including writings, drawings, cartoons, illustrations, photographs can not be copied or replicated on other websites, magazines, newspapers, CD-ROM or other medium without the permission of the Author. The permit must be obtained in writing, via e-mail directly to francescodotti@alice.it and it is considered accepted only after explicit written consent of the Author.
The silence, therefore, does not mean "consent" and does not entitle it to any authorization.

Thanks

Thanks

Avvertenza

Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog potrebbero essere tratti da internet e, pertanto, considerati di pubblico dominio. Qualora, però, la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'Autore, vogliate comunicarlo via email.
Saranno immediatamente rimossi.
L'Autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link, né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.
Creative Commons License
Tutte le opere e le immagini di questo blog sono pubblicate sotto una Licenza Creative Commons.

Messaggio di fine anno

 
Dopo aver ascoltato il messaggio di fine anno del Presidente Napolitano, mi sono preso un po’ di tempo per riflettere, e, in qualche modo, tentare di rispondere. D’altra parte, se le prendiamo per quelle che sono, ovvero un messaggio di speranza e di augurio, le parole presidenziali sono belle da ascoltare, anche se non molto dissimili dalle altre degli anni passati. Ma un conto sono le parole, un altro la realtà dei fatti.
Il debito pubblico, al cui risanamento tutti noi siamo chiamati a contribuire, non lo hanno certamente causato gli operai, i pensionati, i giovani disoccupati e tutti gli altri “morti di fame” come me. Sarebbe stato quindi molto più realistico parlare solo di sprechi di Stato e di scelte sciagurate operate nel tempo da una classe politica che avevamo incautamente delegato a governarci, ma che lo ha sempre fatto nel peggiore dei modi, ai quali ora si doveva porre fine a qualsiasi costo. Classe politica che, è bene tenerne conto, vista l’insostenibilità del momento, se n’è tirata fuori – non per generosità, ma per calcolata furbizia – demandando ad altri ciò che non ha avuto il coraggio o la volontà di fare. 
Naturalmente cercando, in questo, di mantenere il più possibile favorevoli posizioni acquisite e pretestuose  previdenze comunque generatrici di sprechi, alla cui ventilata revisione equitativa, con opportunistiche levate di scudi, molti si oppongono. I prelievi annunciati, quindi, peraltro in percentuali risibili, su emolumenti e pensioni definiti “d’oro”, se in un primo momento soddisfano l’esigenza di un equilibrio sociale da più parti invocato, alla fine risultano insufficienti e, oserei dire, anche offensivi. Soprattutto perché continuano ad essere impunemente elargiti. Le cifre ormai le conosciamo tutti, e mi sembra inutile ripeterle. 
Avremmo voluto vedere, invece, nell'operato del Governo, materializzarsi un’equità diversa, che fosse realmente imparziale e capace di valutare, non solo formalmente ma in particolar modo nella sostanza, differenze che sono ormai diventate assolutamente inaccettabili. E se a questo criterio di equità ogni tanto capita che chi s’è fatto da parte gridi e invochi maggiore giustizia, datemi retta, lo fa solo per non perdere ulteriori consensi in vista delle prossime elezioni.
E di questo, cari Amici, dovremmo ricordarci quando, presto o tardi, saremo chiamati alle urne.
Francesco Dotti









4 commenti:

Sandra M. ha detto...

Ciao Cecco, grazie per il passaggio da me e per gli auguri che ricambio di cuore. Sono un po' fuori fase ultimamente ma presto tornerò attiva....
Buon anno. E speriamo nella buona memoria.....
Macca

CeccoDotti ha detto...

Ciao Sandra, non preoccuparti, succede anche a me, oltre che... nelle migliori famiglie (come si dice).
Colpa delle feste e dei... regali del governo!
A risentirci presto, e ancora tanti cari auguroni,
Francesco

Elio ha detto...

Ceco, sono completamente d'accordo con te. Anche qui in Francia il Presidente Sarkozy ha fatto gli auguri sulle tre reti ufficiali spiegando che, noostante la crisi attuale, "Lui" è riuscito a proteggere la Francia. In compenso ha aumentato l'IVA, ha ridotto i farmaci rimborsati, altre decisioni tutte a danno dei piccoli contribuenti e non ha toccato un euro dei suoi amici molto ricchi, anche se una parte di loro aveva chiesto a suo tempo di essere tassata (tutto cinema).
Una sola cosa speriamo di non finire come la tua vignetta del post precedente. Anche se è champagne, fa molto male.
Un amichevolissimo saluto.

CeccoDotti ha detto...

Ciao Elio, digli a Sarkozy che di auguri ne abbiamo tutti bisogno. Probabilmente anche lui.
E a questo punto direi di stappare altre due bottiglie:
una in suo onore, e una in onore dei suoi amici.
Vive la France!!
Ciao Elio, grazie e un abbraccio,
Francesco