Salutamassòreta

Salutamassòreta

Copyright

L'intero contenuto del sito, comprendente scritti, disegni, vignette, illustrazioni, fotografie non può essere né copiato né replicato su altri siti web, riviste, giornali, CD-ROM o altri tipi di supporto senza il consenso dell'Autore. L'autorizzazione deve essere richiesta per iscritto, via-posta elettronica, direttamente a francescodotti@alice.it e si ritiene accettata solo dopo esplicito assenso scritto dell'Autore.
Il silenzio, pertanto, non significa "assenso" e non dà diritto ad alcuna autorizzazione.
Grazie

The entire contents of the site, including writings, drawings, cartoons, illustrations, photographs can not be copied or replicated on other websites, magazines, newspapers, CD-ROM or other medium without the permission of the Author. The permit must be obtained in writing, via e-mail directly to francescodotti@alice.it and it is considered accepted only after explicit written consent of the Author.
The silence, therefore, does not mean "consent" and does not entitle it to any authorization.

Thanks

Thanks

Avvertenza

Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog potrebbero essere tratti da internet e, pertanto, considerati di pubblico dominio. Qualora, però, la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'Autore, vogliate comunicarlo via email.
Saranno immediatamente rimossi.
L'Autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link, né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.
Creative Commons License
Tutte le opere e le immagini di questo blog sono pubblicate sotto una Licenza Creative Commons.

Nuovo governo

Vediamo un po', e cerchiamo di analizzare la situazione per quella che è iniziando dagli ultimi avvenimenti. Siamo andati a votare, non perché il governo Monti aveva esaurito il suo mandato ma perché è stato rispedito a casa, e quello che è saltato fuori dall'iniziale calderone-guazzabuglio sono stati alla fine i tre principali antagonisti in ballo. Nel frattempo, in Germania, qualcuno che non si fa gli affari suoi ha azzardato giudizi, peraltro non richiesti, sulle nostre elezioni, e bene ha fatto il Presidente Napolitano a rispondergli subito per le rime e a ristabilire i giusti ruoli. Perché, fino a prova contraria, da noi le elezioni si sono svolte regolarmente e in modo democratico e, con buona pace della Germania, noi votiamo per chi ci pare.
Tornando a noi e visti i risultati elettorali, la governabilità dell'Italia è a rischio, ma invece di pensare a fare un governo si continua, come in passato, a fare "i partiti" a chiacchiere. Mi riferisco al Pd, che nel suo segretario aveva riposto le speranze di vittoria e che invece ha fatto flop, e che ora "rispolvera" - ahimè tardivamente - Renzi.
Dall'altra parte, la magistratura indaga ancora su Berlusconi per certe storie di presunta "corruzione e finanziamento illecito dei partiti".
Il quadro, triste, che ne risulta è che nulla sia cambiato rispetto al passato, e si continua a giocherellare coi personalismi infischiandosene dell'indignazione della gente. E proprio di questa indignazione, invece, bisognerebbe preoccuparsi, tanto più ora che le ultime notizie riportano di una bella fetta di denaro pubblico impiegata per pagare i vitalizi e le liquidazioni degli onorevoli trombati e dei presidenti di Regione. Alla faccia degli esodati, dei disoccupati, dei pensionati al minimo e di tutti coloro che dell'indignazione hanno fatto giustamente la loro bandiera. 


leggi sul "Il Corriere della Sera" di oggi l'articolo di SergioRizzo:
http://www.corriere.it/politica/13_febbraio_28/rizzo-maxi-vitalizi_74b0f952-816f-11e2-aa9e-df4f9e5f1fe2.shtml

Perciò credo che a questo punto Grillo e il suo movimento si debbano mettere in testa che non possono solo dissentire su tutto e su tutti, altrimenti non si va da nessuna parte. Per le "pulizie" che vogliono fare c'è tempo. 
Dovrebbero, invece, sedersi con calma intorno a un tavolo con gli altri contendenti - naturalmente rispettando le percentuali dei consensi ricevuti - e pur mantenendo le rispettive autonomie, stabilire le priorità: lavoro, tasse e fiscalità, riforma della giustizia sociale e amministrativa. Aggiungete voi quello che mi è sfuggito.
Tradotto: costi della politica, dimezzamento dei parlamentari, abolizione degli odiosi privilegi e degli sprechi di Stato e dei "palazzi" (comprese le Province, già "referendate"), con relativo snellimento della macchina burocratica e tempi brevi nei tribunali. Senza dimenticarsi del finanziamento pubblico ai partiti, rimborsi elettorali compresi. 
Impegnarsi in questo momento su temi di più ampia gittata e in poco tempo difficilmente risolvibili non conviene a nessuno. Soprattutto alla gente comune.
Mentre si riaffacciano all'orizzonte minacciosi nuovi governi "tecnici". 

Allora, se così fosse, per quale motivo siamo andati a votare? Avevamo forse soldi in più da buttar via?

Nessun commento: