Salutamassòreta

Salutamassòreta

Copyright

L'intero contenuto del sito, comprendente scritti, disegni, vignette, illustrazioni, fotografie non può essere né copiato né replicato su altri siti web, riviste, giornali, CD-ROM o altri tipi di supporto senza il consenso dell'Autore. L'autorizzazione deve essere richiesta per iscritto, via-posta elettronica, direttamente a francescodotti@alice.it e si ritiene accettata solo dopo esplicito assenso scritto dell'Autore.
Il silenzio, pertanto, non significa "assenso" e non dà diritto ad alcuna autorizzazione.
Grazie

The entire contents of the site, including writings, drawings, cartoons, illustrations, photographs can not be copied or replicated on other websites, magazines, newspapers, CD-ROM or other medium without the permission of the Author. The permit must be obtained in writing, via e-mail directly to francescodotti@alice.it and it is considered accepted only after explicit written consent of the Author.
The silence, therefore, does not mean "consent" and does not entitle it to any authorization.

Thanks

Thanks

Avvertenza

Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog potrebbero essere tratti da internet e, pertanto, considerati di pubblico dominio. Qualora, però, la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'Autore, vogliate comunicarlo via email.
Saranno immediatamente rimossi.
L'Autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link, né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.
Creative Commons License
Tutte le opere e le immagini di questo blog sono pubblicate sotto una Licenza Creative Commons.

Un governo per uscire dalla crisi


Ora chiude anche la Firestone di Modugno (BA), mentre è probabile che prima o poi anche alcuni stabilimenti Fiat ne seguano le sorti. Con tutto ciò che ne deriva per l'insieme di industrie, grandi e piccole, e di artigiani ad essi legati con migliaia di lavoratori a spasso.
La stessa cosa vale per gli immobili. E tutto ciò viene compreso nei rispettivi servizi, diretti e indiretti, che vanno a costituire i poli industriali supporti logistici inclusi. Migliaia di lavoratori a casa, senza lavoro. E sempre più incazzati. Soprattutto nei confronti di quei politici, delle banche e di quei manager pubblici che, pur essendo i principali responsabili del malgoverno e della crisi, continuano a godere di superpensioni, supervitalizi e superliquidazioni. Per loro i soldi ci sono, eccome!
In un Paese dove possedere una casa o un'auto non è più una necessità ma viene inteso come un lusso, e per questo si spreme tassando all'inverosimile chi li possiede, è normale che non si comprino più né case né auto. In più, per quanto riguarda l'auto, ci sono i costi dei carburanti, aggravati da ogni genere di anacronistico balzello.
Per fare un esempio personale, se una trentina di anni fa percorrevo con il mio "Cinquino" una media di 30-40 mila chilometri all'anno e cambiavo anche le gomme, oggi ne percorro sì e no 10 mila e cambio le gomme ogni tre-quattro anni. Se trent'anni fa riempivo il serbatoio più volte in un mese senza problemi, oggi, per lo stesso periodo, mi bastano 20 euro di benzina. E certi mesi me ne avanza pure. Niente più viaggi con la macchina o giri "fuori porta" nei fine settimana, maggiore uso della bicicletta o delle... scarpe, meno consumo di carburante, di gomme, meno manutenzione generale e meno meccanico. Tradotto: risparmio.
Ma anche minor incasso di accise e tasse per lo Stato, perché se non compro le gomme, la benzina e tutto il resto, alla fine chi li vende ne vende meno. E io valgo per uno. Se mi moltiplicate per qualche milione di persone che, come me, hanno deciso di usare meno la macchina, ecco spiegata una "fetta" della crisi. Dell'auto e dei gestori di carburanti. Aggiungiamo a tutto questo l'insostenibile aumento delle tasse, la globalizzazione selvaggia dei mercati, il costo che da noi ha il lavoro e, quindi, il prodotto finito con l'euro supervalutato: 1 euro = 1,30 dollari (anche se per la enciclopedica Frau Merkel potrebbe salire fino a 1,40 dollari che per lei è lo stesso), a chi pensiamo di vendere le cose che produciamo? Ecco perché, a conti fatti, le politiche di austerità imposte in Italia con la benedizione della Germania della Merkel ci porteranno, nel tempo, ad un aggravamento della crisi e della recessione. E siccome i maggiori "clienti" del mercato sono rappresentati dalla classe media e medio-bassa, che sono in maggior numero ma che però si vanno a mano a mano impoverendo, oltre a creare una schifosissima disuguaglianza sociale è impensabile che soddisfacenti risultati si possano ottenere rivolgendo il mercato esclusivamente alle classi più agiate. Che sono di meno e che hanno già tutto...
Anche se non ho studiato economia - pur avendola praticata per anni -, se consideriamo che essendo diminuiti i consumi molti prodotti restano invenduti perché l'offerta supera la domanda, chi produce non guadagna. Inoltre, a causa dell'eccessiva tassazione, si impoverisce ed è costretto a licenziare e a chiudere bottega. Gli esempi purtroppo non mancano. Intanto si pensa anche a un referendum sull'euro. Che si pensi di tornare alla vecchia, cara lira?
Termino con una esortazione a Grillo e al suo movimento, nei quali molti di noi hanno creduto:

Beppe, datti una mossa e fai qualcosa di serio, altrimenti non ti crede più nessuno!

Nessun commento: