Salutamassòreta

Salutamassòreta

Copyright

L'intero contenuto del sito, comprendente scritti, disegni, vignette, illustrazioni, fotografie non può essere né copiato né replicato su altri siti web, riviste, giornali, CD-ROM o altri tipi di supporto senza il consenso dell'Autore. L'autorizzazione deve essere richiesta per iscritto, via-posta elettronica, direttamente a francescodotti@alice.it e si ritiene accettata solo dopo esplicito assenso scritto dell'Autore.
Il silenzio, pertanto, non significa "assenso" e non dà diritto ad alcuna autorizzazione.
Grazie

The entire contents of the site, including writings, drawings, cartoons, illustrations, photographs can not be copied or replicated on other websites, magazines, newspapers, CD-ROM or other medium without the permission of the Author. The permit must be obtained in writing, via e-mail directly to francescodotti@alice.it and it is considered accepted only after explicit written consent of the Author.
The silence, therefore, does not mean "consent" and does not entitle it to any authorization.

Thanks

Thanks

Avvertenza

Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog potrebbero essere tratti da internet e, pertanto, considerati di pubblico dominio. Qualora, però, la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'Autore, vogliate comunicarlo via email.
Saranno immediatamente rimossi.
L'Autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link, né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.
Creative Commons License
Tutte le opere e le immagini di questo blog sono pubblicate sotto una Licenza Creative Commons.

Stipendi manager pubblici

In questi giorni si parla molto di superstipendi dei manager pubblici e del "tetto" che non dovrebbero superare, così c'è chi propone di tener conto della media europea, o chi invece individua in questo "tetto" l'ultimo stipendio del Primo Presidente di Cassazione.
Comunque sia, trattandosi di somme che in certi casi superano anche i 600 mila euri all'anno, non sono certamente "bruscolini". Specialmente con i chiari di luna che stanno  vivendo di questi tempi i "comuni mortali", costretti a fare i conti con pensioni o stipendi da fame, licenziamenti, disoccupazione e casse integrazioni varie.
Siccome, come diceva il buon Totò: "E' la somma che fa il totale!" è utile anche ricordare che questi redditi ci sono noti solo perché derivanti dallo stipendio. Ma non sono il totale. Infatti, per avere un reddito complessivo, allo stipendio andrebbero sommati anche gli altri proventi derivanti da eventuali incarichi aggiuntivi, difficilissimi però da quantificare e che caratterizzano la giungla retributiva pubblica nel nostro Paese. 
E pensare che finora abbiamo fatto le pulci solo ai nostri poveri politici. Che ingrati, che siamo!

Nessun commento: