Salutamassòreta

Salutamassòreta

Copyright

L'intero contenuto del sito, comprendente scritti, disegni, vignette, illustrazioni, fotografie non può essere né copiato né replicato su altri siti web, riviste, giornali, CD-ROM o altri tipi di supporto senza il consenso dell'Autore. L'autorizzazione deve essere richiesta per iscritto, via-posta elettronica, direttamente a francescodotti@alice.it e si ritiene accettata solo dopo esplicito assenso scritto dell'Autore.
Il silenzio, pertanto, non significa "assenso" e non dà diritto ad alcuna autorizzazione.
Grazie

The entire contents of the site, including writings, drawings, cartoons, illustrations, photographs can not be copied or replicated on other websites, magazines, newspapers, CD-ROM or other medium without the permission of the Author. The permit must be obtained in writing, via e-mail directly to francescodotti@alice.it and it is considered accepted only after explicit written consent of the Author.
The silence, therefore, does not mean "consent" and does not entitle it to any authorization.

Thanks

Thanks

Avvertenza

Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog potrebbero essere tratti da internet e, pertanto, considerati di pubblico dominio. Qualora, però, la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'Autore, vogliate comunicarlo via email.
Saranno immediatamente rimossi.
L'Autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link, né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.
Creative Commons License
Tutte le opere e le immagini di questo blog sono pubblicate sotto una Licenza Creative Commons.

Origine delle parole


Lo studio dell'origine delle parole, o etimologia, come diceva il mio compagno di scuola delle Medie Guidotto da Pistoia, risale proprio all'origine della parola stessa. Sennò che origine sarebbe?
Se prendiamo per esempio la parola "toponomastica" e la analizziamo ne deriva che in origine essendo le città antiche piene di topi i quali ormai vivevano a stretto contatto con gli abitanti, non potendo questi scacciarli perché erano proprio tanti, inizialmente avevano condotto contro di loro una lotta senza quartiere.
Cioè, indipendentemente dal quartiere dove abitavano, gli facevano la guerra. Visto che però risultava difficile mandarli via perché i topi si erano abituati e lì ci stavano bene come il cacio sui maccheroni, avendo il cacio e pure i maccheroni chi li mandava più via?
Così il sindaco ebbe un'idea: "E se a ciascun topo, per distinguerlo dagli altri, dessimo un nome?" La Giunta approvò all'unami... umanini... unimani... fu tutta d'accordo e così nacque la toponomastica.
Per fare un esempio diverso, questa volta di fotoetimologia, questo attrezzo che vedete qui sotto è un timone. 


Ebbene, forse non tutti sanno che in origine non si chiamava in questo modo bensì "timonio". In abruzzese stretto, o "abrzzse", sennò che abruzzese stretto sarebbe?  
La Storia ci parla di un vecchio pescatore di Giulianova, Guido Labarca, prozio da parte di nonna di un nostro lontano parente, che aveva una paranza ormeggiata al pontile di Pineto e tutte le volte che usciva a pescare si doveva sciroppare quasi 200 chilometri a cavallo per procurarsi da vivere.
Una mattina, mentre lo zio Guido stava scaricando una cesta di sardine sulla banchina, picchiò una tale rotulata proprio sulla ruota dell'organo direzionale di poppavia, che non poté fare a meno di trattenere un grido di dolore: "Malidetto lu timonio 'npestato cane, che lo possino!!" 
Ecco come, a volte, hanno origine le parole della nostra bella lingua Italiana.

2 commenti:

Tomaso ha detto...

Ciao caro Francesco, buona settimana caro amico.
Tomaso

CeccoDotti ha detto...

Grazie, Tomaso, per la visita!
Un caro saluto e buona settimana anche a te!
Francesco