Salutamassòreta

Salutamassòreta

Copyright

L'intero contenuto del sito, comprendente scritti, disegni, vignette, illustrazioni, fotografie non può essere né copiato né replicato su altri siti web, riviste, giornali, CD-ROM o altri tipi di supporto senza il consenso dell'Autore. L'autorizzazione deve essere richiesta per iscritto, via-posta elettronica, direttamente a francescodotti@alice.it e si ritiene accettata solo dopo esplicito assenso scritto dell'Autore.
Il silenzio, pertanto, non significa "assenso" e non dà diritto ad alcuna autorizzazione.
Grazie

The entire contents of the site, including writings, drawings, cartoons, illustrations, photographs can not be copied or replicated on other websites, magazines, newspapers, CD-ROM or other medium without the permission of the Author. The permit must be obtained in writing, via e-mail directly to francescodotti@alice.it and it is considered accepted only after explicit written consent of the Author.
The silence, therefore, does not mean "consent" and does not entitle it to any authorization.

Thanks

Thanks

Avvertenza

Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog potrebbero essere tratti da internet e, pertanto, considerati di pubblico dominio. Qualora, però, la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'Autore, vogliate comunicarlo via email.
Saranno immediatamente rimossi.
L'Autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link, né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.
Creative Commons License
Tutte le opere e le immagini di questo blog sono pubblicate sotto una Licenza Creative Commons.

Cresci Italia


A scanso di equivoci, dico subito che non m'intendo di economia (almeno di quella dei "professori"), pur avendone praticato un tipo "personale" da sempre. Da dipendente, prima, e da pensionato, poi.
Sarà forse per questo che m'incazzo quando vedo che i cosiddetti "risanamenti" dello Stato vengono fatti sempre a carico delle classi più deboli. Tanto deboli che nulla possono contro l'arroganza di chi questi risanamenti impone, perché non appartengono ad alcuna di quelle categorie privilegiate che, invece, hanno forza e competenze adeguate per opporvisi.
Così noi siamo lì, con le nostre dichiarazioni "acqua e sapone", ad offrire forzosamente ogni volta il collo alla scure dell'ingiustizia. 

E allora sarà forse per questo che da un po' di tempo abbiamo imparato a chiederci a cosa, ma soprattutto a chi, servono le tasse - meglio dette imposte - che dovrebbero essere adoperate per avere indietro servizi decenti, o almeno proporzionati a quello che paghiamo. 
Perciò mi viene il dubbio (o la certezza?) che in tutti questi anni una bella fetta delle nostre tasse-imposte-tributi sia finita nel calderone dei partiti, dei palazzi del potere, degli uffici ministeriali, delle società più o meno pubbliche, dove per incantesimo sparisce tramutandosi in lauti stipendi, liquidazioni d'oro e altri innominabili sprechi e zavorre inutili. Quando non serva a corrompere, a concutere a malversare o, più in breve, ad abusare dei propri uffici.
Ci risiamo con la demagogia d'accatto? Col populismo da quattro soldi? Chiamatelo un po' come vi pare, ma intanto la gente si dà fuoco, s'impicca, si butta dalle finestre perché non ce la fa più.
Come quella povera signora che oggi, in provincia di Caltanissetta, si è tolta la vita perché le avevano ridotto la pensione. 

Già titolare di una pensione d'invalidità, alla morte del marito le sarebbe toccata anche quella di reversibilità, ma siccome la cifra totale che avrebbe dovuto percepire era "esagerata" (circa 800 euri per un solo mese!!!), da quella cifra hanno pensato bene di toglierne 200.
E giustizia è fatta! D'ora in poi, con 600 euri al mese, avrebbe dovuto mangiare, vestirsi, curarsi, scaldarsi, pagare le bollette, l'Ici e tutto il resto.
Pensateci bene esimi professori dai conti facili e dai lauti compensi, politicanti in attesa che qualcuno vi faccia la carità di un voto alle prossime elezioni, voltagabbana che avete in mente di riciclarvi sotto le spoglie di pseudo movimenti o liste "civiche" per rioccupare le poltrone perdute: se l'Italia è in agonia, continuando così le date il colpo di grazia!

Francesco Dotti

Nessun commento: