Salutamassòreta

Salutamassòreta

Copyright

L'intero contenuto del sito, comprendente scritti, disegni, vignette, illustrazioni, fotografie non può essere né copiato né replicato su altri siti web, riviste, giornali, CD-ROM o altri tipi di supporto senza il consenso dell'Autore. L'autorizzazione deve essere richiesta per iscritto, via-posta elettronica, direttamente a francescodotti@alice.it e si ritiene accettata solo dopo esplicito assenso scritto dell'Autore.
Il silenzio, pertanto, non significa "assenso" e non dà diritto ad alcuna autorizzazione.
Grazie

The entire contents of the site, including writings, drawings, cartoons, illustrations, photographs can not be copied or replicated on other websites, magazines, newspapers, CD-ROM or other medium without the permission of the Author. The permit must be obtained in writing, via e-mail directly to francescodotti@alice.it and it is considered accepted only after explicit written consent of the Author.
The silence, therefore, does not mean "consent" and does not entitle it to any authorization.

Thanks

Thanks

Avvertenza

Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog potrebbero essere tratti da internet e, pertanto, considerati di pubblico dominio. Qualora, però, la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'Autore, vogliate comunicarlo via email.
Saranno immediatamente rimossi.
L'Autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link, né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.
Creative Commons License
Tutte le opere e le immagini di questo blog sono pubblicate sotto una Licenza Creative Commons.

Crisi economica e antieuropeismo


Ormai è fuori da ogni ragionevole dubbio che i lacci imposti dall'Unione europea all'Italia ci stanno stringendo il collo in maniera intollerabile. E così da più parti s'invocano  revisioni e allentamenti del famigerato "cappio di stabilità" non più rimandabili, a meno che non si affondi definitivamente un'economia giunta al collasso e che di questo affondamento se ne faccia carico, responsabilmente, il governo e la politica tutta. Perché uno Stato che pur essendo in sì miserande condizioni ha una spesa pubblica di 800 miliardi di euro all'anno e fa pochissimo o nulla per diminuirla, non credo proprio che si possa definire uno Stato "responsabile". Poi, non dimentichiamolo, in tutto questo c'inzuppano il biscotto i partiti politici, i quali, Letta o non Letta, ricominciano, da destra e da sinistra, la solita altalena di vicendevoli accuse.
"Mina sul governo Letta", titolano alcuni giornali. 

Che significa? Che da un momento all'altro - considerate le numerose critiche all'elezione del "traghettatore", e l'insidioso Chiamparino in agguato -  ci potremmo aspettare anche un "Celentano su Epifani?".

2 commenti:

Tomaso ha detto...

Caro Francesco, è tragico solo pensarci!!! speriamo che qualcosa possa cambiare.
Buona giornata amico.
Tomaso

CeccoDotti ha detto...

Caro Tomaso, ho visto che ti sei definitivamente trasferito nella nuova destinazione e che hai ripreso in pieno la tua attività!
Per i cambiamenti in materia di Europa, purtroppo non spetta a noi (anche se ne avremmo pieno diritto) ma ai nostri politici. Speriamo che Qualcuno li illumini. In attesa che si fulminino da soli!
Un caro saluto, Francesco