Salutamassòreta

Salutamassòreta

Copyright

L'intero contenuto del sito, comprendente scritti, disegni, vignette, illustrazioni, fotografie non può essere né copiato né replicato su altri siti web, riviste, giornali, CD-ROM o altri tipi di supporto senza il consenso dell'Autore. L'autorizzazione deve essere richiesta per iscritto, via-posta elettronica, direttamente a francescodotti@alice.it e si ritiene accettata solo dopo esplicito assenso scritto dell'Autore.
Il silenzio, pertanto, non significa "assenso" e non dà diritto ad alcuna autorizzazione.
Grazie

The entire contents of the site, including writings, drawings, cartoons, illustrations, photographs can not be copied or replicated on other websites, magazines, newspapers, CD-ROM or other medium without the permission of the Author. The permit must be obtained in writing, via e-mail directly to francescodotti@alice.it and it is considered accepted only after explicit written consent of the Author.
The silence, therefore, does not mean "consent" and does not entitle it to any authorization.

Thanks

Thanks

Avvertenza

Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog potrebbero essere tratti da internet e, pertanto, considerati di pubblico dominio. Qualora, però, la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'Autore, vogliate comunicarlo via email.
Saranno immediatamente rimossi.
L'Autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link, né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.
Creative Commons License
Tutte le opere e le immagini di questo blog sono pubblicate sotto una Licenza Creative Commons.

La terza Repubblica


Ah, questi politichetti! Questi omuncoli, che pare vivano in una società parallela alla nostra, però spensierata e felice, della quale ormai sfacciatamente s'impipano a oltranza. Eccoli, questi manipolatori di regole - che un fulmine li fulmini e un tuono li tuoni! - che si barcamenano, tra vacue assemblee e vaniloquenti vertici, in vaneggianti riflessioni & vaghe priorità, incuranti della sorte del Paese e di chi lo abita. 
"Il Paese ha bisogno di importanti riforme!", tuonano ai televedenti che tra i conàti di vòmito ancora riescono a seguirli. "Bisogna trovare presto una soluzione al bàratro che è dyetro l'angolo!" (con la ipsilon fa più figo), sbraitano enfatici nei sempre più scipiti raduni popolari dove, in lontanaza, già si palesa l'ombra di qualche forcone, alla fine concludendo che "Bisogna fare qualcosa!". 
Già, "bisogna fare qualcosa". Nel frattempo, continuano "a fare opportune valutazioni sulle forze antagoniste e sui nomi di convergenza, in attesa che si apra una fase nuova e di nuove proposte".
Ma come, dopo tutti gli anni che siete stati al governo, gli uni e gli altri, ché poi tanto andate a braccetto, siete rimasti al "bisogna fare qualcosa"? Dovete attendere ancora "che si apra una fase nuova e di nuove proposte"?
Dov'eravate, quando il Paese stava andando a puttane: per caso accanto alle puttane? Sono ormai 54 giorni che vi abbiamo votato, e ancora vi trastullate. 

Si trastullano, loro. E a volte ridacchiano pure. Mentre chi li mantiene, chi gli riempie la greppia alla quale, mai satolli, mangiano a quattro ganasce, chiude il negozio, la fabbrica, viene licenziato, muore di fame e, talvolta, anche di corda o di gas. Ma non sentite salire un po' di vergogna? 
Perché i soldi, voi e quelli come voi, anche adesso continuate a prenderli. E tanti!

2 commenti:

Sonia Ognibene ha detto...

Francesco, vignetta azzeccatissima! Che dire? Alla stupidità non c'è mai fine. Un abbraccio...

CeccoDotti ha detto...

Grazie, carissima Sonia, per il tuo benevolo e gradito commento.
Buona serata e un abbraccio anche a te,
Francesco