Salutamassòreta

Salutamassòreta

Copyright

L'intero contenuto del sito, comprendente scritti, disegni, vignette, illustrazioni, fotografie non può essere né copiato né replicato su altri siti web, riviste, giornali, CD-ROM o altri tipi di supporto senza il consenso dell'Autore. L'autorizzazione deve essere richiesta per iscritto, via-posta elettronica, direttamente a francescodotti@alice.it e si ritiene accettata solo dopo esplicito assenso scritto dell'Autore.
Il silenzio, pertanto, non significa "assenso" e non dà diritto ad alcuna autorizzazione.
Grazie

The entire contents of the site, including writings, drawings, cartoons, illustrations, photographs can not be copied or replicated on other websites, magazines, newspapers, CD-ROM or other medium without the permission of the Author. The permit must be obtained in writing, via e-mail directly to francescodotti@alice.it and it is considered accepted only after explicit written consent of the Author.
The silence, therefore, does not mean "consent" and does not entitle it to any authorization.

Thanks

Thanks

Avvertenza

Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog potrebbero essere tratti da internet e, pertanto, considerati di pubblico dominio. Qualora, però, la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'Autore, vogliate comunicarlo via email.
Saranno immediatamente rimossi.
L'Autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link, né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.
Creative Commons License
Tutte le opere e le immagini di questo blog sono pubblicate sotto una Licenza Creative Commons.

Elezioni 2013

Iniziando dal sussiegoso Fini, che sembra sempre due palmi sopra a tutto ciò che lo circonda, e dal tattico Quinto Fabio Minimo Casini, proteso nella sua logorante guerriglia contro Berlusconi e che ci rientra per un pelo, con queste elezioni se ne vanno a casa un sacco di persone. Molte delle quali, pensando di vincere, avevano cambiato casacca vestendo (ahiloro!) perfino quella dell'improbabile Monti, semitrombato sul nascere per prima cosa dall'opinione pubblica e per questo... deluso. Perché, forse si aspettava di vincere?
Vince invece Beppe "Savonarola" Grillo, com'era del resto prevedibile, instancabile cavalcatore del populista malcontento. Gli altri: l'indefesso Cavaliere, che tutti immaginavano ormai disarcionato, ma che riconquistando le vecchie posizioni coi favori di un certo elettorato invece si è rivelato ancora un purosangue al galoppo, e lo "smacchiatore" Bersani, che complice il fortissimo calo dei consensi dovuto alla mancanza di elementi rinnovativi (ha rispolverato parte del "vecchiume" dell'apparato di partito - leggi Veltroni e D'Alema - perdendo molti pezzi per strada), pur "vincendo", alla fine perde anche in casa sua. Questi tre, ora se la dovranno vedere in Parlamento dove speriamo tutti ardentemente che non si facciano le solite ammucchiate di convenienza.
C'è anche chi prevede un'Italia ingovernabile. Io penso di no. Naturalmente se, invece delle solite chiacchiere alle quali ci hanno abituato anni di governucci, si inizierà una vera politica del rinnovamento tagliando gli sprechi - ma non la spesa sociale -, cominciando dai "palazzi" e dai loro inquilini. E, dato che ha... vinto, il primo passo tocca a Bersani, che ci deve dire cosa intende fare. E con chi.
Si faranno delle proposte, con un ago della bilancia inedito quale il Movimento 5 Stelle, e si deciderà per le migliori. Obiettivi primari: lavoro, tasse e disagio sociale. A questo punto c'è da augurarsi che il Presidente della Repubblica, nella sua buona fede, per "salvare" di nuovo la Patria non faccia "danni", perché un nuovo "montismo" non lo sopporterebbe nessuno. La gente aspetta delle risposte, e soprattutto che dagli slogan si passi ai fatti concreti. Ma nel più breve tempo possibile, perché quello a disposizione è finito.
Arrendetevi! Siete circondati!

4 commenti:

Tomaso ha detto...

Caro Francesco, è vero non sappiamo proprio niente di come andrà a finire
io confesso che sono tranquillo!!!
Tomaso

Franz ha detto...

Bersani farà esattamente quello che ha dichiarato qualche giorno fa......Scouting.....
La sinistra ha perso la sua grande occasione,io credo che se avessero lasciato fare a Renzi avrebbero vinto a mani basse....purtroppo le poltrone fanno sempre gola all'apparato.
Hai visto lo sguardo di Casini durante l'intervista di ieri al tg1? sembrava un cane bastonato....
Speriamo ora che si riesca a governare in qualche modo perchè i mercati,che sono i veri padroni della politica,si sono subito fatti sentire....
Ciao,un abbraccio!!

CeccoDotti ha detto...

Ci credo che sei tranquillo, Tomaso. Tu vivi nella felice Svizzera! :) :)
Un caro saluto, Francesco

CeccoDotti ha detto...

In effetti, se torniamo indietro e guardiamo l'intera campagna elettorale di Bersani (e di coloro che lo hanno sostenuto), ci accorgiamo che di cose concrete ne ha dette pochine. Anche se l'Uomo è onesto e fondamentalmente una brava persona, le proposte fumose che ha portato avanti alla fine non rappresentavano le necessità e le urgenze del popolo (meno tasse) in sofferenza. In più occasioni si è limitato a riproporre il quadro generale della situazione nazionale, del resto ormai noto a tutti, rimbalzando le colpe sul solito Berlusconi ma senza introdurre proposte e programmi realizzabili nel breve tempo richiesto dalle necessità. Queste, secondo me, le sue colpe, che alla fine hanno dovuto scontrarsi con la concretezza (demagogica?) delle proposte elencate dal Pdl e, soprattutto, del 5Stelle di Beppe Grillo. E avendo sentito Ballarò di stasera, mi pare che questo fumo - senza il necessario arrosto -, che alla fine si disperde sempre negli slogan, e nella retorica, aleggi ancora nei pensieri dei "bersaniani", ma non solo, nel barcamenarsi tra chi ha perso e chi ha vinto. In pratica, il solito politichese.
Ora c'è da augurarsi che si passi in fretta ai fatti concreti e si pensi a governare il Paese, il cui popolo, stanco, incazzato e al limite della sopportazione sta finendo la pazienza.
Ciao caro, e grazie per il gradito commento che condivido anche nella parte relativa a Renzi, che davvero avrebbe rappresentato la novità.