Salutamassòreta

Salutamassòreta

Copyright

L'intero contenuto del sito, comprendente scritti, disegni, vignette, illustrazioni, fotografie non può essere né copiato né replicato su altri siti web, riviste, giornali, CD-ROM o altri tipi di supporto senza il consenso dell'Autore. L'autorizzazione deve essere richiesta per iscritto, via-posta elettronica, direttamente a francescodotti@alice.it e si ritiene accettata solo dopo esplicito assenso scritto dell'Autore.
Il silenzio, pertanto, non significa "assenso" e non dà diritto ad alcuna autorizzazione.
Grazie

The entire contents of the site, including writings, drawings, cartoons, illustrations, photographs can not be copied or replicated on other websites, magazines, newspapers, CD-ROM or other medium without the permission of the Author. The permit must be obtained in writing, via e-mail directly to francescodotti@alice.it and it is considered accepted only after explicit written consent of the Author.
The silence, therefore, does not mean "consent" and does not entitle it to any authorization.

Thanks

Thanks

Avvertenza

Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog potrebbero essere tratti da internet e, pertanto, considerati di pubblico dominio. Qualora, però, la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'Autore, vogliate comunicarlo via email.
Saranno immediatamente rimossi.
L'Autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link, né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.
Creative Commons License
Tutte le opere e le immagini di questo blog sono pubblicate sotto una Licenza Creative Commons.

Locomotiva Giara R202

Questa vecchia vaporiera di nome "Giara", che fu costruita nel 1914 dalle Officine Meccaniche Breda, forse, dovrebbe essere la R202.


   La Storia ci racconta che alcuni di questi modelli furono ceduti all'Eritrea per facilitare gli spostamenti del Negus Menelik, rimasto improvvisamente appiedato. Da indiscrezioni storiche apprese sul luogo, pare che la polizia locale dell'epoca, appartenente al nuovo protettorato italiano, lo avesse pizzicato fuori dall'oasi a bordo del suo cammello con la revisione scaduta e gli avesse anche sequestrato il libretto.


Per farselo ridare, e non pagare la multa, Menelik aveva dovuto chiedere aiuto a un faccendiere della zona amico dell'ambasciatore italiano ad Addis Abeba e conosciuto in Procura per una storia d'intercettazioni che non sto a raccontarvi per non farla troppo lunga anche se ci sarebbe molto da dire ma è meglio di no. L'intrallazzevole figùro promise tosto di aiutarlo, e gli avrebbe anche fissato un appuntamento col diplomatico se questi al momento non si fosse trovato in villeggiatura a Portorotondo dove possedeva una villa sul mare.


Così Menelik, con una lettera di presentazione firmata di proprio pugno dal maneggione, decise di fargli visita di persona e partì alla volta della Sardegna. Giunto in paese, chiese informazioni a un vigile urbano, tale Albenzio Addis di Buddusò fu Arduino, il quale lo mise al corrente che l'ambasciatore ancora non si era visto ma che alla villa, però, era da qualche giorno arrivata Beba, sua sorella più piccola, con alcuni amici abissini amanti del wind surf e della bella vita. Siccome Menelik non poteva fermarsi per molto tempo, Addis si offrì di parlare personalmente con Beba e fattosi lasciare il numero di cellulare promise a Menelik che lo avrebbe richiamato al più presto.


Il Ras, che stava perdendo tempo e pazienza ed era già incazzato negus, anche se a malincuore acconsentì, ringraziò, salutò e prese il primo traghetto per Massaua delle 19:30 perché la mattina seguente avrebbe dovuto incontrare alcuni ministri italiani per una storia di accise sulla benzina e sulle clausole, per lui vessatorie, a proposito di un certo trattato di Uccialli che aveva firmato ma che a freddo, a distanza di tempo, non reputava più tanto chiaro. Quei furbacchioni dei ministri, pensando di farla franca, avevano messo bianco su nero, invece che nero su bianco come secondo lui sarebbe stato più giusto. 
Rientrato in patria, attese invano per mesi notizie dell'ambasciatore: "Mi ha cercato qualcuno?", chiedeva preoccupato quasi ogni giorno alla servitù, alla moglie Taitù e al nipote Iasù. "E' mai possibile che dopo un anno l'ambasciatore non si sia ancora fatto vivo?... Mi piacerebbe proprio sapere cosa le avrà mai detto Addis a Beba!"
Ma non lo seppe mai. E, con lui, anche noi.



Così, per vendicarsi dell'affronto subìto, per prima cosa decise che alla prima occasione avrebbe dato una sonora strigliata a un tale Baratieri (amico dell'ambasciatore), ad Adua e alle compagne, poi lasciò intonse le accise sulla benzina e restituì le locomotive agli italiani, i quali, non sapendo cosa farsene perché avevano già dei treni modernissimi, le cedettero alle Ferrovie Complementari Sarde - una linea isolana a scartamento talmente ridotto che ora non esiste più - per migliorare la continuità territoriale. Pensate che esse vaporiere raggiungevano la vertiginosa velocità di 30 Km/ora, in discesa e col maestrale eritreo a favore, ma in salita anche Menelik doveva scendere perché bisognava spingerle e il carbone lo doveva portare la Befana sulla scopa. 
C'è da dire che ancora oggi, in ambito ferroviario isolano, le cose non sono migliorate di molto e chi è costretto a usare il treno lo fa più per spirito d'avventura che per necessità. E anche per farsi quattro risate.

Nessun commento: