Salutamassòreta

Salutamassòreta

Copyright

L'intero contenuto del sito, comprendente scritti, disegni, vignette, illustrazioni, fotografie non può essere né copiato né replicato su altri siti web, riviste, giornali, CD-ROM o altri tipi di supporto senza il consenso dell'Autore. L'autorizzazione deve essere richiesta per iscritto, via-posta elettronica, direttamente a francescodotti@alice.it e si ritiene accettata solo dopo esplicito assenso scritto dell'Autore.
Il silenzio, pertanto, non significa "assenso" e non dà diritto ad alcuna autorizzazione.
Grazie

The entire contents of the site, including writings, drawings, cartoons, illustrations, photographs can not be copied or replicated on other websites, magazines, newspapers, CD-ROM or other medium without the permission of the Author. The permit must be obtained in writing, via e-mail directly to francescodotti@alice.it and it is considered accepted only after explicit written consent of the Author.
The silence, therefore, does not mean "consent" and does not entitle it to any authorization.

Thanks

Thanks

Avvertenza

Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog potrebbero essere tratti da internet e, pertanto, considerati di pubblico dominio. Qualora, però, la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'Autore, vogliate comunicarlo via email.
Saranno immediatamente rimossi.
L'Autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link, né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.
Creative Commons License
Tutte le opere e le immagini di questo blog sono pubblicate sotto una Licenza Creative Commons.

Abbazia di Spineto


Mi ero dimenticato di dirvi che alla riunione del governo Letta, a Spineto, nella meravigliosa abbazia a metà strada fra Monti e Berlusconi, c'ero anch'io.
La raggiunsi un venerdì col mio deltaplano a elastico, partendo da Olbia a sorpresa alle prime luci dell'alba o giù di lì, già travestito da senatore del movimento di Beppe, quello che va tanto di moda in questi ultimi giorni, per non farmi notare all'arrivo dagli sgherri della sicurezza. A un certo punto, però, mentre stavo sorvolando Sarteano, scoppiò un furioso temporale di quelli che non si vedevano dai tempi del Conte Ildebrando degli Aldobrandeschi e tra tuoni, fulmini & poffarbacco, si mise a piovere di brutto. 
Presa forzatamente terra in una radura nei pressi dell'abbazia, della quale già s'intravvedevano nella bruma del mattino i cipressi che a Bolgheri alti e schietti van da San Guido in duplice filar, bagnato come un pulcino, mi nascosi tra i cespugli sgranando gli occhi sul chivalà e brandendo la mia alabarda corta da viaggio che porto sempre meco. Assicuratomi che non venisse veruno dei ghibellini a guardia del feudo, ed essendo nel frattempo anche smesso di piovere, estrassi a sorte dallo zainetto a spalla carta & pennelli e approfittando di una vicina pozzanghera mi misi sollazzevolmente a dipingere cotesto veloce acquerello. Il quale, anche se non sarà un granché risultato venuto, quivi lo espongo ai frizzi e ai lazzi vostri e, dimenticatomi del tutto del convegno, rimasi nella radura continuando a farmi i lazzi miei.

4 commenti:

Franz ha detto...

Accidenti sembri il sommo Poeta,ottima descrizione della tua avventura governativa:-)))
Bello l'acquerello,veloce e pulito nonchè essenziale,credo che tu ne possa essere soddisfatto!
Ciao toscanaccio,sei sempre bravissimo!
Un abbraccione!

bluoso ha detto...

Peccato, carissimo, che alla mia età e nelle mie condizioni, io non possa accompagnarti nelle tue fantastiche avventure... beato te che sai ancora sognare in modo fanciullesco e che non dimentichi mai gli attrezzi del "mestiere". Un abbraccio e buon fine settimana, ho visto sole velato sul meteo Sardegna, qui in valle stamattina abbiamo le cime innevate e continua a piovere. Pazzerello + maggio che marzo! Statemi bene tu e i tuoi. Luigi.

CeccoDotti ha detto...

Ciao Franz, bentornato! Scusami se non ti ho risposto subito ma era tardissimo e me ne sono andato a nanna. Grazie per il complimento, ma l'acquerello (come lo chiami tu) non è neppure degno di nota. E' giusto un'idea del luogo, tanto per introdurre lo scritto che segue.
Un abbraccio e a presto,
Francesco (pilota elasticizzato)

CeccoDotti ha detto...

Carissimo Luigi, bentornato anche a te! E' da un po' che non ci sentiamo - colpa mia... :( - e contavo di farti una visita nei giorni scorsi, ma è un periodo strano. Il tempo si è messo al brutto anche qui, e sembra di essere ripiombati in inverno. Altro che sole velato! Ci sono certi nuvoloni in giro che non promettono nulla di buono: piove, poi smette, poi ripiove, e c'è anche un vento birbone che spettina tutti gli alberi davanti a casa. E anche il morale, alla fine, ce l'ho sotto i tacchi!
L'acquerello, come ho spiegato al cugino Franz, è la solita schifezzuola dipinta senza convinzione sulla solita carta economica che invece dovrei buttare ma non lo faccio perché, oltre a essere pigro, sono anche tirchio. Poi, dipingere con l'acqua delle pozzanghere non è certo la miglior soluzione :) :)
Un abbraccio anche a te e Famiglia e buona domenica.
Francesco