Salutamassòreta

Salutamassòreta

Copyright

L'intero contenuto del sito, comprendente scritti, disegni, vignette, illustrazioni, fotografie non può essere né copiato né replicato su altri siti web, riviste, giornali, CD-ROM o altri tipi di supporto senza il consenso dell'Autore. L'autorizzazione deve essere richiesta per iscritto, via-posta elettronica, direttamente a francescodotti@alice.it e si ritiene accettata solo dopo esplicito assenso scritto dell'Autore.
Il silenzio, pertanto, non significa "assenso" e non dà diritto ad alcuna autorizzazione.
Grazie

The entire contents of the site, including writings, drawings, cartoons, illustrations, photographs can not be copied or replicated on other websites, magazines, newspapers, CD-ROM or other medium without the permission of the Author. The permit must be obtained in writing, via e-mail directly to francescodotti@alice.it and it is considered accepted only after explicit written consent of the Author.
The silence, therefore, does not mean "consent" and does not entitle it to any authorization.

Thanks

Thanks

Avvertenza

Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog potrebbero essere tratti da internet e, pertanto, considerati di pubblico dominio. Qualora, però, la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'Autore, vogliate comunicarlo via email.
Saranno immediatamente rimossi.
L'Autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link, né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.
Creative Commons License
Tutte le opere e le immagini di questo blog sono pubblicate sotto una Licenza Creative Commons.

Il grande Centro

Non ci vorranno far credere che fino ad oggi non hanno tirato a campare, perché non ci crediamo. Anzi, a campare hanno sì tirato, ma l'hanno fatto coi soldi nostri. Come del resto abbiamo fatto noi. Ma non coi soldi loro. E se permettete, soprattutto nei numeri, tra i due "tirare a campare" c'è una grandissima differenza, eccome! Perciò, al punto in cui siamo, con il cuore palpitante di sgomento e di paura, azzarderei che anch'io potrei dichiararmi favorevole a un Monti-bis. 
Anche - perdonatemi l'iperbole - se non fosse eletto democraticamente dal popolo, e se la propria disponibilità l'avesse dichiarata, invece che agli americani, agli italiani. A patto però che tutti gli altri se ne vadano a casa a fare quello che facevano prima(?) e non ci asfissino di nuovo con le combriccole "contenitrici" di chissà quali rimedi, perché non ci crediamo più. Per le strombazzate riforme dei partiti il tempo è scaduto. Dovevano pensarci prima. E adesso sarebbe troppo comodo rimettersi di nuovo intorno alla solita greppia come se nulla fosse accaduto, trincerandosi dietro l'indubbia rispettabilità internazionale della quale gode il personaggio Monti - un nome, una garanzia -, in un'improbabile ammucchiata di nomi e di idee che starebbero insieme al massimo da Natale a Capodanno. 
Anche perchè, siatene certi, la vigente legge elettorale difficilmente sarà cambiata. Ma se qualcosa dovessero cambiare, siate certi anche di questo, non sarà a favore degli elettori nei cui confronti s'inventeranno qualche nuovo pastrocchio utile a malapena per superare questo momento. Magari, che so, rischieremo di avere una democrazia in sospensione nella quale la sovranità passa subdolamente dal popolo alle banche: una specie di demotecnomonarchia plutoligarcopresidentocratica con buona pace di quel centinaio di elettori che, pur turandosi qualunque buco, si saranno recati alle urne. Perché se non cambi prima le leggi - molte, tra le quali quella sulla corruzione -, vai poco lontano. A cominciare dalla spending review (quella "cosa" sulle spese dello Stato), sempre ferma perché, malgrado le richieste, dalle "periferie" non sono ancora giunte le informazioni che ne consentirebbero l'avvio.

2 commenti:

Tomaso ha detto...

Lo sai cara Francesco che la vignetta fa ridere!!! ma poi leggendo tutto, riflettendo viene da piangere pensando ha quelli che non cela fanno più.
Ciao e buona giornata amico.
Tomaso

CeccoDotti ha detto...

Buongiorno, carissimo Tomaso, e grazie per la visita e il gradito commento.
Siamo in piena campagna elettorale e, nonostante le inchieste e i controlli sulle italiche ruberie, sembra che nulla sia cambiato.
Come se tutto quello che sta succedendo riguardasse non l'Italia ma un altro paese.
Ci vuole una bella faccia tosta!
Un abbraccio e buona giornata anche a te