Salutamassòreta

Salutamassòreta

Copyright

L'intero contenuto del sito, comprendente scritti, disegni, vignette, illustrazioni, fotografie non può essere né copiato né replicato su altri siti web, riviste, giornali, CD-ROM o altri tipi di supporto senza il consenso dell'Autore. L'autorizzazione deve essere richiesta per iscritto, via-posta elettronica, direttamente a francescodotti@alice.it e si ritiene accettata solo dopo esplicito assenso scritto dell'Autore.
Il silenzio, pertanto, non significa "assenso" e non dà diritto ad alcuna autorizzazione.
Grazie

The entire contents of the site, including writings, drawings, cartoons, illustrations, photographs can not be copied or replicated on other websites, magazines, newspapers, CD-ROM or other medium without the permission of the Author. The permit must be obtained in writing, via e-mail directly to francescodotti@alice.it and it is considered accepted only after explicit written consent of the Author.
The silence, therefore, does not mean "consent" and does not entitle it to any authorization.

Thanks

Thanks

Avvertenza

Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog potrebbero essere tratti da internet e, pertanto, considerati di pubblico dominio. Qualora, però, la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'Autore, vogliate comunicarlo via email.
Saranno immediatamente rimossi.
L'Autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link, né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.
Creative Commons License
Tutte le opere e le immagini di questo blog sono pubblicate sotto una Licenza Creative Commons.

Cagliari e i ricci


A Cagliari, dopo un'interminabile attesa, finalmente sono state rilasciate le autorizzazioni per la vendita dei ricci negli appositi chioschi attrezzati.


Questo gustoso pesc... lumac... anim..., insomma questo organismo marino vivente dal nome quasi impronunciabile e appartenente alla famiglia degli echinodermi, è molto gradito ai cagliaritani. 


Essi, infatti, nei mesi invernali che vanno da novembre ad aprile, sono soliti affollare i litorali cittadini per dar luogo a pantagrueliche mangiate di paracentrotus lividus (ve lo avevo detto che ha un nome impossibile), accompagnandoli con pane e vino bianco.


La parte commestibile è l'interno, le uova, di colore rosso corallo, e mai l'esterno, di colore rosso bruno (le femmine di riccio), pieno di pericolosi aculei.

  
Nelle foto che seguono, alcune postazioni avanzate dedicate alla degustazione di ricci sul litorale di Su Siccu, nei pressi della Basilica di N. S. di Bonaria.



Questo, invece, è un polpo: "Octopus vulgaris", prima di essere cucinato o "alla diavola", o con le patate. Ma anche in "insalata", bollito e poi condito con aglio, olio, limone e aceto balsamico, prezzemolo e peperoncino è una vera leccornia.




2 commenti:

Tomaso ha detto...

Cara Francesco, mia moglie a gustato con gli occhi questo ben di Dio!
a me non piace tanto il pesce e tutti i frutti di mare la lei ne va pazza!
Buona settimana, amico.
Tomaso

CeccoDotti ha detto...

Carissimo Tomaso, tua moglie ha ragione. Sono delle vere prelibatezze.
Di ricci, ne ho assaggiati un paio tanti anni fa, quando me li pescavo da solo a Santa Teresa di Gallura, ma non ne vado pazzo.
Preferisco di gran lunga il polpo, in insalata o alla "diavola" (sugo di pomodoro, peperoncino e una punta di aceto), e quando posso me lo faccio cucinare da mia moglie che è una bravissima cuoca!
Per questo, non riesco mai a dimagrire...
Un caro saluto, Francesco