Salutamassòreta

Salutamassòreta

Copyright

L'intero contenuto del sito, comprendente scritti, disegni, vignette, illustrazioni, fotografie non può essere né copiato né replicato su altri siti web, riviste, giornali, CD-ROM o altri tipi di supporto senza il consenso dell'Autore. L'autorizzazione deve essere richiesta per iscritto, via-posta elettronica, direttamente a francescodotti@alice.it e si ritiene accettata solo dopo esplicito assenso scritto dell'Autore.
Il silenzio, pertanto, non significa "assenso" e non dà diritto ad alcuna autorizzazione.
Grazie

The entire contents of the site, including writings, drawings, cartoons, illustrations, photographs can not be copied or replicated on other websites, magazines, newspapers, CD-ROM or other medium without the permission of the Author. The permit must be obtained in writing, via e-mail directly to francescodotti@alice.it and it is considered accepted only after explicit written consent of the Author.
The silence, therefore, does not mean "consent" and does not entitle it to any authorization.

Thanks

Thanks

Avvertenza

Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog potrebbero essere tratti da internet e, pertanto, considerati di pubblico dominio. Qualora, però, la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'Autore, vogliate comunicarlo via email.
Saranno immediatamente rimossi.
L'Autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link, né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.
Creative Commons License
Tutte le opere e le immagini di questo blog sono pubblicate sotto una Licenza Creative Commons.

Le baracche di Messina

A proposito di politica, di finanziamenti ai partiti, di sprechi di Stato, di "caste" e di tasse, sono passati 104 anni e le baracche messe su alla meglio per dare un tetto "provvisorio" ai terremotati di Messina del 1908 sono ancora lì. Centoquattro anni! Due guerre Mondiali, 82 governi (compreso il "ventennio" mussoliniano) e numerose manovre "lacrime e sangue". 
Roba da non credere! E sotto coperture in eternit, lamiere e muri ammuffiti, fra topi e sporcizia, ci vivono ancora oggi 10-12 mila persone!
Se vi riesce contenere la rabbia e lo sdegno, guardatevi questi video trovati su Youtube:
  
http://www.youtube.com/watch?v=O15PrdMatC4

http://www.youtube.com/watch?NR=1&feature=endscreen&v=kX7ecvzXkuQ

Li ho scoperti stasera, girovagando per il web alla ricerca di notizie sulle elezioni e sui referendum, e mi chiedo con quale coraggio chi ci governa, e chi prima di loro lo ha fatto, abbia permesso tutto questo. 
Magari, chissà, chiedendo nel frattempo a queste persone anche di andare a votare.
Burocrazia esasperante? rimbalzi di competenze tra le Amministrazioni (che è lo stesso)? finanziamenti perduti? 
O, più semplicemente, i tortuosi artifizi formali e le chiacchiere inutili espresse nel consueto, incomprensibile politichese ma che alla fine, dopo tanto parlare, lasciano sempre le cose come stanno?
Credo che la cosa più importante, a questo punto, sia l'azione immediata.
In poche parole, cosa ci vuole ad agire d'autorità per sistemare queste persone dentro gli alloggi popolari (la cui costruzione, in materia di politiche sociali, viene attribuita alle Regioni), radere al suolo la vergogna e risanare il quartiere? E' così difficile?

2 commenti:

Lubumba ha detto...

Probabilmente perchè il terremoto di Messina del 1908 non è inserito nelle accise sui carburanti e altro ... ecco perchè!!!
Ecco le accise storiche:

* la guerra in Abissinia del 1935 (1,90 lire - 0,001 euro circa);
* la crisi di Suez del 1956 (14 lire - 0,05 euro circa);
* il disastro del Vajont del 1963 (10 lire - 0,005 euro circa);
* l’alluvione di Firenze del 1966 (10 lire - 0,005 euro circa);
* il terremoto del Belice del 1968 (10 lire - 0,005 euro circa);
* il terremoto del Friuli del 1976 (99 lire - 0,05 euro circa);
* il terremoto in Irpinia del 1980 (75 lire - 0,04 euro circa);
* la missione in Libano del 1983 (205 lire - 0,11 euro circa);
* la missione in Bosnia del 1996 (22 lire - 0,01 euro circa);
* il rinnovo del contratto degli autoferrotranvieri del 2004 (0,02 euro).

CeccoDotti ha detto...

Oppure può anche darsi che la benzina non fosse stata ancora... inventata! :-)
Ma è sempre una vergogna