Salutamassòreta

Salutamassòreta

Copyright

L'intero contenuto del sito, comprendente scritti, disegni, vignette, illustrazioni, fotografie non può essere né copiato né replicato su altri siti web, riviste, giornali, CD-ROM o altri tipi di supporto senza il consenso dell'Autore. L'autorizzazione deve essere richiesta per iscritto, via-posta elettronica, direttamente a francescodotti@alice.it e si ritiene accettata solo dopo esplicito assenso scritto dell'Autore.
Il silenzio, pertanto, non significa "assenso" e non dà diritto ad alcuna autorizzazione.
Grazie

The entire contents of the site, including writings, drawings, cartoons, illustrations, photographs can not be copied or replicated on other websites, magazines, newspapers, CD-ROM or other medium without the permission of the Author. The permit must be obtained in writing, via e-mail directly to francescodotti@alice.it and it is considered accepted only after explicit written consent of the Author.
The silence, therefore, does not mean "consent" and does not entitle it to any authorization.

Thanks

Thanks

Avvertenza

Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog potrebbero essere tratti da internet e, pertanto, considerati di pubblico dominio. Qualora, però, la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'Autore, vogliate comunicarlo via email.
Saranno immediatamente rimossi.
L'Autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link, né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.
Creative Commons License
Tutte le opere e le immagini di questo blog sono pubblicate sotto una Licenza Creative Commons.

Satira e umorismo nero


Nella satira, fa ridere tutto ciò che è trasgressivo – o che viene considerato tale – e che, più in generale, della realtà è paradosso, metafora. 
Ma anche ciò che da essi si diparte, spesso per terminare nel sarcasmo e nel cinismo, diventando, a torto o a ragione, sinonimo di cattiveria e di sprezzante e crudele sincerità.
Così l’arma dell’umorismo nero, da noi poco in voga (davvero siamo così ipocriti?), che utilizza le deformità e le disgrazie altrui – o dei protagonisti delle sue storie – non per semplice dileggio, ma, al contrario, per farne l’innesco capace di far esplodere le situazioni narrate. 
Esiste, infatti, un atavico rifiuto per la raffigurazione della disgrazia, della malattia, della morte, e vige una innata tendenza a rimuovere tutto ciò, facendo, nel contempo, ampi scongiuri.
Per questo accade, qui da noi, che la descrizione della decadenza fisica sia solitamente riservata a deridere i potenti. Cosicché i nostri governanti possono vantare una collezione di vignette che li ritraggono gobbi, sessualmente poco dotati, mostruosamente fisicamente infelici. 
Ma esiste anche il paradossale quotidiano che descrive la vita e i vizi privati della gente comune, al quale solo i più duri sopravvivono. 
Come per esempio il chirurgo, rivolto al soldato che ha perduto una gamba in battaglia: "Se guardi il lato positivo, potrai sempre risparmiare qualcosa sull'acquisto delle scarpe..."
Oppure quell'altra della mamma che, alla figlia che le chiede perché mai abbiano deciso di festeggiare il Natale con un mese di anticipo, candidamente risponde:
"Ti sei dimenticata che hai la leucemia e che a dicembre è difficile che ci arrivi?"
O l'altra, vecchissima, ma sempre buona: 
- "Babbo, perché la mamma è così pallida?"
- "Zitto, Pierino, e scava!"
Insomma, ridere delle menomazioni fisiche o della stessa morte, in fondo serve a renderle meno drammatiche e più accettabili. 
Ancor più se si tratta di quelle altrui... 

Nessun commento: