Salutamassòreta

Salutamassòreta

Copyright

L'intero contenuto del sito, comprendente scritti, disegni, vignette, illustrazioni, fotografie non può essere né copiato né replicato su altri siti web, riviste, giornali, CD-ROM o altri tipi di supporto senza il consenso dell'Autore. L'autorizzazione deve essere richiesta per iscritto, via-posta elettronica, direttamente a francescodotti@alice.it e si ritiene accettata solo dopo esplicito assenso scritto dell'Autore.
Il silenzio, pertanto, non significa "assenso" e non dà diritto ad alcuna autorizzazione.
Grazie

The entire contents of the site, including writings, drawings, cartoons, illustrations, photographs can not be copied or replicated on other websites, magazines, newspapers, CD-ROM or other medium without the permission of the Author. The permit must be obtained in writing, via e-mail directly to francescodotti@alice.it and it is considered accepted only after explicit written consent of the Author.
The silence, therefore, does not mean "consent" and does not entitle it to any authorization.

Thanks

Thanks

Avvertenza

Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog potrebbero essere tratti da internet e, pertanto, considerati di pubblico dominio. Qualora, però, la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'Autore, vogliate comunicarlo via email.
Saranno immediatamente rimossi.
L'Autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link, né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.
Creative Commons License
Tutte le opere e le immagini di questo blog sono pubblicate sotto una Licenza Creative Commons.

Spending review

Poveraccio, altro che "magrino"! 
Piucchealtro mi pare ciucciato dalle streghe!!

Com'era facile da immaginare, dalle ultime notizie - peraltro ricchissime di conferme con relative smentite - sembra che non ci saranno più i tagli delle Province, e neppure il promesso blocco delle tariffe energetiche. Per i tagli alla Sanità, ancora devono decidere. Anzi, no. Forse tagliano qualche migliaio di letti, malati compresi. Così, dice Monti. C'è più equità. La scure governativa si abbatterà anche sulla giustizia. Taglieranno tribunali, procure e uffici del Giudice di Pace. Per "razionalizzare" le spese, dice. Chissà... magari con meno tribunali finiranno prima anche i processi... 
In compenso, faranno qualche "taglietto" qua e là per tener buono l'elettorato e ci sarà anche l'aumento dell'Iva a partire da luglio del prossimo anno. Continuate così che andate davvero bene!
Intanto, ieri sera, a casa mia, abbiamo provato un nuovo tipo di cena. Che se va bene e non ci debilita troppo, potremo anche ritentare ogni tanto.
Allora, abbiamo fatto così: in un supermercato abbiamo comprato una scatola di pizze surgelate, in offerta a € 4,30 (te ne danno tre, ma ne paghi due), e poi, da uno con l'Ape che vende frutta per la strada, abbiamo comprato 1 kg di fichi neri (€ 3,50 al chilo). 
Una pizza, quindi, ci è venuta a costare circa € 1,43. Ma siccome mia moglie non ce la fa mai a mangiarne una intera, allora l'abbiamo divisa in due spendendo la modica somma di € 2,14 per una pizza e mezzo. Con l’avanzo di un’altra pizza e mezzo da lasciare al giorno dopo.
Ora, veniamo ai fichi. Dato che in 1 kg di fichi ce ne vanno circa 10 (costo € 0,35 per ogni fico), così ne abbiamo mangiati due ciascuno e abbiamo speso in tutto € 1,40.
Sommando il costo della pizza (€ 2,14) a quello dei fichi (€ 1,40), abbiamo cenato in due con € 3,54.
Inizialmente, il venditore di fichi, per vedere se eravamo dei pensionati preparati in spending review, ci ha messo alla prova facendoci risolvere questo semplice problemino: 
"Ammettiamo - ci ha chiesto - che io abbia raccolto in giardino 5 cassette di pere, 7 di uva e 9 di arance, e che ogni cassetta pesi 50 chili.  
Siccome il prezzo al chilo delle pere è 2,50 euro, dell'uva è di 2 euro, mentre quello delle arance è di 2,50 euro, quanto guadagno vendendovi tutte le cassette di pere, uva e arance ?"
Noi, che da tempo siamo diventati dei veri esperti in spesa & tecniche di sopravvivenza, non solo al minuto ma anche al mese, prima lo abbiamo guardato fisso negli occhi e poi, prendendoci il pacchetto dei fichi, gli abbiamo detto di non rompere i coglioni e che quel giorno da noi non avrebbe guadagnato un cazzo perché eravamo usciti solo per comprare i fichi.

Nessun commento: