Salutamassòreta

Salutamassòreta

Copyright

L'intero contenuto del sito, comprendente scritti, disegni, vignette, illustrazioni, fotografie non può essere né copiato né replicato su altri siti web, riviste, giornali, CD-ROM o altri tipi di supporto senza il consenso dell'Autore. L'autorizzazione deve essere richiesta per iscritto, via-posta elettronica, direttamente a francescodotti@alice.it e si ritiene accettata solo dopo esplicito assenso scritto dell'Autore.
Il silenzio, pertanto, non significa "assenso" e non dà diritto ad alcuna autorizzazione.
Grazie

The entire contents of the site, including writings, drawings, cartoons, illustrations, photographs can not be copied or replicated on other websites, magazines, newspapers, CD-ROM or other medium without the permission of the Author. The permit must be obtained in writing, via e-mail directly to francescodotti@alice.it and it is considered accepted only after explicit written consent of the Author.
The silence, therefore, does not mean "consent" and does not entitle it to any authorization.

Thanks

Thanks

Avvertenza

Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog potrebbero essere tratti da internet e, pertanto, considerati di pubblico dominio. Qualora, però, la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'Autore, vogliate comunicarlo via email.
Saranno immediatamente rimossi.
L'Autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link, né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.
Creative Commons License
Tutte le opere e le immagini di questo blog sono pubblicate sotto una Licenza Creative Commons.

Pecorella, vuoi sparare?

Oggi ho visto e sentito anch'io il video di quel provocatore, definito "No Tav", che insultava il giovane carabiniere immobile davanti a lui. 
L'ho visto, e poi rivisto ancora, e a stento ho represso il desiderio di spaccare qualcosa per frenare la rabbia che mi stava montando. Io, conoscendomi, al posto del carabiniere non sarei certo rimasto a guardare.
Perciò mi chiedo, e vi chiedo: "E' normale che s'irrida impunemente nei confronti di chi indossa un'uniforme e fa il proprio dovere senza che neppur da lontano s'intenda tintinnar di manette? Ma che razza di Stato è mai questo? Che segnali dà nei confronti dei violenti e di chi, come in questo caso il giovane manifestante barbuto, va in giro sfacciatamente a sfottere e provocare?"
Spero che, dato che era a volto scoperto, qualche procuratore identifichi nel comportamento offensivo di quel giovane gli estremi per una denuncia penale e gli dia una sonora lezione. 
Oppure hanno derubricato anche l'oltraggio a pubblico ufficiale?

4 commenti:

stella dell 'est ha detto...

Concordo con te,cose da pazzi!Buonanotte!

CeccoDotti ha detto...

Ciao Olga, grazie della partecipazione. Ciao e buona notte anche a te,
Francesco

Giuseppe Di Prima ha detto...

Dopo un decennio d'impunità (1999-2009) il reato è tornato sul codice penale...Non c'è l’attivazione automatica della macchina della giustizia: la procedibilità non è d’ufficio, ma a querela di parte, e questo relega il pubblico ufficiale in una posizione inferiore a quella di un qualunque altro cittadino.
SEnza parole...ti riempiono di merda mentre sei in servizio e ti devi difendere pure a spese tue...

CeccoDotti ha detto...

Ciao Giuseppe, grazie per il commento, che mi addolora e faccio mio, ma che aumenta quel senso d'impotenza che ciascuno di noi prova verso le ingiustizie. Tanto più quando rivestono panni... istituzionali. Il dialogo, in questo caso con chi manifesta, è d'obbligo, ma non deve sfociare nella violenza strumentalizzando e giustificando il dissenso. Le proprie ragioni, quando ci sono, vanno portate nelle sedi opportune e discusse. Purtroppo, te ne sarai accorto, per la nostra connotazione sociale siamo un popolo che vuol tenere i piedi in troppe staffe, e ciò non è possibile. Alla fine si deve anche decidere su cosa fare e su cosa è meglio per tutti, con fermezza e determinazione, andando fino in fondo. Poi, se se uno ritiene di essere stato danneggiato, anche dallo Stato, ha tutto il diritto di farsi sentire e di manifestare. Civilmente, ma soprattutto, ripeto, senza violenza. Perché se mi dichiari la guerra allora devo essere autorizzato a risponderti con la guerra.
Così la penso.
Ciao, con simpatia,
Francesco