Salutamassòreta

Salutamassòreta

Copyright

L'intero contenuto del sito, comprendente scritti, disegni, vignette, illustrazioni, fotografie non può essere né copiato né replicato su altri siti web, riviste, giornali, CD-ROM o altri tipi di supporto senza il consenso dell'Autore. L'autorizzazione deve essere richiesta per iscritto, via-posta elettronica, direttamente a francescodotti@alice.it e si ritiene accettata solo dopo esplicito assenso scritto dell'Autore.
Il silenzio, pertanto, non significa "assenso" e non dà diritto ad alcuna autorizzazione.
Grazie

The entire contents of the site, including writings, drawings, cartoons, illustrations, photographs can not be copied or replicated on other websites, magazines, newspapers, CD-ROM or other medium without the permission of the Author. The permit must be obtained in writing, via e-mail directly to francescodotti@alice.it and it is considered accepted only after explicit written consent of the Author.
The silence, therefore, does not mean "consent" and does not entitle it to any authorization.

Thanks

Thanks

Avvertenza

Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog potrebbero essere tratti da internet e, pertanto, considerati di pubblico dominio. Qualora, però, la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'Autore, vogliate comunicarlo via email.
Saranno immediatamente rimossi.
L'Autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link, né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.
Creative Commons License
Tutte le opere e le immagini di questo blog sono pubblicate sotto una Licenza Creative Commons.

Ius soli


 Forse intendono lo "ius solis": cioè il diritto a prendere il sole. 
E quello non si nega a nessuno!

E' a dir poco vergognoso quello che sta accadendo negli stadi, ma non solo.
L'intolleranza razziale sta raggiungendo livelli preoccupanti, ma oltre al naturale sdegno e la comprensibile riprovazione del momento, alla fine sembra passare tutto "in cavalleria". Il colore della pelle, la religione diversa o più genericamente la "superiorità" di una razza rispetto a un'altra non possono, e non devono, determinare delle gerarchie e creare discriminanti. E i pochi imbecilli ignoranti che lo credono possibile, sono e restano degli ignoranti imbecilli. E termino qui.
Anzi, no. 
Girando per il web, ho trovato questi significativi articoli: 
il primo, fonte: L'Unione Sarda.it, è un servizio di Videolina: 

http://www.videolina.it/video/servizi/48494/sassari-ancora-fuoco-nel-campo-nomadi-ridotto-a-discarica.html

il secondo, fonte: Il Messaggero.it, che vi giro così ve lo leggete:

http://www.ilmessaggero.it/roma/roma_ostia_mare_ambulanti_spiagge_abusivismo/notizie/309090.shtml

Spesso, intolleranza e razzismo hanno origine anche da questi fatti. Ma non toccherebbe alle "istituzioni" porvi rimedio? Eppure siamo su una spiaggia della Capitale. D'Italia.

                ______ ° ______ ° ______ ° _______ ° ______ ° ______ ° ______ ° ______

Approfitto però dello spazio per parlare di un'altra questione, salita alla ribalta dell'informazione in questi giorni. Mi riferisco a quello "scivolone" di Stefano Fassina a proposito dell'evasione fiscale, che la Camusso, Colaninno e altri che la pensano come loro hanno censurato definendolo "grave errore politico".
D'altra parte, se andiamo a guardare bene, le beghe della sinistra italiana hanno origini lontane che risalgono ai tempi di Gramsci e di Bordiga, per continuare col compromesso storico di Berlinguer e Aldo Moro e, attraverso alterne convergenze e divergenze con questa o con quella corrente moderata o radicale, arriviamo ai giorni nostri. Quindi, se qualcuno s'illude che oggi con qualche congresso questi problemi si possano risolvere mettendo tutti d'accordo perde solo tempo. Non è la politica, con le sue regole e le sue sfumature di... lana caprina a dover cambiare, ma chi la fa: cioè gli uomini. Tutto il resto è noia.
Ebbene, tornando a noi, Fassina ha ragione da vendere quando dice che l'evasione fiscale in certi casi diventa una necessità di vita. Non lo disse anche Berlusconi? E anche lui aveva ragione da vendere. Dov'è lo scandalo, la vergogna, l'eresia? 
Non dovrebbe essere la sinistra storicamente vicina ai poveri, ai deboli, ai disadattati? Dov'è finita l'uguaglianza di tutti i cittadini sul piano economico e sociale? Che fine ha fatto il "Quarto Stato", simbolo della classe operaia, delle lotte "proletarie" e tutto il resto? Chiacchiere. Solo chiacchiere. 
Intanto la gente sta di male in peggio, non ha soldi da spendere, manca il lavoro, l'economia va a rotoli e le tasse sono sempre più alte. Ieri mi è arrivata la Tares del 2013 - due acconti da pagare entro ottobre, più il saldo "a sorpresa" a dicembre -, poi ci sono le bollette, il condominio e quelle cose che tutti purtroppo conosciamo. 
Di contro, diminuiscono i servizi al cittadino che i Comuni, le Province e le Regioni, anch'essi pieni di debiti fino al collo, fanno sempre più fatica ad assicurare. Tra un po' è probabile che mancheranno anche i soldi per gli stipendi e le pensioni, in molti casi pagati in ritardo. Però la Corte Costituzionale ha dichiarato illegittimo (artt. 3 e 53 della Costituzione) il contributo percentuale sulle pensioni d'oro (oltre i 90 mila euro lordi all'anno) e obbliga l'Inps a restituirlo (40 milioni di euro all'anno da ridare indietro) ai legittimi proprietari. 

http://www.repubblica.it/economia/2013/07/26/news/inps_pensioni_d_oro_contributo-63763231/ 

Ma il blocco dell'adeguamento al costo della vita delle pensioni che superano di tre volte il minimo, quello no. Quello non è anticostituzionale e deve essere mantenuto. Come le pensioni da 500 euro al mese. Qui, gli artt. 3 e 53 della Costituzione non fanno testo. Non fa ridere? O incazzare?
Intanto, aumentano i furti, le rapine, gli omicidi, i traffici di droga e la delinquenza diffusa, ma si vogliono svuotare le carceri perché sono piene. E ogni giorno vengono arrestate valanghe di persone. E allora? Di che stiamo parlando?
 

2 commenti:

Tomaso ha detto...

Ciao Francesco, rieccomi dopo la bella vacanza passata. La mia esperienza che ho avuto è stato bello per me, come saprai ho fatto il libro della mia vita ed è stato presentato al mio paese natio dagli alpini del gruppo e ora è a disposizione di tutti nella biblioteca di loro, se ti interessa da mi c'è il PDF che si può scaricare e leggerlo così tutti conosceranno chiaramente tutta la mia vita.
Buon fine settimana caro amico.
Tomaso

CeccoDotti ha detto...

Carissimo Tomaso, ho letto tutti i tuoi post e ho visto le meravigliose foto che hai messo. Poi mi guardo anche il libro, che ho scaricato, e ti ringrazio per averlo condiviso con tutti noi. Le tue esperienze di vita non sono comuni e rappresentano una lezione per molti giovani d'oggi.
Ci hai fatto proprio un bel regalo!
Buona settimana anche a te, e grazie per esserti ricordato degli amici.
Un abbraccio,
Francesco