Salutamassòreta

Salutamassòreta

Copyright

L'intero contenuto del sito, comprendente scritti, disegni, vignette, illustrazioni, fotografie non può essere né copiato né replicato su altri siti web, riviste, giornali, CD-ROM o altri tipi di supporto senza il consenso dell'Autore. L'autorizzazione deve essere richiesta per iscritto, via-posta elettronica, direttamente a francescodotti@alice.it e si ritiene accettata solo dopo esplicito assenso scritto dell'Autore.
Il silenzio, pertanto, non significa "assenso" e non dà diritto ad alcuna autorizzazione.
Grazie

The entire contents of the site, including writings, drawings, cartoons, illustrations, photographs can not be copied or replicated on other websites, magazines, newspapers, CD-ROM or other medium without the permission of the Author. The permit must be obtained in writing, via e-mail directly to francescodotti@alice.it and it is considered accepted only after explicit written consent of the Author.
The silence, therefore, does not mean "consent" and does not entitle it to any authorization.

Thanks

Thanks

Avvertenza

Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog potrebbero essere tratti da internet e, pertanto, considerati di pubblico dominio. Qualora, però, la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'Autore, vogliate comunicarlo via email.
Saranno immediatamente rimossi.
L'Autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link, né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.
Creative Commons License
Tutte le opere e le immagini di questo blog sono pubblicate sotto una Licenza Creative Commons.

Funerali Lucio Dalla


Lucio Dalla è morto, e ora, dovunque ti giri, spuntano le polemiche a proposito della sua omosessualità "nascosta". Secondo alcuni, avrebbe dovuto fare "coming out". 
In pratica: "uscire allo scoperto" e dirlo a tutti.
Nel filmato di "Radio Londra" di Giuliano Ferrara, che vi allego, e che è tratto da 
http://tv.excite.it/lucio-dalla-gay-ferrara-contro-annunziata-V121214.html  del 6 marzo scorso, possiamo ascoltare il "predicozzo" di Lucia Annunziata, secondo me fuori luogo, dal tono completamente distaccato e lontano anni-luce dai sentimenti e dalle emozioni che aleggiavano sulla folla che domenica scorsa ha riempito Piazza Maggiore; e poi il commento di Giuliano Ferrara. Che invece dice le cose come stanno.
Che senso aveva, proprio quel giorno, disputare inutilmente sulla vita privata di Lucio Dalla? Che della propria vita, delle proprie intimità, non ha mai parlato pubblicamente e, proprio per questo, era libero di disporne come meglio credeva. E' stata una sua scelta, peraltro rispettabile quanto le altre di chi, invece, queste intimità ha inteso renderle pubbliche.
Come se, per fare un esempio, quando morì un altro Lucio (Battisti), proprio il giorno del suo funerale o immediatamente dopo, le dietrologiche elucubrazioni giornalistiche, tanto per fare "notizia", avessero legato la sua morte - le cui cause credo non siano mai state rese note - a chissà quale inconfessabile malattia o ad altre improbabili malignità.
E' morto, sono morti dei poeti, dei cantanti, dei menestrelli, che ci hanno accompagnato negli anni della nostra vita e che per sempre rimarranno nei nostri pensieri. Perciò, ricordiamoli per gli attimi indimenticabili che ci hanno regalato. Tutto il resto è puro pettegolezzo. Compresa l'eredità di Lucio.
O, per caso, ai "Grandi" ora si cominciano a invidiare anche i funerali?

2 commenti:

Elio ha detto...

Come al solito. Tutto il mondo sapeva che era omosessuale e quindi quale comin out? Se ne stava per i fatti suoi e non cercava di imbobinare giovani ragazzi, come invece fanno di nascosto molti altri che vanno in Marocco a "fare le vacanze".
Per divulgare i fatti personali abbiamo avuto un ottimo esempio da un certo SB. Lo conosci?
Che lascino Lucio in pace, dovunque si trovi ora, e che ricordino solo le sue canzoni con le quali ha spesso scosso i vari poteri. Mi ricordo la guerra fattagli dalla chiesa per "4 marzo 1943". Che riposi in pace.

CeccoDotti ha detto...

Ciao Elio, mi fa piacere che anche tu la pensi come me.
Ognuno dovrebbe restare il padrone assoluto della propria vita privata, anche se è un personaggio pubblico. A meno che, in questo caso, la sua vita privata non incroci e "inquini" quella pubblica con un comportamento in contrasto con la morale e con le regole sociali. Anche la Chiesa ha molte cose da farsi perdonare e meno male che riconosce i propri errori.
Un caro saluto e grazie per la visita,
a presto Francesco