Salutamassòreta

Salutamassòreta

Copyright

L'intero contenuto del sito, comprendente scritti, disegni, vignette, illustrazioni, fotografie non può essere né copiato né replicato su altri siti web, riviste, giornali, CD-ROM o altri tipi di supporto senza il consenso dell'Autore. L'autorizzazione deve essere richiesta per iscritto, via-posta elettronica, direttamente a francescodotti@alice.it e si ritiene accettata solo dopo esplicito assenso scritto dell'Autore.
Il silenzio, pertanto, non significa "assenso" e non dà diritto ad alcuna autorizzazione.
Grazie

The entire contents of the site, including writings, drawings, cartoons, illustrations, photographs can not be copied or replicated on other websites, magazines, newspapers, CD-ROM or other medium without the permission of the Author. The permit must be obtained in writing, via e-mail directly to francescodotti@alice.it and it is considered accepted only after explicit written consent of the Author.
The silence, therefore, does not mean "consent" and does not entitle it to any authorization.

Thanks

Thanks

Avvertenza

Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog potrebbero essere tratti da internet e, pertanto, considerati di pubblico dominio. Qualora, però, la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'Autore, vogliate comunicarlo via email.
Saranno immediatamente rimossi.
L'Autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link, né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.
Creative Commons License
Tutte le opere e le immagini di questo blog sono pubblicate sotto una Licenza Creative Commons.

Governo e riforme


La "rapina" del finanziamento pubblico ai partiti continua. Questa volta, se sarà approvato l'imbroglio (nel 2017, però!), la somma verrà versata direttamente dai contribuenti con la dichiarazione dei redditi in ragione del 2 per mille. Chi non vorrà destinarla ai partiti, invece, potrà devolverla allo Stato. Ma se tutti i contribuenti decidessero per la prima soluzione, la stima degli incassi per i partiti sarebbe di circa 800 milioni di euri. 
Una bella sommetta, nonostante le garanzie dell'esistenza di un tetto massimo stabilito in 61 milioni di euri. Mica noccioline!
Anche se noi, gli elettori, avessimo già detto di NO al referendum del 1993; mentre quello successivo del 2000 (abolizione dei rimborsi per le spese elettorali ecc.) non passò perché non fu raggiunto il numero sufficiente degli aventi diritto al voto. In pratica, la gente, che evidentemente si era già rotta le palle visti i risultati del primo, al secondo referendum non andò a votare. Per non parlare poi delle "fondazioni politiche" (talmente tante da non conoscerne neppure il numero esatto, e controllate da banche, petrolieri, manager e altre lobbies che farebbero capo a partiti e capipartito) per le quali, a differenza di altri Paesi  dove subiscono controlli da parte delle rispettive Corti dei Conti, da noi, com'era facile prevedere, s'invoca l'anonimato.


Poi c'è la legge elettorale. E anche questa non è chiaro se cambierà, quando e come. Non è, per caso, che il governo Letta - che sarebbe dovuto essere il migliore di tutti e che avrebbe dovuto salvare l'Italia - alla fine si sta dimostrando come tutti gli altri?
 

Nessun commento: